Terra vergine (D'Annunzio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terra vergine
Gabriele D'Annunzio.jpg
D'Annunzio prima dell'anno 1900
AutoreGabriele D'Annunzio
1ª ed. originale1882
Genereracconti
Lingua originale italiano

Terra vergine è una raccolta di undici[1] racconti (o bozzetti) di Gabriele D'Annunzio, pubblicata a Roma nel novembre 1882, presso l'editore A. Sommaruga.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Prima opera in prosa di D'Annunzio, fu seguita da altre due raccolte: Il libro delle vergini (1884) e San Pantaleone (1886), una cui scelta, rivista, fu poi edita in Le novelle della Pescara (1902). In Terra vergine D'Annunzio descrive situazioni e vicende dei primitivi d'Abruzzo, assumendo come modello Verga, ma insistendo sui colori paesaggistici e sul linguaggio dialettale.

Tema del verismo abruzzese[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Giovanni Verga e Verismo.
Abbazia di San Clemente a Casauria, contea del pescarese dove sono ambientate delle novelle

D'Annunzio crede di essere in linea con la poetica verista ma in realtà non è così infatti i personaggi di D'Annunzio sono quasi sempre bruti privi di consistenza psicologica, mentre quelli di Verga (in Vita dei campi) sono creature umanissime che lottano per la vita in tragiche condizioni.

Nello stesso anno pubblica Canto novo, entrambe le opere riscontrano contenuti fortemente sensuali.

Novelle[modifica | modifica wikitesto]

  • Terra vergine
  • Dalfino
  • Lazzaro
  • Fiore fiurelle
  • Cincinnato
  • Campane
  • Toto
  • Fra Lucerta
  • Gatta
  • Bestiame
  • Ecloga fluviale

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Le novelle sono brevissime e contengono stralci di canzoni popolari in abruzzese, come Tutte le funtanelle; i personaggi sono campagnoli e pastori delle terre del.pescarese come Castiglione a Casauria, Tocco da Casauria e la vicina Castellammare Adriatico con Francavilla al Mare. I protagonisti maschili risultano essere persone rudi e violente ma con sentimenti sinceri e passionali che lavorano continuamente nella fatica e nella miseria. Il loro oggetto del desiderio è la pace con la natura o l'amore per una ragazza che finisce in tragedia a causa delle condizioni avverse del destino.

I bozzetti abbracciano anche la fede e la superstizione degli abruzzesi, come la presenza di zingare ricattatrici e maghe oppure uomini di chiesa che perdono la testa per una donna, fino al suicidio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Terra vergine, classicitaliani.it.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura