Put It There

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Put It There
ArtistaPaul McCartney
Tipo albumSingolo
Pubblicazione5 febbraio 1990
Album di provenienzaFlowers in the Dirt
Dischi1
Tracce2 (7", 12" - prima edizione -, CD singolo, audiocassetta)
3 (12" - seconda edizione)
GenerePop rock
Ballata
Synth pop
EtichettaEMI/Parlophone
Formati7"
12" (due versioni)
CD singolo
audiocassetta
NoteGran Bretagna #32
Singoli di Paul McCartney - cronologia
Singolo precedente
Figure of Eight
(1989)
Singolo successivo
Birthday (live)
(1990)
Put It There
ArtistaPaul McCartney
Autore/iPaul McCartney
GenerePop
Edito daMPL Communications, Ltd.
Pubblicazione
IncisioneFlowers in the Dirt
Data17 giugno 1989
EtichettaEMI/Parlophone
Durata2:09
Flowers in the Dirt – tracce
Precedente
We Got Married
Successiva

Put It There è una canzone di Paul McCartney inclusa sul suo album Flowers in the Dirt (1989)[1] e pubblicata su singolo (Mama's Little Girl) il 5 febbraio dell'anno seguente[2].

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Put It There, ispirata da alcune parole del padre dell'autore, Jim McCartney, non ha avuto un grande successo, e l'unica raccolta nella quale appare è Never Stop Doing What You Love (2005). Eseguita dal vivo tra il 1989 ed il 1991, è stata inclusa anche sul live Tripping the Live Fantastic (1990)[3].

Il singolo[modifica | modifica wikitesto]

5 febbraio 1990: viene pubblicato il quarto singolo estratto da Flowers in the Dirt, sebbene il lato B provenga dalle sessions del 1978 dell'album Back to the Egg. Contemporaneamente, si vedono nei mercati ben cinque versioni di esso[2]:

Il 7", il primo 12", il CD singolo e l'audiocassetta contenevano semplicemente Put It There/Mama's Little Girl. Il secondo 12", invece, aggiungeva una seconda b-side: Same Time Next Year. Gli SP contenevano una cartolina prestampata per poter inviare le proprie generalità a Paul McCartney; così facendo, arrivavano le news del polistrumentista. Tutti i formati, eccetto il 12", contenevano un disegno dell'ex-beatle; l'altro formato di 45 giri, contrariamente, presenta una fotografia di Macca scattata da Richard Haughton. Per promuovere questa pubblicazione, venne girato, il 22 gennaio, un videoclip con il solo Paul e delle fotografie stile "padre-figlio", che legano con le parole scritte da Geoff Baker nel retro-copertina. Il singolo, o meglio, i singoli, arrivarono alla 32ª posizione delle classifiche britanniche, dove rimase in Top 75 per sole due settimane[2]; l'unica posizione negli Stati Uniti d'America è rappresentata dall'11° nelle classifiche dell'Adult contemporary[4]. Nessuno dei due lati B è stato incluso in qualcuna delle ristampe di Flowers in the Dirt[1].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Graham Calkin, Flowers in the Dirt, JPGR. URL consultato il 9 luglio 2014.
  2. ^ a b c d (EN) Graham Calkin, Paul McCartney - Put It There, JPGR. URL consultato il 9 luglio 2014.
  3. ^ (EN) Put It There (song), The Paul McCartney Project. URL consultato il 10 luglio 2014.
  4. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Paul McCartney - Awards, AllMusic. URL consultato il 9 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]