Flaviviridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Flaviviridae
YellowFeverVirus.jpg

Virus della febbre gialla al microscopio elettronico
Classificazione dei virus
Dominio Acytota
Gruppo virus a ssRNA+
Ordine Non assegnato
Famiglia Flaviviridae
Generi

Flavivirus
Pestivirus
Hepacivirus

Flaviviridae è una famiglia di virus. Gli esseri umani e gli altri mammiferi servono come ospiti naturali. I virus sono distribuiti principalmente attraverso vettori artropodi (zecche e zanzare principalmente). La famiglia prende il nome dal virus della febbre gialla, un virus di tipo Flaviviridae; flavus significa giallo in latino. (Febbre gialla, a sua volta è stata denominata così per la sua propensione a causare l'ittero nelle vittime.). [1]

Ci sono attualmente 60 specie in questa famiglia, suddivisi tra quattro generi. Malattie associate con questa famiglia sono: hepaciviruses: epatite; Pestivirus: sindromi emorragiche, l'aborto, la malattia fatale delle mucose; flavivirus: l'encefalite e le febbri emorragiche. [2][3]

La famiglia Flaviviridae si compone di virus di medie dimensioni, con genoma contenuto in un singolo filamento positivo di RNA, nucleocapside a simmetria icosaedrica, avvolto da membrana lipoproteica. Distribuiti in tre generi (Flavivirus, Pestivirus ed Hepacivirus) sono membri di questa famiglia numerosi virus classificati in passato fra gli Arbovirus di gruppo B, ossia virus trasmessi principalmente da Culicidae (zanzare) e Ixodida (zecche), a cui appartengono gli agenti eziologici di numerose malattie dei vertebrati e dell'uomo. Il suo nome deriva dal vocabolo latino Flavus, che significava «giallo», in quanto nella famiglia è contenuto il "Virus della febbre gialla", responsabile di una grave malattia (la febbre gialla) che si manifesta clinicamente anche con ittero.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fauquet CM, Mayo MA, Maniloff J, Desselberger U, Ball LA (Eds): «Virus Taxonomy». In: 'VIIIth Report of the ICTV. London: Elsevier/Academic Press, 2005, pp. 981 e segg. (Google libri, parziale)
  • «Flaviviridae». In: Gaetano Crepaldi e Aldo Baritussio, Trattato di medicina interna, Vol. III, Padova: Piccin, 2003, pp. 570–5, ISBN 88-299-1642-0 (Google libri)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microbiologia
  1. ^ Flaviviridae, Microbe Wiki. URL consultato il 22 luglio 2008.
  2. ^ Viral Zone, ExPASy. URL consultato il 15 giugno 2015.
  3. ^ ICTV, Virus Taxonomy: 2014 Release, ictvonline.org. URL consultato il 15 giugno 2015.