The Family Way

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Family Way
Artista Paul McCartney
Tipo album Colonna sonora
Pubblicazione 12 giugno 1967
Durata 24:59
Dischi 1
Tracce 22
Genere Rock sinfonico
Etichetta London
Produttore Paul McCartney, Jean François Jarry, Carl Aubut
Registrazione dicembre 1966, febbraio-maggio 1967
Paul McCartney - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1970)

The Family Way è un album del musicista inglese Paul McCartney, pubblicato nel 1967, ed è anche la prima opera solista dell'artista (realizzata in collaborazione con George Martin e la sua orchestra). È la colonna sonora del film Questo difficile amore (The Family Way) diretto da Roy Boulting.

Rappresenta anche il primo episodio di approccio alla musica classica da parte dell'ex polistrumentista dei Beatles; i successivi lavori che seguiranno questa direzione saranno Liverpool Oratorio (1991), Standing Stone (1997), Working Classical (1999) e Ecce Cor Meum (2006). La colonna sonora venne premiata con l'Ivor Novello.

L'album è stato ristampato su CD nel 1995, senza tracce aggiuntive. Ha suscitato perplessità tra i fan la mancata inclusione nella ristampa del singolo Love in the Open Air. Si tratta di un pezzo composto da McCartney per il film e musicato dalla George Martin Orchestra, dall'atmosfera più pop rispetto all'album. Love in the Open Air rimane disponibile esclusivamente sul singolo dell'epoca e su bootleg tra i fan. Un'ulteriore ristampa, pubblicata nel 2011 dall'etichetta Varése Sarabande, riporta la versione originale della colonna sonora, senza alcuna aggiunta.

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

I brani della colonna sonora vennero registrati in tre giorni di sedute ai CTS Studios di Londra, tra il novembre e il dicembre 1966. La George Martin Orchestra e un gruppo di session-men denominati Tudor Minstrel suonarono nelle tracce e Paul McCartney seguì il lavoro in studio.[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Variation No. 1 - 3:14
  2. Variation No. 2 - 2:01
  3. Variation No. 3 - 2:00
  4. Variation No. 4 - 2:59
  5. Variation No. 5 - 2:25
  6. Variation No. 6 - 0:52
  7. Variation No. 7 - 3:18
  8. Variation No. 8 - 2:51
  9. Variation No. 9 - 2:50
  10. Hymn to the Child (Dwight Baker/Jean-Marie Benjamin) - 4:12
    • L'Hymne a L'Enfant
    • Reminiscences
    • Double-March
  11. Theme - 0:59
  12. Variation I - 2:00
  13. Variation II - 1:48
  14. Variation III - 2:30
  15. Variation IV - 1:48
  16. Variation V - 1:42
  17. Capitaine Bonhomme (Gilbert LaCombe/Michel Noël) - 2:48
  18. Le Pirate Maboule (Herbert Ruff/P. Thériault) - 3:53
  19. Sol et Gobelt (L. Durand/Herbert Ruff) - 3:30
  20. Grujot et Delicat (Herbert Ruff/P. Thériault) - 2:47
  21. Monsieur Surprise (Herbert Ruff/P. Thériault) - 2:22
  22. Sarajevo (Carl Aubut) - 4:54
    • Children of Sarajevo
    • Les Enfants de Sarajevo

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Artista[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luca Perasi, I Beatles dopo i Beatles. Le carriere soliste di John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr (1970-1980), L.I.L.Y. Publishing, 2016, pp.521-525, ISBN 978-88-909122-4-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock