Barocco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stile barocco)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Barocco (disambigua).

Barocco è il termine utilizzato per indicare una temperie estetica, ideologica e culturale sorta in Italia tra la fine del XVI e l'inizio del XVII secolo, e dall'Italia propagatasi in tutta Europa nel mondo delle arti, della letteratura, della musica, e in numerosi altri ambiti, fino alla metà del XVIII secolo.[1] In senso stretto l'espressione viene riferita a una specifica corrente artistica fiorita a Roma tra il terzo e il quarto decennio del XVII secolo e rappresentata in modo eminente dall'opera di Gian Lorenzo Bernini, Francesco Borromini e Pietro da Cortona, con cospicui antefatti nell'opera di alcuni autori tardo-cinquecenteschi, come il Veronese, il Tintoretto e soprattutto i Carracci.[2] In senso generale il Barocco si può definire una “denominazione e qualifica dello stile secentesco: dapprima con senso dispregiativo, a indicare opera o forma goffa, pesante, strampalata, soprattutto artificiosa e involuta; oggi come designazione positiva e storica di quella civiltà letteraria e artistica (compresa tra il Rinascimento e l’Illu­minismo)”.[3]

Lo storico francese Fernand Braudel individua nell'epoca barocca il punto di massimo irradiamento della civiltà italiana, indicando nel Barocco “una nuova forma di gusto e di cultura, una ‘civiltà’ che rivestirà l’intera Europa” e darà vita a “una serie di creazioni moderne”, come l’opera, il teatro moderno e la scienza moderna.[4]

Origine del termine[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "barocco" si riconduce a una duplice origine. Per un verso deriva dal francese baroque, che ricalca il portoghese barroco e lo spagnolo barrueco, i quali stanno a designare la perla di forma irregolare.[5] In quest'accezione il termine è quindi usato per connotare anzitutto una realtà fisica e in seconda battuta le sue ricadute estetiche e psicologiche. Fra coloro che impiegarono baroque in questo senso, si può ricordare Charles de Brosses, che intorno al 1739 se ne serve per stigmatizzare alcuni innovativi − e a suo giudizio bizzarri − elementi architettonici di palazzo Pamphili.

Le sue prime attestazioni in italiano si riallacciano però a un termine della sillogistica scolastica, "baròco”. In quest'accezione la voce è di estrazione colta ed è impiegata per designare una realtà intellettuale, logica e metafisica. Nel linguaggio della scolastica “baroco” non è che un artificio per memorizzare un modo della seconda figura sillogistica, quello nel quale la premessa maggiore (indicata con la A di “ba”) è universale affermativa, mentre la premessa minore (indicata con la O di “ro”) e la conclusione (indicata con la O di “co”) sono particolari negative.[6] Tale struttura dà vita a un ragionamento che pur non essendo falso risulta tuttavia astruso e stravagante (per esempio: tutti gli uomini sono razionali; alcuni animali non sono razionali; alcuni animali non sono uomini). “Baroco” diventa quindi emblema di ragionamento rigoroso nella forma, ma fragile nel contenuto logico, e l’espressione “argomento in baroco” fa il suo ingresso nell'uso italiano come sinonimo di bizzarria logica, tortuoso ragionamento fine a se stesso.

In Italia il contatto fra le due accezioni, vale a dire l’applicazione del concetto di “(argomento in) baroco” all'ambito dello stile, si deve a Francesco Milizia, che nel suo Dizionario delle belle arti e del disegno (1797) scrive: “Barocco è il superlativo del bizzarro, l’eccesso del ridicolo. Borromini diede in delirii, ma Guarini, Pozzi, Marchione nella sagrestia di S. Pietro ecc. in barocco”.[7]

In ogni caso − sia che si faccia riferimento alle tre sillabe ba-ro-co usate nella scolastica medievale per indicare un sillogismo della "seconda figura"[8] sia che si guardi al francese baroque (cfr.Dictionnaire de l'Académie française, edizione del 1694) con riferimento ad una perla irregolare (l'italiana "scaramazza"), dallo spagnolo barueco o dal portoghese barroco −[9] resta evidente l'originario significato derisorio con cui il termine veniva utilizzato.

L'uso del vocabolo da parte dei critici e degli storici dell'arte risale comunque alla seconda metà del Settecento (si veda il già citato Francesco Milizia). Riferita inizialmente alle arti figurative, l'espressione viene successivamente applicata anche alla letteratura e ad altri ambiti, e verso la fine dell'Ottocento inizia a perdere, almeno parzialmente, la sua connotazione negativa.

L'elaborazione del concetto[modifica | modifica wikitesto]

La messa a fuoco della categoria estetico-stilistica e storico-culturale di “barocco” è il frutto di un laborioso processo critico. Il significato di "barocco" è stato a lungo caratterizzato in senso svalutativo. Ancora agli inizi del Novecento Benedetto Croce asseriva che, a rigore, l'espressione "arte barocca" doveva ritenersi contraddittoria.[10] Dell'arte barocca si sottolineava pressoché esclusivamente "l'esaltazione dei moti fisici e spirituali oltre ogni norma di classica contenutezza, l'ampollosità, il desiderio di meravigliare con spettacolose, illusive scenografie e invenzioni stravaganti e inattese",[11] caratteri che indubbiamente le competono, ma che sono ben lungi dall'esaurirne la natura e la portata. Fra i primi a proporre una decisa rivalutazione del Seicento artistico e delle sue propaggini settecentesche, va segnalato Heinrich Wölfflin, che già sul finire del XIX secolo cercò di isolare i caratteri propri del barocco attraverso la loro contrapposizione agli stilemi dell’arte rinascimentale: forme aperte nell’arte barocca contro forme chiuse in quella rinascimentale, profondità contro superficie, dinamismo contro staticità, ecc.[12] Non molto più tardi Werner Weisbach individuava nella sensibilità barocca una nuova, inquieta, visione del mondo, legata ai rivolgimenti religiosi del XVI secolo, Riforma protestante e soprattutto Controriforma cattolica (Giulio Carlo Argan arriverà a definire il Barocco “una rivoluzione culturale in nome dell’ideologia cattolica”[13]); non solo uno stile artistico, dunque, ma un'autentica fase della civiltà.[14]

Non è mancato chi, come Eugenio d’Ors, ha assegnato all’idea di “barocco” valore metastorico, ravvisandovi una ricorsiva fase di reazione imaginifica ai periodi di chiaro e razionale equilibrio classico.[15] Quando si usa il termine "barocco" per indicare il gusto delle manifestazioni artistiche seicentesche si tende peraltro a porre l'accento su quelle caratterizzate da un'estrosità eccentrica e compiaciuta, spesso ai limiti della bizzarria: non va però dimenticato come anche in tale epoca siano presenti espliciti richiami ai moduli classici e come il linguaggio classico rimanga pur sempre per gli artisti un termine di riferimento.[16]

Merita poi rilievo l'acquisizione critica secondo cui gli esponenti del mondo barocco, in primis di quello letterario, avevano piena coscienza del carattere "moderno" e innovativo dell'orizzonte stilistico e ideologico che alimentavano, o cui comunque appartenevano. Come scrive Franco Croce, anche se "nei primi anni del Seicento [...] non assistiamo [...] a una netta contrapposizione tra amanti del presente da un lato [...] e laudatores temporis acti dall'altro", in quegli stessi anni è tuttavia "costante la coscienza delle particolari qualità dell'età moderna (siano esse giudicate positive o negative) e differenti sono poi le conseguenze, le scelte del gusto che di volta in volta se ne traggono".[17]

La poetica del Barocco[modifica | modifica wikitesto]

Pieter Paul Rubens, La Caduta di Fetonte. Washington, National Gallery of Art

Il Barocco si presenta come affermazione di valori etici ed estetici ben definiti e agevolmente riconoscibili, legati in modo eminente, anche se non esclusivo, alla Controriforma cattolica. Si registra, per esempio, una decisa rivalutazione degli elementi realistici, istantanei e particolari nella rappresentazione, ma anche l'attribuzione di uno statuto di dignità e autonomia alla facoltà immaginativa, nonché il riconoscimento di un ruolo centrale alla capacità di persuadere. Nell'elaborazione teorica del Barocco grande rilevo viene ad assumere la riflessione sulla Poetica di Aristotele, che suggerisce nuovi modi di intendere il concetto di imitazione, fino ad assimilarlo a quello di “finzione”. L'attenzione agli intenti persuasivi dell'attività creativa conduce inoltre all'affermarsi di un ideale retorico dell'arte, al quale viene informata la ricerca dei più svariati elementi espressivi e stilistici: l'efflorescenza decorativa, i giochi di luce, l'amplificazione, la torsione, la ricerca dell'arguzia, della sorpresa, la lievitazione del piano semantico e simbolico, ecc.

È stato osservato da più parti, a partire da Heirich Wölfflin, come la cultura barocca sia portatrice di un'innovativa apertura al concetto di infinito. Un'infinità positiva (cioè non pura e semplice negazione del finito) e posta in stretta relazione con l'intimo dinamismo della realtà creativa. Si è, al riguardo, chiamata in causa l'infinità dei mondi teorizzata da Giordano Bruno: "Movimento e mutamento non sono segni di imperfezione, perché un universo vivente deve potersi muovere e mutare";[18] come scriveva Bruno nel suo Dell'infinito, universo e mondi: "Non sono fini, termini, margini, muraglia che ne defrodino e suttraggano la infinita copia delle cose... perché dall'infinito sempre nuova copia di materia sottonasce".[19]

La temperie barocca pone − e si pone − altresì angosciosi interrogativi sull'autentico senso dell'esistenza umana, avverte e trasmette l'inquietudine delle cose, un profondo e spesso oscuro senso di instabilità, a dispetto della programmatica finalizzazione di ogni aspetto dell'attività umana, inclusa ogni forma di creatività, ad maiorem Dei gloriam, secondo i dettami del Concilio di Trento. L'epoca del Barocco vede agitarsi in sé anche le istanze del nuovo sapere scientifico e della sua ricerca, alle cui suggestioni il mondo dell'arte e delle lettere restano tutt'altro che insensibili. Né va dimenticata l'elaborazione di nuove, ingegnose, prospettive in campo filosofico e politico.

Il Barocco si realizza come grande (e forse ultimo) stile unitario europeo, pur con le cospicue variazioni che ne caratterizzano il declinarsi all'interno dei diversi paesi.

Interno della basilica romana di Sant'Andrea della Valle

Arte barocca[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Arte barocca.

Come accennato, la nozione di "barocco" viene anzitutto applicata all'ambito delle arti figurative, a partire dalle grandi opere architettoniche, scultoree e pittoriche realizzate nella Roma di Urbano VIII da Bernini, Borromini, Pietro da Cortona e numerosi altri artisti loro affini. Uno dei fattori all'origine del linguaggio artistico barocco è spesso individuato nel rifiuto delle forme, ormai estenuate, del Manierismo. In tal senso possono essere indicati fra i precursori della sensibilità barocca figure come gli emiliani Annibale, Agostino e Ludovico Carracci o come il lombardo Michelangelo Merisi da Caravaggio.[20]

Nucleo pulsante della nuova sensibilità è la tensione dinamica, che si esprime in una ricca gamma di soluzioni stilistiche, vere e proprie costanti della sintassi artistica barocca: l'andamento curvilineo dei corpi architettonici, il sistematico ricorso alla figura bifocale dell'ellisse (contro alla figura monofocale e statica del cerchio), l'adozione della colonna tortile e del frontone "rotto", la plastica concitazione delle figure, il rigoglio vaporoso dei drappeggi, la proliferazione dell'ornamento, la dilatazione pittorica delle superfici ecc.

L'acuto senso della teatralità (come si è detto, il teatro moderno vede la luce proprio in quest'epoca) spinge gli artisti a concepire le proprie opere come scenografie drammatiche, ricorrendo a tutti gli espedienti necessari per creare il necessario pathos e suscitare lo stupore del pubblico. Di qui l'immenso repertorio di inganni prospettici e aperture fittizie dello spazio (celeberrimi quelli del Pozzo), moltiplicazioni dei punti di fuga, giochi chiaroscurali, policentrismi della composizione, sia essa architettonica, plastica o pittorica, ecc.

Con l'irrompere del XVIII secolo il linguaggio stilistico barocco si trasporrà nelle forme più leggere e vaporose (talora anche frivole e leziose) del cosiddetto Barocchetto o Rococò.

Letteratura barocca[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Letteratura barocca.

In ambito letterario il Barocco si connota soprattutto per la ricerca, ora freddamente intellettualistica ora emotivamente partecipe, dello stupefacente, dell’arguzia concettuale, dell’immagine singolare e dell’analogia inusitata, proposti in un’ardita commistione di sensualismo e ingnegnosità (secondo la celebre formula del Croce[21]).

Gli autori barocchi frequentano con disinvoltura tutti i generi letterari, dal poema alla lirica, dal dramma al romanzo, dalla cronaca di viaggio al saggio erudito, dalla prosa devozionale al trattato teorico, opponendo al contegno tematico e stilistico della letteratura rinascimentale, un coraggioso sperimentalismo. In ambito poetico, per esempio, la rigorosa canonica della tradizione petrarchista, che aveva segnato la produzione lirica del Cinquecento, viene rimodulata, dilatata e infine respinta e trascesa con il disinvolto ampliamento della materia trattata (accanto all'armonia della bellezza si canta il brutto, il deforme, il macabro) e con l’arricchimento degli strumenti espressivi (a partire dalla dilatazione del patrimonio iconico e del repertorio lessicale). Rispetto ai modelli del secolo precedente, la letteratura barocca presenta quindi un’assai maggiore varietà nei temi e una più ampia libertà nelle forme.

"È del poeta il fin la meraviglia..." La celeberrima terzina in cui Giovan Battista Marino enuncia la missione del poeta (dalla "Fischiata XXXIII" nell'edizione 1619 della Murtoleide).

La teoria letteraria barocca sancisce poi l’emancipazione dell’attività creativa da ogni vincolo di natura estrinseca, non ascrivibile cioè alla pura e semplice dimensione estetica.[22] Il primato dell’immaginazione riceve così una formale consacrazione, che dota di solide basi il gusto della meraviglia, dell’arguzia concettuale, della metafora funambolica, della deviazione dalla norma, e gran parte degli altri elementi distintivi della produzione letteraria barocca.[23] Accanto a tali aspetti, e con essi in stretta connessione, la letteratura barocca coltiva un acceso interesse per l’illusorio, il sogno, la metamorfosi, nonché il senso di una studiata teatralità, che trova esemplificazione nella figura della “macchina” (intesa come mirabolante costrutto dell’ingegno).

Per indicare gli accessi parossistici del concettismo viene a talvolta utilizzato il termine "barocchismo".

Musica barocca[modifica | modifica wikitesto]

Presunto ritratto di Antonio Vivaldi, uno dei più influenti musicisti dell'epoca barocca
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Musica barocca.

Con la formula "musica barocca" si fa riferimento a un periodo della storia musicale che oltrepassa in misura notevole i limiti cronologici dell'arte e della letteratura propriamente barocche. L'attività di molti dei più celebri musicisti ordinariamente classificati come "barocchi" − da Vivaldi a Bach, da Rameau a Domenico Scarlatti − si svolge interamente nel XVIII secolo. Altri operano fra la fine del XVII e l'inizio del XVIII. E per converso i compositori attivi nel pieno del Seicento vengono spesso classificati come tardo-rinascimentali o protobarocchi. Fra il fenomeno del Barocco musicale e quello del Barocco artistico e letterario non sussiste pertanto una piena corrispondenza temporale. Del resto, nonostante persista con tenacia nell'uso corrente, l'espressione "musica barocca" è stata progressivamente accantonata dalla manualistica musicologica in favore di soluzioni più neutre come, "musica dell'età barocca", "Seicento (o Settecento) musicale", "musica del Seicento (o del Settecento)" e simili.[24]

La musica dell'età barocca si articola in un'enorme varietà di generi, scuole e correnti, una polivocità che rende alquanto difficile tracciarne un profilo unitario. Un elemento comune si può indicare nel dominio, pressoché incontrastato, della scrittura contrappuntistica. Sebbene il contrappunto non possa definirsi una tecnica compositiva di ideazione barocca, in tale epoca esso raggiunge le sue espressioni più ricche e rigorose, culminanti nell’opera di Johann Sebastian Bach. Il gusto barocco della costruzione ingegnosa trova innumerevoli campi d’applicazione anche in ambito musicale. Fra la seconda metà del Seicento e la prima metà del Settecento giunge, per esempio, a compiuta perfezione il sofisticato meccanismo compositivo della fuga, viene fissata la forma canonica del concerto, vengono poste le basi per lo sviluppo della sonata, ecc.

Tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento prende poi forma l’opera, che dalla nativa Italia si propagherà rapidamente al resto d’Europa.[25] Nell’opera poesia, musica, danza e arti figurative si danno convegno, animando uno spettacolo totale basato su “due presupposti imperiosi e tenaci: la dottrina degli affetti e l’idea del meraviglioso”,[26] l’una e l’altra solidi capisaldi della poetica barocca. All’Italia barocca si deve l’invenzione stessa dell’ambiente teatrale moderno, con la sua struttura a emiciclo, i suoi fondali, il sipario, le macchine, ecc.

Accanto all'opera nasce, ancora una volta in Italia, il genere musicale drammatico dell'oratorio, che conoscerà notevole fortuna anche nei principali paesi Europei.

L’età barocca fu un ricco campo di sperimentazione anche per quanto riguarda gli strumenti musicali: si fissano i principi costruttivi dei moderni strumenti ad arco,  si perfezionano strumenti a tastiera come l’organo e il clavicembalo, si realizzano i primi pianoforti.[27]

Tra i portati musicali di primaria importanza dell’età barocca va menzionata la definitiva adozione del temperamento equabile, che segna una svolta decisiva per lo sviluppo del linguaggio musicale occidentale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sul vigoroso propagarsi del Barocco e sul conclusivo esaurimento della sua spinta propulsiva ha osservato Dino Formaggio: "Il potente respiro del Barocco italliano investe ormai in mille modi diversi e diversamente si riflette nelle corti e nelle società borghesi d'Europa; finché l'originario e vigorosamente paradossale suo fuoco logico, così modernamente vivo di controsignificanze, verrà a spegnersi quasi del tutto tra le lievi grazie dorate del Rococò" (D. Formaggio, Il Barocco in Italia, Milano 1960, p. 42).
  2. ^ Su quest'ultimo aspetto cfr., per es., Giuliano Briganti, Milleseicentotrenta, ossia il Barocco, in “Paragone”, 13 (1951), pp. 8-17.
  3. ^ Salvatore Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana, vol. II, Torino 1995, p. 76.
  4. ^ Fernand Braudel, Il secondo Rinascimento: due secoli e tre Italie, Torino 1986, pp. 84-85. Il saggio di Braudel smentisce il topos storiografico che vorrebbe l'Italia del Seicento in condizioni economiche precarie, se non rovinose, e mostra come per ampi tratti del secolo (specie nella prima metà) la penisola abbia potuto contare su un quadro economico interno assai vitale e florido.
  5. ^ Il primo a fare menzione della perla "barroco" sembra essere stato il botanico portoghese Garcia da Orta, che nei suoi Coloquios dos simples e drogas da India, definisce le perle indiane "uns barrocos mal afeiçoados e não redondos, e com aguas mortas" (Coloquios dos simples e drogas da India, Goa 1563, colloquio 35, foglio 139 v.). Sull'etimo di barroco / barrueco sono state avanzate dai linguisti (p. es. Diez, Körting, Meyer-Lübke e Bloch) varie e curiose ipotesi, come la derivazione dall’arabo barraqa (“aprire gli occhi”), dal latino bis-roca (“pietra storta”) o verruca (“bitorzolo”) e dallo spagnolo barro (“escrescenza”, a sua volta dal latino varus “storto"). Cfr. Giovanni Getto, Il barocco letterario in Italia, Milano, Bruno Mondadori, 2000, pp. 391-392.
  6. ^ Premessa minore e conclusione sono dunque affini (e ciò sta a segnalare l’identità della vocale, O), perché entrambe particolari negative, ma non completamente identiche (e ciò sta a segnalare la differenza di consonante, R e C).
  7. ^ Francesco Milizia, Dizionario delle belle arti e del disegno, II, 131. Per una storia del termine "barocco" si veda Bruno Migliorini, Etimologia e storia del termine "barocco", in Manierismo, barocco, rococò, Roma 1962, pp. 39 e segg. Migliorini segnala anche un terzo etimo, che riconduce il vocabolo a una tipologia di contratto usuraio ("barocchio" o "baroccolo").
  8. ^ Benedetto Croce, "Il concetto di Barocco", La Critica. Rivista di Letteratura, Storia e Filosofia, 23, 1925, pp. 129-143
  9. ^ René Wellek, "The Concept of Baroque in Literary Scholarship", The Journal of Aesthetics and Art Criticism, Vol. 5, No. 2, Special Issue on Baroque Style in Various Arts (Dec., 1946), pp. 77-109.
  10. ^ "Si dica pure 'età barocca' e 'arte barocca'; ma non si perda mai la coscienza che, a rigor di termini, quel che è veramente arte non è mai barocco" (Croce, Storia dell'età barocca in Italia, Milano 1993, p. 60).
  11. ^ Enzo Carli - Gian Alberto Dell'Acqua, Storia dell'arte, vol. III, Bergamo 1972, p. 227.
  12. ^ Si vedano: H. Wölfflin, Renaissance und Barock: eine Untersuchung über Wesen und Entstehung des Barockstils in Italien. München 1888 (versione online), trad. it. Rinascimento e barocco: ricerche intorno all'essenza e all'origine dello stile barocco in Italia, Milano 2017; e H. Wölfflin, Kunstgeschichtliche Grundbegriffe: Das Problem der Stilentwicklung in der neueren Kunst, München 1915 (versione online); trad. it. Concetti fondamentali della storia dell'arte, Milano 2016.
  13. ^ G. C. Argan, Storia dell’arte italiana, vol. III, Firenze 1984, p. 257. Per la Chiesa, chiarisce Argan, “la cultura è una via di salvezza, ma tutta l’umanità deve salvarsi […]. Bisogna dunque che la cultura penetri in tutti gli strati della società; bisogna che ogni attività umana, anche la più umile, abbia un’origine culturale e un fine religioso […]. Per questo il Barocco diventa ben presto uno stile e passa dalla sfera dell’arte a quella del costume, della vita sociale” (ibidem, pp. 257-258).
  14. ^ Di Weisbach si veda soprattutto Der Barock als Kunst der Gegenreformation, Berlin 1921.
  15. ^ Si veda E. d’Ors, Du Baroque, Paris 1936 (trad. it. Del Barocco, a cura di Luciano Anceschi, Milano 2011).
  16. ^ Sul tema cfr. Victor L. Tapiè, Barocco e classicismo, Milano 1998.
  17. ^ Franco Croce, Critica e trattatistica del barocco, in Storia della letteratura italiana: il Seicento, Milano 1967, p. 475.
  18. ^ Elisabetta Strocchi, "Il primato dell'immagine: l'Italia barocca", in AA.VV., Storia dell'Arte italiana, Milano, Bruno Mondadori, 1992, p. 312 (dove si cita, con lievi aggiustamenti, il passo bruniano che segue). Cfr. anche Formaggio, Il Barocco..., p. 12.
  19. ^ Giordano Bruno, "Proemiale epistola" a De l'infinito, universo e mondi, Firenze, Sansoni, 1978, p. 361.
  20. ^ Così, ad es., Carli-Dell'Acqua, Storia dell'arte, vol. III, Bergamo 1972, p. 228.
  21. ^ B. Croce, Sensualismo e ingegnosità nella lirica del ’600, in Saggi sulla letteratura italiana del Seicento, Bari 1911, pp. 377-433.
  22. ^ Una delle formulazioni più avanzate – e fortunate – in tal senso è Il cannocchiale aristotelico di Emanuele Tesauro (Torino 1654 e, in edizione definitiva, 1670).
  23. ^ A partire dalla poesia lirica, con le varie declinazioni del concettismo: dal marinismo italiano all’eufuismo inglese, il preziosismo francese, il culteranesimo spagnolo, ecc.
  24. ^ "Non si meravigli troppo il lettore se, contro ogni aspettativa e desiderio, troverà scritta la parola 'barocco' soltanto in questa pagina del libro", scrive, ad esempio, Lorenzo Bianconi in apertura del suo volume sul Seicento musicale (L. Bianconi, Il Seicento, Torino 1991, p. XV).
  25. ^ Occorre peraltro “distinguere la nascita dell’opera in musica, avvenuta a Firenze nel 1600, da quella dell’teatro d’opera, avvenuta a Venezia nel 1637” (F. Dorsi-G-Rausa, Storia dell’opera italiana, Milano 2000, p. 28). Nella Venezia del 1637 sorge anche il primo teatro d'opera, il San Cassian.
  26. ^ Carl Dahlhaus, Drammaturgia dell’opera italiana, Torino 2005, p. 9.
  27. ^ Sullo sviluppo di questi e altri strumenti si può vedere Storia degli strumenti musicali, a cura di Anthony Baines, Milano 1983.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Benedetto Croce, Storia della età barocca in Italia: pensiero, poesia e letteratura, vita morale, Bari, Laterza, 1929.
  • Dino Formaggio, Il Barocco in Italia, Milano, Mondadori, 1960.
  • Mario Perniola, La società dei simulacri, Bologna, Cappelli, 1980.
  • Luciano Anceschi, L'idea del Barocco, Bologna, Nuova Alfa, 1984.
  • Anna Menichella, Barocco, in L'Arte (Critica e Conservazione), Enciclopedia tematica aperta, Milano, Jaca Book, 1993, pp. 181–183, ISBN 88-16-43910-6.
  • Andrea Battistini, Il Barocco - cultura, miti, immagini, Roma, Salerno Editrice, 2000, ISBN 88-8402-316-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 18806 · LCCN (ENsh85008345 · GND (DE4004541-9 · BNE (ESXX525325 (data)