Teresa Mattei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teresa Mattei
Teresa mattei.jpg
Foto della giovane deputata costituente Teresa Mattei

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Comunista
Collegio XV (Firenze-Pistoia)
Incarichi parlamentari
  • Segretaria dell'ufficio di presidenza (25 giugno 1946 – 31 gennaio 1948)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano
Titolo di studio Laurea in filosofia
Professione Insegnante

Teresa Mattei, detta Teresita (Genova, 1º febbraio 1921Usigliano, 12 marzo 2013), è stata una partigiana, politica e pedagogista italiana.

Combattente nella formazione garibaldina Fronte della Gioventù (con la qualifica di Comandante di Compagnia) prese parte all'organizzazione dell'uccisione del filosofo Giovanni Gentile, di cui fu allieva.[1] Fu anche la più giovane eletta all'Assemblea Costituente, dove assunse l'incarico di segretaria nell'Ufficio di Presidenza dell'Assemblea Costituente.[2][3]

Dirigente nazionale dell'Unione Donne Italiane, fu insieme a Teresa Noce e a Rita Montagnana l'inventrice dell'uso della mimosa per l'otto marzo:[4] Luigi Longo le chiese se sarebbe stato opportuno scegliere le violette, come in Francia, per celebrare quel giorno; Teresa Mattei gli suggerì la mimosa, un fiore più povero e diffuso nelle campagne.[5]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Antifascismo[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Genova nel 1921 e trascorre l'infanzia tra Milano e Varese. La famiglia è impegnata politicamente: il padre Ugo è un avvocato antifascista e dirigente del Partito d'Azione, mentre il fratello Gianfranco Mattei, docente ordinario di chimica al Politecnico di Milano e iscritto dal 1942 al Partito Comunista Italiano, insieme alla stessa Teresa, è un importante esponente dei GAP a Roma come responsabile della produzione di esplosivi.[6][7][8] La madre è una glottologa.[7] Nel 1933 il padre trasferisce la famiglia a Bagno a Ripoli. Nel 1938, in seconda liceo, viene espulsa da tutte le scuole del Regno perché contesta le leggi razziali fasciste.[6] Prende la maturità come privatista (su consiglio di Pietro Calamandrei)[7] lo stesso anno e si iscrive a Lettere e Filosofia. Il 10 giugno 1940, in occasione della dichiarazione di guerra, organizza la prima manifestazione in Italia contro il conflitto, in Piazza San Marco a Firenze. Si laurea in Filosofia presso l'Università di Firenze nel 1944. Nel febbraio di quell'anno, il fratello, dopo la cattura per una delazione, si toglie la vita nella cella della prigione di Via Tasso a Roma impiccandosi con la cintura dei pantaloni, per non cedere alle torture inflittegli e non rischiare, quindi, di rivelare i nomi dei compagni.[7]

Resistenza[modifica | modifica wikitesto]

Teresa Mattei partecipa attivamente alla lotta di Liberazione con il nome di battaglia di Chicchi,[3][9] soprattutto nelle cellule comuniste che operano nella città di Firenze. Inizialmente come staffetta poi fonda i Gruppi di difesa della donna di Firenze, e finisce la guerra di Liberazione con il grado di Comandante di Compagnia. A Firenze è catturata dai tedeschi, ma salvata da un gerarca fascista prima della fucilazione che dice: «Una così brava ragazza non può essere una partigiana».[7] A lei ed al suo gruppo combattente si è ispirato Roberto Rossellini per l'episodio di Firenze del film Paisà.

Durante gli anni della Resistenza conosce Bruno Sanguinetti, di origine ebraica, figlio del proprietario dell'industria alimentare Arrigoni,[1] comandante del Fronte della gioventù (giovani del Partito Comunista clandestino). Secondo la Mattei sarà Sanguinetti a pianificare l'uccisione di Giovanni Gentile,[10] considerato il filosofo che aveva dato un volto presentabile al regime fascista:[11] Sanguinetti prese la decisione per vendicare la morte del fratello di Teresa e per punire il responsabile morale delle fucilazioni per i renitenti al reclutamento del servizio di leva della RSI, di cui Gentile era stato cantore e "cattivo maestro".[5] Queste dichiarazioni hanno suscitato polemiche e smentite.[12]

« Per fare in modo che i gappisti incaricati dell'agguato potessero riconoscerlo, alcuni giorni prima li accompagnai presso l'Accademia d'Italia della Rsi, che lui dirigeva. Mentre usciva lo indicai ai partigiani, poi lui mi scorse e mi salutò. Provai un terribile imbarazzo. »

(Teresa Mattei)

L'Assemblea Costituente e il periodo repubblicano[modifica | modifica wikitesto]

« Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. »

(Articolo tre della Costituzione della Repubblica Italiana)
Approvazione della Costituzione Italiana, in primo piano Alcide De Gasperi, sullo sfondo Teresa Mattei

Nel 1946, eletta nelle liste del PCI alla Assemblea Costituente, nel XV collegio, quello di Firenze e Pistoia,[13] è la più giovane eletta nell'organismo a soli 25 anni.[3] L'articolo tre della Costituzione Italiana sul tema dell'uguaglianza porta la sua firma:[3][14] riesce a far introdurre nell'articolo, al secondo comma l'espressione "di fatto": "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini....".[15] Sul tema della presenza femminile alla vita politica e istituzionale della nuova repubblica così si esprime durante la seduta dell'Assemblea Costituente del 18 marzo 1947: «Se la Repubblica vuole che più agevolmente e prestamente queste donne collaborino [...] alla costituzione di una società nuova e più giusta, è suo compito far sì che tutti gli ostacoli siano rimossi dal loro cammino, e che esse trovino al massimo facilitata ed aperta almeno la via solenne del diritto».[16]

Nel 1947 fonda, insieme alla democristiana Maria Federici, l'Ente per la Tutela morale del Fanciullo. Ancora alla Costituente diventa la prima rappresentante delle Ragazze madri e nel 1948 si sposò a Budapest con Bruno Sanguinetti.[17] e nasce il suo primo figlio Gianfranco Sanguinetti.

Nel 1950 nasce la sua seconda figlia Antonella e muore improvvisamente il marito Bruno Sanguinetti. Vive a Milano e si occupa della Casa della Cultura con Rossana Rossanda. Nel 1955 torna a Firenze con il suo secondo marito Iacopo Muzio dirigente del PCI e nasce il loro figlio Gabriele. Lo stesso anno rifiuta la candidatura alle elezioni per la Camera dei deputati e venne espulsa dal PCI per il dissenso maturato nei confronti della politica stalinista e la linea di Palmiro Togliatti.[2][18]

Impegno per i diritti dei bambini[modifica | modifica wikitesto]

Teresa Mattei in compagnia di Bruno Sanguinetti

Teresa Mattei nel 1958 torna a Milano dove nasce il suo ultimo figlio Rocco, e prosegue la sua lotta in favore dei diritti delle donne e dei minori. In dissenso verso la conduzione della azione dei partiti politici in Italia, si è impegnata nel lavoro della comunicazione da aprire a tutti quelli che non hanno diritto di parola, proprio ad incominciare dai bambini. Negli anni sessanta fonda a Milano, un Centro Studi per la progettazione di nuovi servizi e prodotti per l'infanzia.

Sempre negli anni sessanta inizia ad occuparsi di ricerca cinematografica insieme a Marcello Piccardo e Bruno Munari. Dall'unione della sua grande passione per il cinema e della sua lotta per i diritti dell'infanzia, nasce la Cooperativa di Monte Olimpino, di cui diviene Presidente nel 1966.[2] La Cooperativa promuove il cinema fatto dai bambini come nuova forma di comunicazione e di espressione della loro creatività.[2] Vengono prodotti molti film realizzati interamente dai bambini come attività didattica. Nel 1968 i Film dei bambini sono presentati alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia.

Torna a vivere in Toscana, a Pisa ed è a fianco dei figli Gabriele e Rocco in tutte le lotte politiche e sociali di quegli anni. Nel 1986 fonda a Ponsacco (PI) la Lega per il diritto dei bambini alla comunicazione con la parola d'ordine “Chiedo ascolto” conducendo grandi campagne in favore dei bambini, contro l'eccessivo uso della televisione e per fondare una cultura di Pace che parta proprio dai più piccoli. Essi hanno inventato la “Treccia della Pace” che vuole unire i bambini di tutto il mondo in un attivo lavoro per affermare di una nuova cultura di Pace.

Nel 1992 a seguito del terribile assedio di Sarajevo la Lega per il diritto dei bambini alla comunicazione, durante i funerali di padre Ernesto Balducci a Santa Fiora, lancia la grande campagna internazionale per l'attribuzione del Premio Nobel per la Pace ai bambini di Sarajevo, in Italia raccoglie più di 100.000 firme di minori inoltrate al Comitato di Oslo.

Nel 1994 in occasione del centenario dell'invenzione della radio lancia, con suo figlio e collaboratore Rocco Muzio il progetto "Radio Bambina" che diretto da Rocco Muzio vedrà la produzione e messa in onda su emittenti locali, di un palinsesto realizzato con i bambini e ragazzi della Provincia di Pisa e Firenze fino all'anno 2000[19].

Nel 1996 lancia la raccolta di firme, “L'obbedienza non è più una virtù” con una cartolina petizione al Presidente Scalfaro per chiedere un nuovo processo al criminale nazista Erich Priebke responsabile della strage delle fosse Ardeatine ma anche della morte di decine di Patrioti appartenenti alla Resistenza nel carcere di via Tasso a Roma. Sarà testimone come sorella di Gianfranco Mattei, orribilmente torturato, e si ottenne la giusta condanna all'ergastolo di Priebke

Nel 2001 è a Genova contro il G8 con i suoi figli, partecipa attivamente a tutti i dibattiti ed è inorridita dalle criminali violazioni della Costituzione di cui sono protagonisti il governo italiano e tutti i suoi rappresentanti. Negli anni successivi è a fianco delle vittime di quelle giornate per ristabilire i diritti e la giustizia.

Teresa Mattei continua la lunga battaglia che ha accompagnato la sua vita in difesa della Costituzione e dei nuovi tentativi di modificarla e renderla inefficace.

Nel 2004 insieme al figlio Rocco partecipa con i ragazzi delle scuole della Provincia di Pisa al Pellegrinaggio dell'ANED ai Campi di sterminio in Germania e pronuncia un importante discorso a più di 200.000 ragazzi di tutta Europa a Mauthausen.

La battaglia per il referendum contro le modifiche alla Costituzione la vede protagonista con il Presidente Oscar Luigi Scalfaro insieme al figlio Rocco di centinaia di incontri e dibattiti in tutta Italia che porteranno alla vittoria nel referendum del 2006.

Nel 2006 durante la battaglia per il referendum costituzionale pronuncia queste parole davanti agli studenti del suo antico "Liceo Michelangelo" a Firenze: "Nell'articolo 1 della Costituzione si dice: "la sovranità appartiene al popolo", ed è questa la cosa più importante che noi dobbiamo difendere. La sovranità è nelle mani nostre, nelle mani del popolo e paritariamente in quelle di ogni cittadino; con questo la Repubblica ci ha fatto diventare cittadini e non sudditi. Il più grande monumento, il maggiore, il più straordinario che si è costruito in Italia, alla libertà, alla giustizia, alla Resistenza, all'antifascismo, al pacifismo è la nostra Costituzione."

Negli ultimi anni della sua vita, pur minata nella forza fisica è sempre eccezionalmente lucida e curiosa della situazione del nostro Paese. Ancora nel 2011 propone un importante appello alla Resistenza il 25 aprile per l'appuntamento dei compagni in piazza Santo Spirito a Firenze.

La trasmissione della memoria alle nuove generazioni è stata la battaglia che ha segnato buona parte della sua esistenza. Memoria attiva, che guarda al futuro. Un importante saluto è rivolto ai giovani dell'ARCI di Mesagne (Brindisi): “Siete la nostra speranza, il nostro futuro. Custodite gelosamente la Costituzione. Abbiamo bisogno di voi in modo incredibile. Cercate di fare voi quello che noi non siamo riusciti a fare: un'Italia veramente fondata sulla giustizia e sulla libertà”.

È morta nel 2013 a Usigliano, all'età di 92 anni; all'epoca del decesso era l'ultima donna vivente fra i partecipanti all'Assemblea Costituente[20] [21].

Nell'Ottobre 2017 la sua città natale le ha dedicato una piazzetta nel centro storico [22].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 26 maggio 2005[23]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 20 febbraio 1995[24]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il settimanale di fumetti Skorpio, nel numero 2077 edito il 22 dicembre 2016, ha pubblicato il racconto a fumetti Un fiore, su testo di Di Virgilio e disegni di Arces, che narra della scelta della mimosa come emblema della lotta per la parità dei diritti delle donne, partendo dalla storia d'amore di Teresa Mattei e Bruno Sanguinetti sulle montagne dell'Appennino tosco-emiliano durante la Resistenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giovanni Di Capua, Il biennio cruciale (luglio 1943-giugno 1945): l'Italia di Charles Poletti, Rubbettino Editore, 1° gennaio 2005, ISBN 9788849812022. URL consultato il 15 marzo 2017.
  2. ^ a b c d Mattèi, Teresa nell'Enciclopedia Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 15 marzo 2017.
  3. ^ a b c d Patrizia Pacini, La costituente: storia di Teresa Mattei : le battaglie della partigiana Chicchi, la più giovane madre della Costituzione, Altreconomia, 1° gennaio 2011, ISBN 9788865160411. URL consultato l'08 marzo 2017.
  4. ^ Laura Fantone; Ippolita Franciosi, (R)Esistenze: il passaggio della staffetta, Firenze, Morgana, 2005, p. 34, ISBN 88-89033-31-2, ..
  5. ^ a b Patrizia Pacini, Teresa Mattei. Una donna nella storia: dall'antifascismo militante all'impegno in difesa dell'infanzia (PDF), Firenze, Consiglio Regionale della Toscana - Commissione Regionale Per le Pari Opportunità tra Donna e Uomo della Toscana, 2009, pp. 280.
  6. ^ a b Patrizia Gabrielli, Il 1946, le donne, la Repubblica, Donzelli Editore, 1° gennaio 2009, ISBN 9788860364401. URL consultato l'08 marzo 2017.
  7. ^ a b c d e Bruno Vespa, Donne d'Italia, Mondadori, 06 novembre 2015, ISBN 9788852069987. URL consultato l'08 marzo 2017.
  8. ^ Biografia di Gianfranco Mattei, ANPI. URL consultato il 12 marzo 2013.
  9. ^ Riccardo Cardellicchio, Chicchi, la ragazza della mimosa. Teresa Mattei, Del Bucchia, 1° gennaio 2014, ISBN 9788847107052. URL consultato l'08 marzo 2017.
  10. ^ Antonio Carioti, Sanguinetti venne a dirmi che Gentile doveva morire, in Corriere della Sera, 6 agosto 2004, p. 29. URL consultato il 12 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2013).
  11. ^ Patrizia Pacini, Teresa Mattei una donna nella storia: dall'antifascismo militante all'impegno in difesa dell'infanzia (PDF), Firenze, Consiglio Regionale della Toscana Settore Comunicazione Istituzionale, editoria e promozione dell’immagine, 2009.
    «Benito Mussolini nella circolare inviata ai prefetti sulle proteste nelle università a seguito della riforma, definì quella di Gentile come la più fascista tra tutte le riforme approvate dal suo governo.».
  12. ^ Patrizia Pacini, Teresa Mattei una donna nella storia: dall'antifascismo militante all'impegno in difesa dell'infanzia, Firenze, Consiglio Regionale della Toscana Settore Comunicazione Istituzionale, editoria e promozione dell’immagine, 2009.
    «I nostri GAP erano organizzati militarmente e nessuna azione era frutto di decisioni personali, la lotta contro il regime era impari e mortale, così le azioni erano freddamente e tempestivamente decise ed eseguite.».
  13. ^ Maria Teresa Antonia Morelli, Le donne della Costituente, GLF editori Laterza, 1° gennaio 2007, ISBN 9788842083603. URL consultato l'08 marzo 2017.
  14. ^ Liber amicorum per Francesco D. Busnelli. Il diritto civile tra principi e regole, Giuffrè Editore, 1° gennaio 2008, p. 37, ISBN 9788814141454. URL consultato l'08 marzo 2017.
  15. ^ Teresa Mattei interviene su questo tema alla Assemblea costituente, nella seduta pomeridiana del 18 marzo 1947. cfr. p. 2270 del resoconto parlamentare. Progetto Costituzione della Repubblica italiana, su legislature.camera.it. URL consultato il 5 dicembre 2013., M.Addis Saba, M.De Leo, F.Taricone, Alle origini della Repubblica, Donne e Costituzione, Commissione nazionale per la parità e le pari opportunità tra uomo e donna!città=Roma, 1966.;
  16. ^ AA.VV, Perché sì: Le ragioni della riforma costituzionale, Editori Laterza, 06 ottobre 2016, ISBN 9788858126981. URL consultato l'08 marzo 2017.
  17. ^ Per qualche mese la sua posizione suscitò scandalo perché, sebbene incinta, non era ancora sposata con Sanguinetti per via di problemi di natura burocratico-legale derivanti dal precedente matrimonio di lui. La gravidanza fu tenuta nascosta. Si sposarono a Budapest nel luglio 1948. Cfr. Pacini
  18. ^ Quando viene espulsa dal PCI, sceglie di difendere i diritti dei deboli, donne e bambini. Pacini, op.cit.
  19. ^ Bambini alla radio. Una trasmissione radiofonica per i più piccoli, in unicoopfirenze, 1º ottobre 1997. e Presentato nella sala della Provincia l'ultimo cd-Rom Il progetto Radio bambina, spazio aperto 12 ore al giorno, in Il Tirreno. Livorno, 8 novembre 1998. URL consultato il 6 dicembre 201.
  20. ^ Senato della Repubblica, Commemorazione di Teresa Mattei, su senato.it. URL consultato il 5 dicembre 2013.
  21. ^ È morta Teresa Mattei, inventò la mimosa simbolo dell'8 marzo, in la Repubblica (Firenze), 12 marzo 2013. URL consultato il 12 marzo 2013.
  22. ^ Piazzetta Teresa Mattei, la genovese della Costituente, in La Repubblica, 19 ottobre 2017. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  23. ^ Mattei Dott.ssa Teresita, su http://www.quirinale.it/., pagina con dettaglio decorato
  24. ^ http://www.quirinale.it/, http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=119372. pagina con dettaglio decorato.]

Interventi[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN175707265 · ISNI: (EN0000 0003 5602 2535 · LCCN: (ENno2011143474 · GND: (DE1017246793