Eleonora Duse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eleonora Duse (1896) ritratta dal fotografo Aimé Dupont (1842-1900).

Eleonora Duse (Vigevano, 3 ottobre 1858Pittsburgh, 21 aprile 1924) è stata un'attrice teatrale italiana.

Fu una tra le più importanti attrici teatrali italiane della fine dell'Ottocento e degli inizi del Novecento simbolo indiscusso del teatro moderno, anche nei suoi aspetti un po' enfatici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Vigevano da una famiglia di attori clodiensi crebbe e trascorse l'infanzia tra il nomadismo e il dilettantismo della compagnia girovaga del padre Alessandro Vincenzo Duse (1820-1892) e della madre Angelica Cappelletto (1833-1906), andando in scena fin da bambina. Nel 1862, Eleonora, a soli 4 anni, interpretò la parte di Cosetta in una versione teatrale de I miserabili.

Nel 1878 conquistò il ruolo di prima amorosa nella compagnia Ciotti-Belli Blanes, e appena ventenne fu a capo di una compagnia con Giacinta Pezzana. Alcune memorabili interpretazioni, come Teresa Raquin di Émile Zola, le procurarono presto l'adorazione del pubblico e l'entusiasmo della critica. Nel 1879 entrerà nella Compagnia Semistabile di Torino di Cesare Rossi, dove porterà a maturazione una sua poetica che raccoglieva le eredità del passato ma che insieme rompeva con la tradizione della prima metà dell'Ottocento. È proprio in questo periodo, gli anni ottanta, che la Duse compirà le scelte di repertorio che segneranno il suo percorso artistico e la sua carriera. Un repertorio che le permetterà di esprimere il suo sentimento di crisi rispetto all'epoca di cui faceva parte. Vista la sostanziale assenza di una drammaturgia in Italia i testi che sceglieva e prediligeva erano perlopiù le pièce bien faite francesi: moderne, mondane, di forte richiamo per i rinnovati gusti del mutato pubblico del secondo Ottocento. Ma nelle mani della Duse i drammi di Victorien Sardou e di Alexandre Dumas figlio diventavano partiture da smontare per poter essere poi riempite del messaggio tutto personale della Duse che voleva mettere in crisi quei valori borghesi, rappresentarli quindi così come essi si presentavano nella realtà. I temi che la Duse voleva affrontare erano quelli più spinosi e più rappresentativi della società borghese dell'epoca: denaro, sesso, famiglia, matrimonio, ruolo della donna. Ne usciva il ritratto di una società perbenista ma in realtà ipocrita, luccicante nella vetrina ma marcia nella sostanza, egemonizzata da un dio-denaro regolatore di ogni rapporto umano; un mondo nel quale è impossibile provare delle emozioni sincere. Emergeva poi l'interiorità femminile così come la Duse viveva la sua: un'interiorità alienata, nevrotica. Il suo repertorio era moderno e di forte richiamo: dal verismo della Cavalleria rusticana di Giovanni Verga, dove interpretò Santuzza, ai già citati drammi di Victorien Sardou e Alexandre Dumas figlio, che facevano parte del repertorio della grande attrice francese Sarah Bernhardt. Fra le due attrici nacque presto una rivalità che divise i critici teatrali.

Nel 1881 Eleonora Duse sposò Tebaldo Checchi, attore nella sua compagnia; l'unione, dalla quale nacque una bambina, Enrichetta, si rivelò presto infelice e terminò con una separazione definitiva. Nel 1884 la Duse si legò ad Arrigo Boito, che adattò per lei Antonio e Cleopatra. La relazione con Boito restò sempre segreta e durò, fra alti e bassi, per diversi anni. In questo periodo, l'attrice frequentò gli ambienti della Scapigliatura, ed il suo repertorio si arricchì anche dei drammi di Giuseppe Giacosa, amico di Boito. Negli anni 1890, Eleonora Duse portò sulle scene italiane i drammi di Henrik Ibsen (Casa di bambola, La donna del mare). Nel 1909 Eleonora Duse abbandonò il teatro. Pochi anni dopo, nel 1916, interpretò il suo unico film, Cenere, tratto dall'omonimo romanzo di Grazia Deledda. Pochi mesi prima di morire compì l’ultimo soggiorno a Viareggio, presso la villa dell'armatore Riccardo Garré, nell'agosto 1923; morì nel corso dell'ultima tournée americana, a Pittsburgh, il 21 aprile 1924.

