Alloherpesviridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Alloherpesviridae
CSIRO ScienceImage 2039 Pilchard Herpesvirus.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Duplodnaviria
Regno Heunggongvirae
Phylum Peploviricota
Classe Herviviricetes
Ordine Herpesvirales
Famiglia Alloherpersviridae
Generi

Gli Alloherpesviridae sono una famiglia di virus a dsDNA facente parte dell'ordine Herpesvirales, del regno Heunggongvirae.[1]

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

I virioni sono di forma sferica, dotati di involucro all'interno del quale vi sono due strati di tegumento (tegumento esterno e tegumento interno) che racchiudono il capside. Il virione ha un raggio che va da 120 a 200 nm ed è dotato di proteine di superficie sporgenti. Il tegumento non presenta una struttura riconoscibile, è formato da proteine disposte spesso in maniera asimmetrica. Il capside, formato da 162 capsomeri, ha un diametro di 100-110 nm e simmetria icosaedrica[2].

Genoma[modifica | modifica wikitesto]

Il genoma è costituito da una singola molecola di DNA a doppio filamento lunga 120-220 kbp, ancorata alle pareti interne del capside. Il contenuto guanina+citosina è variabile a seconda della specie dal 35% al 75%[2].

Replicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il virus si replica nelle cellule dei vertebrati. Ogni specie virale infetta un singolo ospite. Il virus sfrutta recettori superficiali della cellula ospite per fondere l'involucro con la membrana cellulare e rilasciare nel citoplasma il capside e le proteine del tegumento. Attraverso i pori nucleari, il capside viene trasportato nel nucleo, dove viene rilasciato il DNA. I primi geni trascritti servono a promuovere la trascrizione di ulteriori geni virali da parte della RNA polimerasi II dell'ospite. Le proteine così prodotte vengono riportate nel nucleo e servono per la replicazione del DNA. Dopo la sintesi di numerose copie del genoma virale, vengono trascritti i geni tardivi, che codificano per le proteine strutturali e per altre. Anche queste proteine vengono riportate nel nucleo, dove le particelle virali vengono assemblate. I virioni così formati attraversano la membrana nucleare, modificata da alcune glicoproteine virali, l'apparato di Golgi e la membrana cellulare[3].

In alcuni casi il genoma virale si può integrare in quello dell'ospite e rimanere latente replicandosi come episoma insieme al DNA cellulare[3].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia virale è divisa in quattro generi e 13 specie riconosciute[1]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Virus Taxonomy: 2019 Release, International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV), luglio 2019. URL consultato il 9 giugno 2020.
  2. ^ a b (EN) ICTVdb, su ictvdb.bio-mirror.cn. URL consultato il 14 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2013).
  3. ^ a b ViralZone, su viralzone.expasy.org, 6 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Herpesviridae, su ictvdb.bio-mirror.cn. URL consultato il 14 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2013). Sul Universal Virus Database dell'ICTV
  • (EN) Alloherpesviridae, su ViralZone.
  • (EN) Herpesviridae, su MicrobeWiki.
  • (EN) ICTV taxonomy 2009, su ictvonline.org. URL consultato il 6 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2011).
Microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microbiologia