Umberto Broccoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Umberto Broccoli

Umberto Broccoli (Roma, 4 settembre 1954) è un archeologo, autore televisivo, conduttore radiofonico, scrittore e conduttore televisivo italiano, dal 2008 sovraintendente ai beni culturali del comune di Roma.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'autore televisivo Bruno Broccoli, si laurea in archeologia cristiana nel 1976 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Roma La Sapienza, dove insegna per tre anni (dal 1976 al 1979) epigrafia cristiana antica, greca e latina.[1]

È stato direttore del Castello di Giulio II di Ostia (dal 1980 al 1987) e membro del Consiglio Nazionale per i Beni Culturali. Come archeologo medievista, ha successivamente lavorato per la Soprintendenza Archeologica di Roma.[2] Tra il 1988 e il 1992 è membro del Consiglio nazionale per i Beni Culturali del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali e redattore di riviste specialistiche di Archeologia medievale. Dal 1º agosto 2008 al 12 giugno 2013 è Sovrintendente per i Beni Culturali di Roma Capitale. Per questo incarico è stato insignito della onorificenza di Commendatore della Repubblica dal Presidente Giorgio Napolitano.

È stato direttore artistico della prima edizione di Archeofestival, manifestazione dedicata alla promozione e alla valorizzazione dei beni archeologici (Perugia, 10 -14 maggio 2006).

Per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali è stato direttore artistico, nonché conduttore e autore di Sulle sponde del mio Tevere, incontri spettacolo su Roma e la sua cultura, nella sala dello Stenditoio nel complesso monumentale di San Michele a Ripa Grande (tra i protagonisti Gigi Proietti, Mario Monicelli, Roberto Vecchioni, Armando Trovajoli)

Ha pubblicato numerosi saggi e libri con Laterza, Curcio, Le Monnier, Rai Eri, Rizzoli e ha collaborato con settimanali e quotidiani (La Repubblica, TV Sorrisi e Canzoni, Reset, Archeo, L’Osservatore Romano, Corriere della Sera /Sette, etc.).

Come autore e conduttore ha realizzato per la Rai programmi radiofonici e televisivi, nonché produzioni cinematografiche ed eventi teatrali. (La straordinaria storia d'Italia, Italia. Istruzioni per l'uso, Italia ore 6, Telesogni, Luna Park, L'unaitaliana, Ora sesta, Signori illustrissimi, La scoperta dell'Europa, Questa sera a via Asiago 10, Uno mattina estate, Novecento, Unomattina).

Per gli ottant'anni della radio, (da gennaio a ottobre 2004) ha scritto e condotto Ottantaradio, in diretta dagli studi Rai della Toscana. Per Isoradio ha scritto e condotto la rubrica dedicata a Le Storie della Storia.

Dal 2004 al 2006 è andato in onda quotidianamente su Canale 5 nella trasmissione televisiva Tutte le mattine con “Amando”, spazio dedicato alla poesia.

Ha scritto e diretto nel 1999 un film prodotto dalla Regione Toscana: Ritorno al viaggio.

Nel 2002, per la Rai Eri e Dischitalia, ha pubblicato il cd Voce del verso amare, raccolta di liriche d'amore con musiche originali di Franco Battiato.

Tra gli altri eventi teatrali ha scritto, diretto e interpretato per il teatro Luci colori e note per la pace, in scena nel 1999 a L’Aquila e Per le vite ritrovate, serata inaugurale del Teatro Massimo di Palermo nel 2000, con la partecipazione di Franco Battiato e Manlio Sgalambro; nel 2009 Romàntìca, Accenti sulle Storie di Roma, rassegna di spettacoli inediti di parole e note, iniziativa promossa da Roma, sei appuntamenti la domenica mattina con grandi nomi italiani della musica, del cinema e del teatro Franco Battiato, Mario Monicelli, Uto Ughi, Edoardo Vianello, Tosca, e Gigi Proietti; Verso (per) la libertà, concerto spettacolo a vent'anni dalla caduta del Muro di Berlino, con Enrico Ruggeri e Andrea Mirò, (9 novembre 2009); nel 2011, 150 ma non li dimostra, spettacolo con Gigi Proietti per le celebrazioni del 150º anniversario dell'Unità d'Italia.

Attualmente cura in video una rubrica per Unomattina (Rai 1) dopo aver realizzato e condotto per Radiouno Rai le trasmissioni Con parole mie e In Europa, trasmessi fino al 2014.

Per il Corriere della Sera scrive su Sette la rubrica Storie (di) note.

Da giugno 2015 è Direttore artistico della Maccarese s.p.a. (Comune di Fiumicino).

Dall’ a. a. 2015 - 2016 insegna Storia del Cinema e Storia dell’ Arte alla S.A.F. la Scuola di Alta Formazione nell'Istituto di Patologia del Libro del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo.

Nel 2017 conduce con Metis Di Meo un segmento di Unomattina Estate intitolato Pick up. Storie a 45 giri.

Ma la sua grande passione è per lo sport avendo giocato nelle nazionali giovanili della pallavolo.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 ha vinto il premio Diego Fabbri per la saggistica con Mamma Rai. Storia e storie del servizio pubblico radiotelevisivo ed è arrivato finalista per il premio Satira con Luna Park. La Zingara.[1]

Nel 2010 riceve il Premio Eugenio Montale - Fuori di casa per il giornalismo RAI e l'attualizzazione della cultura classica con la seguente motivazione: «Broccoli,”con parole sue“ negli anni ci ha fatto comprendere quanto attuale sia ancora nel nostro tempo la lezione dei pensatori dell'antichità e quanto importante rileggerne le pagine».[3][4]

Il 24 gennaio 2014 riceve al Quirinale l'onorificenza di Commendatore della Repubblica Italiana.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato numerosi saggi e libri con Laterza, Curcio, Le Monnier, Rai Eri, e ha collaborato con settimanali e quotidiani (La Repubblica, Avvenimenti, Ultime Notizie, TV Sorrisi e Canzoni, Reset, Archeo). Qui di seguito le principali:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN66588983 · LCCN: (ENn85061456 · ISNI: (EN0000 0000 7326 1480 · GND: (DE140143483 · BNF: (FRcb12687528k (data) · BAV: ADV10272696