L'incontro con D'Annunzio[modifica | modifica wikitesto]

Eleonora Duse (Vittorio Matteo Corcos)

Nel 1882 a Roma incontra per la prima volta Gabriele D'Annunzio: quest'ultimo è un giovane affascinante e pieno di riccioli, sceso da poco dagli Abruzzi ma già con tre opere pubblicate. Compare davanti alla Duse e con melodiose parole le propone, tout court, di giacere con lui. Eleonora lo congeda con sdegno, ma forse anche con un segreto compiacimento (in quel giorno lo descrive: Già famoso e molto attraente, con i capelli biondi e qualcosa di ardente nella sua persona)[1].

Nel 1888 a Roma al teatro Valle, Eleonora, che sul palcoscenico si è appena redenta da traviate gioie e ha preso in faccia manciate di monete false ed è morta di tisi e d'amore nelle vesti della disgraziatissima Signora delle camelie, sta avviandosi ancora in sospiri e lacrime al suo camerino. Ed ecco un giovanotto esile, esile, ma tutto scatti ed eleganza, uscire d'improvviso dalla penombra del corridoio e gridarle con perentorio entusiasmo: O grande amatrice!. Eleonora un po' spaventata, lo guarda per un attimo e prosegue. Il giovanotto è D'Annunzio[2].

Nel giugno 1892 D'Annunzio scrive una dedica (Alla divina Eleonora Duse) su un esemplare delle sue Elegie romane. Dal libro nasce in Eleonora il desiderio di un incontro con l'autore. E nell'incontro si abbandona alla presa di quegli occhi chiari, si sorprende a dimenticare tutta la sua amara sapienza della vita e a godere della lusinga che essi esprimono[3].

Il momento fondamentale sia nella vita che nella carriera artistica di Eleonora Duse fu il definitivo incontro a Venezia, nel 1894, con Gabriele D'Annunzio, allora poco più che trentenne. Il tempestoso legame sentimentale ed artistico che si stabilì fra l'attrice e il giovane poeta durò una decina d'anni, e contribuì in modo determinante alla fama di D'Annunzio. Eleonora Duse, già celebre ed acclamata in Europa e oltre oceano, portò infatti sulle scene i drammi dannunziani (Il sogno di un mattino di primavera, La Gioconda, Francesca da Rimini, La città morta, La figlia di Iorio), spesso finanziando ella stessa le produzioni e assicurando loro il successo e l'attenzione della critica anche fuori dall'Italia. Ciò nonostante, nel 1896 D'Annunzio le preferì Sarah Bernhardt per la prima rappresentazione francese de La ville morte.

Periodi di vicinanza e collaborazione fra i due artisti si alternarono a crisi e rotture; D'Annunzio seguiva raramente l'attrice nelle sue tournée, ma nel 1898 affittò la villa trecentesca della Capponcina a Firenze nella zona di Settignano, a Nord-Est di Firenze, per avvicinarsi alla Porziuncola, la dimora di Eleonora. Nel 1900, D'Annunzio pubblicò il romanzo Il fuoco, ispirato alla sua relazione con Eleonora Duse, suscitando critiche vivaci da parte degli ammiratori dell'attrice. Dopo la loro separazione Gabriele visse tutto il resto della sua vita (le sopravvisse quattordici anni) struggendosi nel ricordo dell'attrice. Infatti alla notizia della morte dell'attrice, ormai vecchio, pare abbia mormorato «È morta quella che non meritai»[4].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie White Collar, accanto allo stipite della porta di ingresso dell'appartamento di Neal Caffrey si trova appesa una storica locandina del Teatro Costanzi che presenta lo spettacolo La Città Morta di Gabriele D'Annunzio con, come interprete principale, Eleonora Duse.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Denis Mack Smith, L'Italia del XX secolo, vol. I (1899-1908) tomo I, pag. 48, edizioni Rizzoli, 1977
  2. ^ Denis Mack Smith, l'Italia del XX secolo, vol. I (1899-1908) tomo I pag. 48/49, edizioni Rizzoli 1977
  3. ^ Denis Mack Smith, L'Italia del XX secolo, vol. I (1899-1908) tomo I, pag. 49 edizioni Rizzoli, 1977
  4. ^ Giordano Bruno Guerri, D'Annunzio, l'amante guerriero, pag. 144

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandra Cenni. Gli occhi eroici. Sibilla Aleramo, Eleonora Duse, Cordula Poletti; una storia, Milano, Mursia 2011. ISBN 978-88-425-4677-1
  • Franca Minnucci. Eleonora Duse - La fine dell'incantesimo. Pescara, Inaieri, 2010.
  • Daniela Musini. Mia Divina Eleonora. Pescara, Ianieri, 2008.
  • Donatella Orecchia, La prima Duse. Nascita di un'attrice moderna, Roma, Artemide, 2007.
  • Helen Sheehy. Eleonora Duse: la donna, le passioni, la leggenda. Milano, Mondolibri, stampa 2006.
  • Maria Pia Pagani. "Mirandolina e Vasilisa: due volti di Eleonora Duse". In: Viglevanum: miscellanea di studi storici e artistici, 16(2006).
  • Amarti ora e sempre: Eleonora Duse e Francesca da Rimini. [Catalogo della mostra tenuta a Rocca di Gradara nel 2006, a cura di Laura Villani, Maria Ida Biggi, Maria Rosaria Valazzi; con la collaborazione di Daniele Diotallevi]. Urbino, QuattroVenti, 2006.
  • Matilde Tortora (a cura di). Matilde Serao a Eleonora Duse: lettere. Napoli, Graus, 2004.
  • Franca Minnucci. La Figlia di Iorio - Era mia, era mia e me l'hanno presa. Pescara, Ianieri, 2004.
  • Eleonora Duse nella vita e nell'arte (1858 - 1924). Venezia, Marsilio, 2001.
  • Paola Bertolone. I copioni di Eleonora Duse: Adriana Lecouvreur, Francesca da Rimini, Monna Vanna, Spettri. Pisa, Giardini, 2000.
  • Mario Cacciaglia. Eleonora Duse, ovvero Vivere ardendo. Milano, Rusconi, 1998.
  • Gerardo Guerrieri. Eleonora Duse: nove saggi; a cura di Lina Vito. Roma, Bulzoni, 1993.
  • Mirella Schino. Il teatro di Eleonora Duse. Bologna, Il Mulino, 1992.
  • Vittore Branca. Vocazione letteraria di Eleonora Duse: con una serie di documenti inediti. In: «Nuova Antologia», n. 2178 (aprile-giugno 1991).
  • John Stokes, Michael R. Booth, Susan Bassnett. Tre attrici e il loro tempo: Sarah Bernhardt, Ellen Terry, Eleonora Duse. Genova, Costa & Nolan, 1991.
  • Luigi Rasi. La Duse. Roma, Bulzoni, 1986.
  • Cesare Molinari. L'attrice divina. Eleonora Duse nel teatro italiano fra i due secoli. Roma, Bulzoni, 1985.
  • William Weaver. Eleonora Duse. Milano, Bompiani, 1985.
  • Nicola Mangini. "Eleonora Duse nella storia del teatro europeo". In «Archivio Veneto», serie 5., vol. 121. (1983).
  • Eleonora Duse in Arte e Verità di Alis Levi, a cura di Renato Balsamo, Roberto Pappacena, Luigi Granetto, Agenzia Editoriale Azzurro, Roma 1983.
  • Federico von Rieger. Eleonora Duse. Milano, Nord-Ovest, 1981.
  • Nino Bolla. Eleonora Duse : la grande tragica. Roma, Società Nazionale Editrice, 1974.
  • Museo teatrale alla Scala. Eleonora Duse: un vestire che divenne moda. Mostra, 3 marzo-1º aprile 1973. Catalogo a cura di Dada Saligeri; introduzione di Carlo Fontana. Milano, Arti grafiche G. Ferrari, 1973.
  • "Eleonora Duse" in Alis Levi; Souvenirs d’une enfant de la Belle Époque. Roma, De Luca Editori, 1970.
  • Olga Signorelli, Eleonora Duse, 1959.
  • Leonardo Vergani, Luigi Mario Pizzinelli. Eleonora Duse. Milano, Martello, 1958.
  • Emil Alphons Rheinhardt, Eleonora Duse, Milano, Arnoldo Mondadori, 1931.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: (EN39421089 · LCCN: (ENn79038473 · SBN: IT\ICCU\CFIV\036349 · ISNI: (EN0000 0001 2128 8961 · GND: (DE118681354 · BNF: (FRcb121836250 (data)