Virus Zika

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Virus Zika (ZIKV)
Zika EM CDC 280116.tiff
Zika virus al microscopio elettronico (diametro particelle di 40 nm)
Classificazione dei virus
Dominio Acytota
Gruppo Gruppo IV (virus a ((+)ssRNA))
Famiglia Flaviviridae
Genere 'Flavivirus'
Specie Zika virus
Presenza del virus Zika nel mondo al marzo 2013[1]

Il virus Zika (ZIKV) è un virus a RNA della famiglia Flaviviridae, genere Flavivirus, gruppo Spondweni, specie Zika, isolato per la prima volta nel 1947 da un primate in Uganda,[2] nella Foresta Zika, una riserva naturale vicino ad Entebbe.[3] Negli anni 2010 si sono registrati occorrenze della malattia in tutti i continenti e dei casi isolati si sono registrati anche in Europa[4], su soggetti che erano reduci da viaggi in zone tropicali e senza che sia documentata alcuna forma di trasmissione del virus in Europa[5].

Negli esseri umani provoca una malattia nota come "zika" o febbre Zika. Il virus è strettamente correlato a quelli che provocano il dengue, la febbre gialla, l'encefalite del Nilo occidentale e l'encefalite giapponese, tutti trasmessi soprattutto da punture d'insetto e pertanto definiti arbovirus.[6]

Il virus è trasmesso da numerose zanzare del genere Aedes, negli ambienti equatoriali soprattutto da Aedes aegypti. Studi sui vettori implicati nella trasmissione del virus hanno permesso di isolare il virus Zika anche in alcune popolazioni di Aedes albopictus (zanzara tigre) provenienti dal Gabon.[7] Poiché questa zanzara è divenuta assai comune anche nei climi temperati dell'emisfero boreale, come in Nord America, la penisola italiana, e altre zone del bacino mediterraneo, potrebbe in futuro rappresentare un serio rischio per l'espansione del virus anche in queste aree del pianeta[8]. A tale proposito, tuttavia, non esistono però casi documentati di trasmissione del virus in Europa da parte di questa zanzara[9].

Virologia[modifica | modifica wikitesto]

Un Flavivirus al microscopio elettronico

Come gli altri virus in questa famiglia, il virus Zika è avvolto da un capside icosaedrico e il genoma è costituito da una singola elica di RNA a senso positivo, lunga 10794 nucleotidi. Dal punto di vista filogenetico, esso è strettamente imparentato con il virus Spondweni, un virus che con lo Zika forma un proprio gruppo (clade) Spondweni all'interno al genere Flavivirus.

Condivide con gli altri membri del genere le stesse caratteristiche strutturali e lo stesso ciclo di replicazione, così come la stessa organizzazione genetica, tranne che per la regione 3' UTR.[10] Altri membri appartenenti allo stesso genere sono il virus Ilheus (ILHV), quello dell'encefalite di Rocio o virus Rocio (ROCV) e dell'encefalite di Saint-Louis.[11]

Si segnalano casi di possibile co-infezione virale Dengue + Chikungunya + Zika.[12]

Trasmissione del virus[modifica | modifica wikitesto]

La Febbre Zika si contrae prevalentemente tramite punture di artropodi (zanzare), pur essendo possibile un contagio diretto attraverso emoderivati o per via sessuale, stante la presenza di virioni nel liquido seminale di uomini malati.[13]

Serbatoi del virus[modifica | modifica wikitesto]

Principali serbatoi animali dell'infezione sono i primati, alcuni grandi mammiferi (ippopotami, impala, elefanti, capre, pecore, alcelafi, leoni, gnu, zebre), e i roditori.[1] Durante la prima settimana di infezione, il virus Zika è presente in circolo e può essere isolato nel sangue del soggetto.[14]

Vettori del virus[modifica | modifica wikitesto]

Previsione del 2015 della diffusione mondiale della Aedes aegypti nel 2016 (blu=assente; rosso=molto presente)

Molte specie di zanzara sono state identificate come vettori del virus, appartenenti ai generi Aedes, Anopheles, Mansonia ed Eretmapodites.[15] Nei climi caldi il vettore principale è costituito da A. africanus e A. aegypti[16] e, in misura minore, da A. polynesiensis, A. unilineatus, A. vittatus e A. hensilli.[17] Durante l'epidemia di Febbre Zika nell'Isola Yap nel 2007, l'Aedes hensilli venne identificata come principale vettore.[18] Negli altri climi più temperati, un potenziale vettore potrebbe diventare la zanzara tigre (Aedes albopictus), abbondantemente distribuita in tutto il mondo.[19] Tuttavia non sono stati documentati casi di trasmissione del virus nelle aree europee[5] sebbene questa zanzara sia ormai piuttosto comune in alcune zone come la penisola italiana o altre zone del bacino mediterraneo e dell'Europa centrale[20].

