Maria Federici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Federici Agamben
Mariafedericiagamben.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Collegio CUN
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Circoscrizione Umbria
Collegio Perugia
Incarichi parlamentari
  • componente della XI commissione lavoro e previdenza sociale (15 giugno 1948 - 24 giugno 1953)
  • componente della commissione parlamentare d'inchiesta sulla disoccupazione (12 maggio 1951 - 24 giugno 1953)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in lettere
Professione insegnante di lettere, giornalista

Maria Federici Agamben (L'Aquila, 19 settembre 1899Roma, 28 luglio 1984) è stata una politica, antifascista e partigiana italiana, deputato della Democrazia Cristiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in lettere e insegnante, dopo l'8 settembre 1943 prese parte alla Resistenza a Roma; il 2 giugno 1946 fu tra le 21 donne elette all'Assemblea costituente italiana, dove sedette come componente del gruppo parlamentare Democratico cristiano.

Insieme a Teresa Noce (PCI), Nilde Iotti (PCI), Lina Merlin (PSI) e Angela Gotelli (Democrazia Cristiana) fu una delle cinque donne entrate a far parte della commissione speciale presieduta da Meuccio Ruini incaricata di elaborare e proporre il progetto di Costituzione da discutere in aula, divenuta nota col nome di Commissione dei 75; in particolare lavorò nella terza sottocommissione, relativa ai diritti e doveri economico-sociali.

Successivamente, nel 1948, nella prima legislatura del parlamento repubblicano, fu eletta alla Camera dei deputati nel collegio di Perugia. Fu componente della XI Commissione (Lavoro e Previdenza sociale) e della Commissione parlamentare di inchiesta sulla disoccupazione. Nel 1947 fondò l'ANFE (Associazione Nazionale Famiglie Emigrati), della quale rimase presidente fino al 1981, e si occupò a lungo dei problemi dell'emigrazione. Ha ricoperto le cariche di delegata nazionale delle ACLI e di presidente del Centro italiano femminile (CIF), del quale era stata nel 1944 una delle fondatrici. Maria Agamben ha sposato il commediografo aquilano Mario Federici (1900-1975).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Federici Agamben, Il cesto di lana, Roma: SALES, 1957
  • Le donne e la Costituzione: atti del convegno promosso dall'Associazione degli ex-parlamentari, Roma, 22-23 marzo 1988, Roma: Camera dei deputati, c1989
  • M. Addis Saba, M. De Leo, F. Taricone, Donne e Costituente: alle origini della Repubblica, Roma: Presidenza del consiglio dei ministri, Dipartimento per l'informazione e l'editoria, stampa 1996
  • F. Taricone, Il Centro italiano femminile: dalle origini agli anni Settanta, Milano: F. Angeli, 2001