Via del Campo (brano musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Via del Campo
ArtistaFabrizio De André
Autore/iFabrizio Cristiano De André, Vincenzo Jannacci
GenereMusica d'autore
Data1967
EtichettaBluebell Records
Durata2:30
Certificazioni (digitale)
Dischi di platinoBandiera dell'Italia Italia[1]
(vendite: 100 000+)

Via del Campo è una canzone scritta da Fabrizio De André con l'arrangiamento musicale di Gian Piero Reverberi.

La musica di "Via del Campo" è accreditata ad Enzo Jannacci in quanto è la musica di una sua canzone del 1965 "La mia morosa la va alla fonte", che faceva parte di uno spettacolo teatrale[2] e che Jannacci incluse successivamente nell'album Vengo anch'io. No, tu no. Sul vinile, nell'etichetta è riportata la scritta: «Da una musica del '500 (XVI secolo) tratta da una ricerca di Dario Fo».

Contenuto e ispirazione

[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è ambientata in via del Campo, una strada facente parte dei carruggi di Genova, città natale dell'autore, che negli anni sessanta del Novecento era teatro di amori mercenari, di illeciti commerci e di poesia[3], che avrebbe ispirato molti brani di successo dall'artista ligure (Bocca di Rosa, Crêuza de mä, Princesa ecc.).

Nella canzone ci sono delle istantanee su alcuni personaggi: «una graziosa che vende a tutti la stessa rosa» sull'uscio del bordello,[4] «una bambina» che potrebbe rappresenta la speranza in mezzo al degrado, oppure una ragazza molto giovane che sta iniziando a prostituirsi[5] ed un illuso che viene da altri ambienti, tuttavia crede di potersi maritare con quella «puttana», per impadronirsi di quel «paradiso solo lì al primo piano», ma lei non cambierà mai la sua vita.

La musica è tratta da una canzone di Dario Fo e Enzo Jannacci, La mia morosa la va a la fonte. Pur avendone scritta la musica in prima persona, i due autori ne inventarono un'origine cinquecentesca. De André utilizzò la musica, riportando gli autori della ricerca (fittizia) sulle note dell'album[6]. Ne risultò, alla SIAE, Jannacci come l'autore della musica, mentre De André del testo.

Edizioni del brano

[modifica | modifica wikitesto]

Fu pubblicata come singolo, la prima volta nel 1967, come lato A, nel 45 giri Via del Campo/Bocca di Rosa[7], fu inserita lo stesso anno nell'album Volume I.

  • Nel 2023 è stata interpretata in duetto dalla cantante Madame e dal rapper Izi (il quale si dichiara ammiratore di De André) al Festival di Sanremo 2023 nella serata dedicata alle cover.[9]
  1. ^ Via del Campo (certificazione), su FIMI. URL consultato il 18 settembre 2023.
  2. ^ Ezio Guaitamacchi, 1000 canzoni che ci hanno cambiato la vita, Milano, 2009 on line dal 2011
  3. ^ Ezio Guaitamacchi, scheda cit.
  4. ^ La prostituzione fino al 1958, anno in entrata della Legge Merlin, era praticata legalmente.
  5. ^ Via del Campo c'è una graziosa, su Genius. URL consultato il 15 giugno 2024.
  6. ^ Ansaldo, Marco. Le molte feritoie della notte: I volti nascosti di Fabrizio De André. Utet Libri, 2015.
  7. ^ Discografia Nazionale della Canzone Italiana
  8. ^ Discografia Nazionale della Canzone Italiana
  9. ^ Madame e Izi cantano "Via del Campo" di Fabrizio De André, su rainews.it, 11 febbraio 2023.

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica