Angiola Minella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angiola Minella

Deputato dell'Assemblea Costituente

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature AC, I, III
Incarichi parlamentari
  • XIX commissione igiene e sanità pubblica (1958-1963)

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature IV, V
Incarichi parlamentari
  • 6ª Commissione permanente - Istruzione pubblica e belle arti (1964)
  • 10ª Commissione permanente - Lavoro, emigrazione e previdenza sociale (1963-1964)
  • 11ª Commissione permanente - Igiene e sanità (1964-19689
  • Consultiva assicurazione obbligatoria (1964-1965)

Dati generali
Partito politico PCI
Titolo di studio Laurea in lettere
Professione insegnante

Angiola Minella, coniugata Molinari (Torino, 3 febbraio 1920Torino, 12 marzo 1988), è stata una partigiana e politica italiana, esponente del PCI.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della seconda guerra mondiale fu attiva nella Croce Rossa. Dopo l'armistizio di Cassibile entrò a far parte attivamente della Resistenza piemontese, inizialmente con i badogliani, poi con i garibaldini[1].

Fu tra le prime donne deputato del Parlamento della Repubblica Italiana nell'Assemblea Costituente; nelle legislature successive sedette sia alla Camera dei deputati sia in Senato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le prime deputate italiane, storiain.net. URL consultato il 7 giugno 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]