Vie di trasmissione del virus[modifica | modifica wikitesto]

Le vie di trasmissione note sono:[21]

  • perinatale,[22]
  • trasmissione sessuale,[23][24]
  • saliva,
  • urine,
  • sperma,
  • latte materno.

È inoltre verosimile la possibilità di contagio materno-fetale, essendo stato trovato il virus all'interno della placenta e nel liquido amniotico di malate gravide, con conseguenti effetti teratogeni segnalati sull'embrione, soprattutto nel I trimestre di gravidanza.[25]

Viene segnalata la possibilità di una trasmissione del virus con la saliva/bacio, questa via però è molto remota, per la scarsa carica virale nella saliva, secondo gli esperti infettivologi dell'ospedale Spallanzani.[26] La possibilità di una trasmissione con lo sperma al contrario è invece documentata, essendo stato accertato ufficialmente nel mese di febbraio 2016 il secondo caso accertato di trasmissione del virus per via sessuale, in Texas in una donna contagiata dal partner tornato da un viaggio in Sud America.[27][28]

Uno studio brasiliano pubblicato su The Lancet il 17 febbraio 2016 ha suggerito una possibile conferma della trasmissione materno-fetale con il liquido amniotico (trasmissione verticale). Il ceppo che interessa il Brasile nel 2016 è un ceppo geneticamente correlato a quello trovato nella Polinesia Francese nel 2013; inoltre, i ricercatori scrivono che questo ceppo è responsabile dei casi di microcefalia trovati in Brasile in misura abnormemente alta rispetto a prima dell'epidemia da Zika virus, pur mancando ancora la prova definitiva del tropismo del virus sulle cellule nervose umane.[29]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il virus fu isolato nel 1947 da un esemplare di macaca mulatta presente nella Foresta Zika dell'Uganda, e successivamente nel 1968 fu isolato per la prima volta in esseri umani in Nigeria. Dal 1951 al 1981, analoghi campioni umani sono risultati positivi anche in Uganda, Tanzania, Egitto, Repubblica Centrafricana, Sierra Leone, Senegal e il Gabon. In Asia si è riscontrata in India, Malesia, Filippine, Thailandia, Vietnam e Indonesia dove è stato trovato nel 2006.[18]

La prima epidemia nota da virus Zika fuori dall'Africa si ha nel 2007 nell'isola di Yap, nella Micronesia.[30] Il virus Zika è stato trovato nel 2015 anche in Colombia, Suriname, El Salvador, Guatemala, Capo Verde, Figi, Vanuatu, Samoa, Nuova Caledonia, isole Salomone, Indonesia,[31] Messico[3] e Brasile.[32]

L'Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarò, nel febbraio 2016, che l'epidemia da Zika virus è una Public Health Emergency of International Concern (PHEIC) ovvero «un'urgenza di sanità pubblica di portata internazionale»; ciò a pochi mesi dall'inizio delle Olimpiadi del 2016 che si sarebbero svolte ad agosto in Brasile.[33]

Aborto preventivo[modifica | modifica wikitesto]

Sempre l'OMS,[34] in attesa che venga approntato un vaccino, suggerisce di ricorrere all'aborto terapeutico ai governi dei paesi coinvolti dall'epidemia, tutto ciò per scongiurare una possibile crescita esplosiva dei casi di microcefalia nei nascituri di gestanti contagiate.[35]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa della diffusione mondiale dell'epidemia al dicembre 2015
Situazione dell'infezione in America al febbraio 2016

Gli studi che hanno analizzato l'intero RNA dell'agente infettivo hanno dimostrato un'alta omologia genomica tra il ceppo latino-americano e quello che ha circolato nel Pacifico tra il 2013 e il 2014.[36]

Nel 2015 in Brasile la prevalenza di nuovi casi fu stimata fra i 440.000 e 1.300.000, mentre casi autoctoni furono registrati in Colombia, El Salvador, Guatemala, Messico, Paraguay, Porto Rico e Venezuela.[36] Inoltre, sempre in Brasile, nel 2015 si sono registrati nei neonati ben 3500 casi di microcefalia, a fronte dei precedenti 150 casi/anno.[37]

In viaggiatori statunitensi sani, di ritorno da paesi dove il virus è endemico, è stata riscontrata una positività sierologica agli anticorpi specifici. Questi casi importati sono destinati ad aumentare e potranno portare alla diffusione locale del virus in alcune zone degli Stati Uniti.[14] Il New York Times del 17 gennaio 2016 riportò del primo caso USA di microcefalia in un neonato, nato a Ohau nelle Hawaii, la cui madre aveva soggiornato in Brasile per alcuni mesi durante la gravidanza.[38][39] Un ulteriore caso è stato segnalato in Texas.[40]

Il 27 gennaio 2016 è stato confermato il primo caso di Zika in Argentina.[41]

In Spagna fu segnalato, il 4 febbraio 2016, il primo caso in Europa di donna incinta contagiata dal virus Zika. Al 6 febbraio 2016 sono segnalati in Italia 9 casi di infezione da virus Zika.[33]

Venne segnalato il 9 febbraio 2016 il primo caso di malattia da Zika virus in Cina.[42]

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

Esantema in un paziente affetto da infezione da Zika virus

Patogenesi[modifica | modifica wikitesto]

Si ipotizza che l'infezione inizi dalle cellule dendritiche vicine al sito di inoculo, seguito da uno sviluppo nei linfonodi satelliti e quindi attraverso il flusso sanguigno. In genere, i flavivirus si replicano nel citoplasma, ma l'antigene del virus Zika è stato trovato anche nei nuclei di cellule infette.[43]

Il periodo di incubazione della malattia dopo la puntura con il vettore è di circa 10 giorni.[18] La malattia provocata da questo virus è asintomatica nel 25% dei casi (secondo il CDC l'80% delle persone infettate con il virus sono asintomatici),[44] oppure determina una sintomatologia lieve, come nella Dengue, con cui può essere confusa.[18] In tal caso, i sintomi possono essere febbre lieve, eruzione cutanea (esantema), congiuntivite e cefalea.[45] L'infezione virale da virus Zika è in genere mite, con sintomi che durano solo pochi giorni. Non esistendo una terapia eziologica che debelli l'infezione, il trattamento si concentra essenzialmente su come alleviare i sintomi, e prevenire l'ulteriore contagio. La prevenzione e il controllo si basano sulla riduzione dello sviluppo di zanzare del genere Aedes e riducendo al minimo il contatto tra le zanzare vettori e le persone, per mezzo di barriere (repellenti, zanzariere), riducendo i ristagni d'acqua che sostengono lo sviluppo delle pupe e delle larve di zanzara e abbattendo, con disinfestazioni, la popolazione di zanzare adulte nelle comunità a rischio.

Diagnosi differenziale[modifica | modifica wikitesto]

La diagnosi differenziale va posta con le seguenti infezioni: dengue, leptospirosi, malaria, rickettsiosi, streptococco di gruppo A, rosolia, morbillo, parvovirus, enterovirus, adenovirus, alphavirus (Chikungunya, Mayaro virus, Ross River virus, Barmah Forest virus, O'nyong-Nyong virus e Sindbis virus).

I test diagnostici per il virus Zika sono: reazione a catena della DNA polimerasi - trascrizione inversa (RT-PCR) su siero. Gli IgM (anticorpi neutralizzanti) che si sviluppano, in genere, verso la fine della prima settimana di malattia virus specifica; essi sono in cross-reazione con i flavivirus correlati (ad esempio, dengue e febbre gialla), il virus è comune e può essere difficile da distinguere. Al fine di perfezionare la diagnosi, sono stati introdotti test specifici in grado di distinguere lo Zika dagli altri Flavivirus.[46]

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

Comparazione di un cranio normale con uno microcefalico

I meccanismi con cui si esplicano le complicanze cliniche dell'infezione da Zika sembrano essere da imputare ad una duplicazione/amplificazione dei centrosomi delle cellule nervose. Ciò provoca nei topi una ritardata mitosi, aumento dell'apoptosi, neurali con disorientamento delle cellule staminali, prematura differenziazione neuronale e riduzione del numero delle cellule progenitrici, tutti meccanismi che ben spiegano i casi di microcefalia.[21]

Microcefalia[modifica | modifica wikitesto]

L'infezione da questo virus nelle donne gravide si ritiene che possa determinare nel nascituro casi di microcefalia e di malformazioni fetali. Nel 2015, nel nord del Brasile vi è stato un incremento molto importante dei casi di microcefalia, la cui causa sembra essere in stretta relazione con l'infezione da Zika virus nelle donne incinte, anche asintomatica.[47] Il Center for Disease Control and Prevention di Atlanta, negli USA, nel gennaio 2016 ha emanato un allerta di livello 2 che riguarda le donne gravide o a rischio di gravidanza affinché, se possibile, evitino di recarsi nei paesi a rischio (Brasile, Colombia, El Salvador, Guyana francese, Guatemala, Haiti, Honduras, Martinica, Messico, Panama, Paraguay, Porto Rico, Repubblica Dominicana, Suriname e Venezuela)[48][49][50] o osservino adeguate precauzioni.

All'esame autoptico di un feto di 29 settimane, abortito da una donna affetta da febbre Zika nel primo trimestre di gravidanza, si è osservato che presentava: «agiria quasi completa (mancanza delle circonvoluzioni cerebrali), idrocefalo, e calcificazioni distrofiche multifocali nella corteccia e sostanza bianca sottocorticale, con spostamento corticale associata e mite infiammazione focale.» Il virus Zika è stato trovato nel tessuto cerebrale fetale ed è stato possibile studiarne e avere il genoma completo dello stesso.[51] Con questo lavoro si conferma la relazione tra il Virus Zika e la microcefalia nella gravidanza.

Sindrome di Guillain-Barré[modifica | modifica wikitesto]

Esiste una correlazione tra l'infezione con lo Zika-virus e la sindrome di Guillain-Barré.[3][52] Sono stati diagnosticati 74 casi di questa malattia in soggetti già colpiti dall'infezione nella Polinesia Francese.[53][54] Il 6 febbraio 2016 sono stati confermati tre decessi dovuti a questa grave sindrome in soggetti con pregressa infezione da virus Zika.[55]

Ricerche hanno dimostrato che 2,4 pazienti ogni 10.000 affetti dal virus Zika[56] va incontro alla Sindrome di Guillain-Barré dopo pochi giorni dall'infezione, con una frequenza di circa 20 volte maggiore rispetto ai casi attesi;[21] di questi il 3-5% va incontro a complicanze mortali. Ciò è fonte di gravi preoccupazioni per i sistemi sanitari e le popolazioni dei paesi colpiti dall'epidemia di virus Zika.[57]

Altre complicanze neurologiche[modifica | modifica wikitesto]

Un report dal Centro Europeo per la prevenzione delle Malattie e Controllo (ECDC) indica che oltre ad un aumento del numero di casi di sindrome di Guillain-Barré, possa esserci anche un significatvo aumento dei casi di encefalite, meningoencefalite, paralisi facciale, e mieliti.[58]

Apparato oculare[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2016 un case report brasiliano metteva in possibile correlazione un'uveite ipertensiva con l'infezione da Zika.[59] Altri ricercatori brasiliani hanno riscontrato importanti malformazioni del nervo ottico e della macula in neonati affetti da microcefalia post-Zika.[60]

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Non esistendo nessun trattamento antivirale specifico, la terapia si basa essenzialmente sul riposo, i fluidi e l'uso di antipiretici al bisogno.[61] A causa della somiglianza sintomatologica, e sino a precisa individuazione dell'agente infettivo, è opportuno considerare i pazienti con sospetta Zika al pari di casi di sospetta dengue o chikungunya. Per tale motivo, può essere sconsigliabile l'assunzione di aspirina o altri farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), per ridurre il rischio di emorragie, come nella dengue.

Le Autorità ritengono che questo virus possa avere un certo impatto anche nella medicina trasfusionale.[62][63] L'European Centre for Disease Prevention and Control impone infatti di posticipare di 28 giorni la donazione di sangue in soggetti che hanno avuto possibili sintomi della malattia, e di 14 giorni quanti sono rientrati da paesi a rischio.[53]

Tutti i malati di Zika, o sospetti tali, vanno anche subito adeguatamente isolati dal possibile contatto con zanzare, al fine di ridurre il rischio di trasmissione locale.[64]

Prevenzione[modifica | modifica wikitesto]

In primo luogo evitare, dove possibile, viaggi nelle aree epidemiche, ciò per le donne in gravidanza o rischio di gravidanza durante in soggiorno all'estero. Metodi aggressivi di prevenzione nei confronti dei vettori (zanzare), tra questi i repellenti a base di DEET, picaridin e IR3535; questi sono ritenuti sicuri anche in gravidanza.[44]

Esami sierologici, inclusa la RT-PCR, in donne che sono ritornate da soggiorni in aree endemiche per la febbre di Zika.[44]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Haddow AD, Schuh AJ, Yasuda CY, Kasper MR, Heang V, Huy R, Guzman H, Tesh RB, Weaver SC, Genetic characterization of Zika virus strains: geographic expansion of the Asian lineage, in PLoS Negl Trop Dis, vol. 6, nº 2, 2012, pp. e1477, DOI:10.1371/journal.pntd.0001477, PMC 3289602, PMID 22389730.
  2. ^ (PT) Pinto Junior VL, Luz K, Parreira R, Ferrinho P, [Zika Virus: A Review to Clinicians], in Acta Med Port, vol. 28, nº 6, 2015, pp. 760–5, PMID 26849762.
  3. ^ a b c Gatherer D, Kohl A, Zika virus: a previously slow pandemic spreads rapidly through the Americas, in J. Gen. Virol., 2015, DOI:10.1099/jgv.0.000381, PMID 26684466.
  4. ^ Filomena Fotia, Zika, primo caso in Danimarca: aveva viaggiato in Sud America - MeteoWeb, su MeteoWeb. URL consultato il 27 gennaio 2016.
  5. ^ a b Zika virus infection, su ecdc.europa.eu. URL consultato il 04 luglio 2016.
  6. ^ Hayes EB, Zika virus outside Africa, in Emerging Infect. Dis., vol. 15, nº 9, 2009, pp. 1347–50, DOI:10.3201/eid1509.090442, PMC 2819875, PMID 19788800. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  7. ^ Marcondes CB, Ximenes MF, Zika virus in Brazil and the danger of infestation by Aedes (Stegomyia) mosquitoes, in Rev. Soc. Bras. Med. Trop., 2015, DOI:10.1590/0037-8682-0220-2015, PMID 26689277.
  8. ^ Robert W. Malone, Jane Homan e Michael V. Callahan, Zika Virus: Medical Countermeasure Development Challenges, in PLOS Negl Trop Dis, vol. 10, nº 3, 02 marzo 2016, pp. e0004530, DOI:10.1371/journal.pntd.0004530. URL consultato il 31 maggio 2016.
  9. ^ Zika virus infection, su ecdc.europa.eu. URL consultato il 31 maggio 2016.
  10. ^ Kuno G, Chang GJ, Full-length sequencing and genomic characterization of Bagaza, Kedougou, and Zika viruses, in Arch. Virol., vol. 152, nº 4, 2007, pp. 687–96, DOI:10.1007/s00705-006-0903-z, PMID 17195954.
  11. ^ Edward B. Hayes, Zika Virus Outside Africa, in Emerging Infectious Diseases, vol. 15, nº 9, 1º settembre 2009, pp. 1347–1350, DOI:10.3201/eid1509.090442. URL consultato il 27 gennaio 2016.
  12. ^ John GT, Thomas PP, Kirubakaran MG, Thomas M, Jacob CK, Shastry JC, Methylprednisolone sodium succinate-induced anaphylaxis in a nonatopic renal transplant recipient, in Transplantation, vol. 48, nº 3, 1989, pp. 543, PMID 2675420.
  13. ^ Brian D. Foy, Kevin C. Kobylinski e Joy L. Chilson Foy, Probable Non–Vector-borne Transmission of Zika Virus, Colorado, USA, in Emerging Infectious Diseases, vol. 17, nº 5, 1º maggio 2011, pp. 880–882, DOI:10.3201/eid1705.101939. URL consultato il 27 gennaio 2016.
  14. ^ a b (EN) Geographic Distribution | Zika virus | CDC, cdc.gov. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  15. ^ Grard G, Moureau G, Charrel RN, Holmes EC, Gould EA, de Lamballerie X, Genomics and evolution of Aedes-borne flaviviruses, in J. Gen. Virol., vol. 91, Pt 1, 2010, pp. 87–94, DOI:10.1099/vir.0.014506-0, PMID 19741066.
  16. ^ Peter I. Whelan et Julie Hall, « Zika virus disease »,Northern Territory Disease Control Bulletin, vol. 15, no 1, 2008, p. 19-20
  17. ^ Factsheet for health professionals, su ecdc.europa.eu. URL consultato il 27 gennaio 2016.
  18. ^ a b c d Hayes EB, Zika virus outside Africa, in Emerging Infect. Dis., vol. 15, nº 9, 2009, pp. 1347–50, DOI:10.3201/eid1509.090442, PMC 2819875, PMID 19788800.
  19. ^ Wong PS, Li MZ, Chong CS, Ng LC, Tan CH, Aedes (Stegomyia) albopictus (Skuse): a potential vector of Zika virus in Singapore, in PLoS Negl Trop Dis, vol. 7, nº 8, 2013, pp. e2348, DOI:10.1371/journal.pntd.0002348, PMC 3731215, PMID 23936579.
  20. ^ Upane - www.upane.it, GISD, su www.iucngisd.org. URL consultato il 04 luglio 2016.
  21. ^ a b c Birbeck GL, Zika virus: What the neurologist wants to know, in Neurology, 2016, DOI:10.1212/WNL.0000000000002553, PMID 26896047.
  22. ^ Besnard M, Lastere S, Teissier A, Cao-Lormeau V, Musso D, Evidence of perinatal transmission of Zika virus, French Polynesia, December 2013 and February 2014, in Euro Surveill., vol. 19, nº 13, 2014, PMID 24721538.
  23. ^ Musso D, Roche C, Robin E, Nhan T, Teissier A, Cao-Lormeau VM, Potential sexual transmission of Zika virus, in Emerging Infect. Dis., vol. 21, nº 2, 2015, pp. 359–61, DOI:10.3201/eid2102.141363, PMC 4313657, PMID 25625872.
  24. ^ Ginier M, Neumayr A, Günther S, Schmidt-Chanasit J, Blum J, Zika without symptoms in returning travellers: What are the implications?, in Travel Med Infect Dis, vol. 14, nº 1, 2016, pp. 16–20, DOI:10.1016/j.tmaid.2016.01.012, PMID 26876061.
  25. ^ Fast-spreading virus may cause severe birth defects, su Science | AAAS. URL consultato il 27 gennaio 2016.
  26. ^ Paura di baciare: Zika uccide ancora., iltempo.it, 7 febbraio 2016.
  27. ^ Zika, in Texas primo contagio per via sessuale, agi.it. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  28. ^ McCarthy M, Zika virus was transmitted by sexual contact in Texas, health officials report, in BMJ, vol. 352, 2016, pp. i720, PMID 26848011.
  29. ^ Calvet G, Aguiar RS, Melo AS, Sampaio SA, de Filippis I, Fabri A, Araujo ES, de Sequeira PC, de Mendonça MC, de Oliveira L, Tschoeke DA, Schrago CG, Thompson FL, Brasil P, Dos Santos FB, Nogueira RM, Tanuri A, de Filippis AM, Detection and sequencing of Zika virus from amniotic fluid of fetuses with microcephaly in Brazil: a case study, in Lancet Infect Dis, 2016, DOI:10.1016/S1473-3099(16)00095-5, PMID 26897108.
  30. ^ Altman, L.K., Little-Known Virus Challenges a Far-Flung Health System, in The New York Times, 3 luglio 2007.
  31. ^ Microcefalia, in Brasile scatta l’allarme per il virus Zika | Si24, si24.it. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  32. ^ Brasile corre ai ripari per epidemia virus Zika, ansa.it, 17 gennaio 2016. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  33. ^ a b Valeria Pini, Zika, l'appello dell'Onu: "I paesi più colpiti autorizzino contraccezione e aborto" - Repubblica.it, repubblica.it, 5 febbraio 2016. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  34. ^ (FR) Christian Losson, Virus zika : l’OMS annonce un «niveau d’alerte extrêmement élevé» - Libération, Liberation, 28 gennaio 2016. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  35. ^ Renato Farina, Aborti per fermare Zika La triste ricetta Onu per sconfiggere il virus - IlGiornale.it, www.ilgiornale.it, 6 febbraio 2016. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  36. ^ a b (EN) Zika virus: a new global threat for 2016, The Lancet. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  37. ^ Emergenza in Brasile per il virus Zika: oltre 3500 casi di microcefalia nei neonati - news24web =, news24web.it. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  38. ^ (EN) Virus Zika, primo caso Usa. L'authoriy alle donne incinte: "Non andate nei paesi infestati" - Repubblica.it, repubblica.it.
  39. ^ (EN) Hawaii Baby With Brain Damage Is First U.S. Case Tied to Zika Virus - The New York Times, The New York Times. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  40. ^ McCarthy M, First US case of Zika virus infection is identified in Texas, in BMJ, vol. 352, 2016, pp. i212, PMID 26762624.
  41. ^ Enrico Caporale, Virus Zika, l’Oms lancia l’allarme: “Attesi 3-4 milioni di casi in tutto il Continente americano” - La Stampa, La Stampa=.
  42. ^ Zika: scienziati cinesi tracciano la sequenza del genoma del virus, - Repubblica.it, 23 febbraio 2016.
  43. ^ Buckley A, Gould EA, Detection of virus-specific antigen in the nuclei or nucleoli of cells infected with Zika or Langat virus, in J. Gen. Virol., 69 ( Pt 8), 1988, pp. 1913–20, DOI:10.1099/0022-1317-69-8-1913, PMID 2841406.
  44. ^ a b c (EN) Janis C. Kelly, CDC Provides Interim Guidance on Congenital Zika Virus, Medscape Log In, 28 gennaio 2016. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  45. ^ Virus Zika, allarme microcefalia in Brasile | MedicinaLive, medicinalive.com. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  46. ^ Virus Zika, il primo test è made in Padova - Cronaca - Il Mattino di Padova, su Il Mattino di Padova. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  47. ^ Schuler-Faccini L, Ribeiro EM, Feitosa IM, Horovitz DD, Cavalcanti DP, Pessoa A, Doriqui MJ, Neri JI, Neto JM, Wanderley HY, Cernach M, El-Husny AS, Pone MV, Serao CL, Sanseverino MT, Possible Association Between Zika Virus Infection and Microcephaly - Brazil, 2015, in MMWR Morb. Mortal. Wkly. Rep., vol. 65, nº 3, 2016, pp. 59–62, DOI:10.15585/mmwr.mm6503e2, PMID 26820244.
  48. ^ (EN) Zika Virus in South America - Alert - Level 2, Practice Enhanced Precautions - Travel Health Notices | Travelers' Health | CDC, wwwnc.cdc.gov, 14 gennaio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  49. ^ Petersen EE, Staples JE, Meaney-Delman D, Fischer M, Ellington SR, Callaghan WM, Jamieson DJ, Interim Guidelines for Pregnant Women During a Zika Virus Outbreak - United States, 2016, in MMWR Morb. Mortal. Wkly. Rep., vol. 65, nº 2, 2016, pp. 30–3, DOI:10.15585/mmwr.mm6502e1, PMID 26796813.
  50. ^ Staples JE, Dziuban EJ, Fischer M, Cragan JD, Rasmussen SA, Cannon MJ, Frey MT, Renquist CM, Lanciotti RS, Muñoz JL, Powers AM, Honein MA, Moore CA, Interim Guidelines for the Evaluation and Testing of Infants with Possible Congenital Zika Virus Infection - United States, 2016, in MMWR Morb. Mortal. Wkly. Rep., vol. 65, nº 3, 2016, pp. 63–67, DOI:10.15585/mmwr.mm6503e3, PMID 26820387.
  51. ^ Mlakar J, Korva M, Tul N, Popović M, Poljšak-Prijatelj M, Mraz J, Kolenc M, Resman Rus K, Vesnaver Vipotnik T, Fabjan Vodušek V, Vizjak A, Pižem J, Petrovec M, Avšič Županc T, Zika Virus Associated with Microcephaly, in N. Engl. J. Med., 2016, DOI:10.1056/NEJMoa1600651, PMID 26862926.
  52. ^ Dyer O, Zika virus spreads across Americas as concerns mount over birth defects, in BMJ, vol. 351, 2015, pp. h6983, PMID 26698165.
  53. ^ a b (EN) ecdc.europa.eu (PDF), ecdc.europa.eu. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  54. ^ Oehler E, Watrin L, Larre P, Leparc-Goffart I, Lastere S, Valour F, Baudouin L, Mallet H, Musso D, Ghawche F, Zika virus infection complicated by Guillain-Barre syndrome--case report, French Polynesia, December 2013, in Euro Surveill., vol. 19, nº 9, 2014, PMID 24626205.
  55. ^ Zika, tre morti in Colombia per complicanze neurologiche. In Italia 9 le persone contagiate - Rai News, rainews.it, 6 febbraio 2016. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  56. ^ (EN) Mary E. Wilson, MD reviewing Cao-Lormeau V-M et al. Lancet 2016 Feb 29. Smith DW and Mackenzie J. Lancet 2016 Feb 29. - See more at:, More Evidence Linking Guillain-Barré Syndrome and Zika Virus, - NEJM Journal Watch. URL consultato il 1º marzo 2016.
  57. ^ Zika, studio francese: c'è un legame con una grave patologia neurologica, Repubblica.it. URL consultato il 1º marzo 2016.
  58. ^ ECDC. Rapid Risk Assessment, Zika Virus Outbreak, French Polynesia. Solna, Sweden: European Centre for Disease Prevention and Control; 2014. Cit. in: Birbeck GL, Zika virus: What the neurologist wants to know, in Neurology, 2016, DOI:10.1212/WNL.0000000000002553, PMID 26896047.
  59. ^ Fontes BM, Zika virus-related hypertensive iridocyclitis, in Arq Bras Oftalmol, vol. 79, nº 1, 2016, pp. 63, DOI:10.5935/0004-2749.20160020, PMID 26840174.
  60. ^ Ventura CV, Maia M, Ventura BV, Linden VV, Araújo EB, Ramos RC, Rocha MA, Carvalho MD, Belfort R, Ventura LO, Ophthalmological findings in infants with microcephaly and presumable intra-uterus Zika virus infection, in Arq Bras Oftalmol, vol. 79, nº 1, 2016, pp. 1–3, DOI:10.5935/0004-2749.20160002, PMID 26840156.
  61. ^ Heiman F. L. Wertheim, Peter Horby e John P. Woodall, Atlas of Human Infectious Diseases, Includes Desktop Edition, John Wiley & Sons, 26 marzo 2012, pp. 273–, ISBN 978-1-4051-8440-3.
  62. ^ Marano G, Pupella S, Vaglio S, Liumbruno GM, Grazzini G, Zika virus and the never-ending story of emerging pathogens and transfusion medicine, in Blood Transfus, 2015, pp. 1–6, DOI:10.2450/2015.0066-15, PMID 26674815.
  63. ^ Aubry M, Finke J, Teissier A, Roche C, Broult J, Paulous S, Desprès P, Cao-Lormeau VM, Musso D, Seroprevalence of arboviruses among blood donors in French Polynesia, 2011-2013, in Int. J. Infect. Dis., vol. 41, 2015, pp. 11–2, DOI:10.1016/j.ijid.2015.10.005, PMID 26482390.
  64. ^ (EN) For Health Care Providers: Diagnostic Testing | Zika virus | CDC, cdc.gov. URL consultato il 16 gennaio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fauquet CM, Mayo MA, Maniloff J, Desselberger U, Ball LA (Eds): «Virus Taxonomy». In: 'VIIIth Report of the ICTV. London: Elsevier/Academic Press, 2005, pp. 981 e segg. (Google libri, parziale)
  • «Flaviviridae». In: Gaetano Crepaldi e Aldo Baritussio, Trattato di medicina interna, Vol. III, Padova: Piccin, 2003, pp. 570–5, ISBN 88-299-1642-0 (Google libri)

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di microbiologia