Jaca Book

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jaca Book
Stato Italia Italia
Fondazione 1965
Fondata da Sante Bagnoli, Maretta Campi, Paolo Mangini
Sede principale Milano
Settore Editoriale
Sito web

Jaca Book è una casa editrice italiana con sede a Milano[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Stand dell'editore al Salone internazionale del libro 2016

La casa editrice fu costituita nel 1965 da studenti universitari milanesi e iniziò la propria attività nel 1966. Tra i suoi fondatori possono essere ricordati Sante Bagnoli, tuttora presidente della casa editrice, Maretta Campi e Paolo Mangini[2]. Il nome deriva da una pianta: la giaca (dal portoghese jaca), cui è stato unito book ad indicare il genere di attività[3].

Fin dai primi anni si è occupata di scienze umane, di Cristianesimo, di macroeconomia e di teologia. Nel 1978 avviò la pubblicazione della rivista culturale "L'Umana Avventura".

Dal 1980 iniziò a pubblicare anche libri di storia dell'arte, di archeologia, di architettura, in genere coeditati insieme con i principali editori delle diverse lingue. Negli stessi anni Jaca Book iniziò anche ad inserire nel proprio catalogo libri destinati ai ragazzi nei campi delle religioni, della storia e delle scienze.

Nel 2002 Jaca Book ha inaugurato la collana Patrimonio artistico italiano, che illustra e documenta le opere dei principali stili dal paleocristiano al barocco. Nello stesso anno ha ricevuto il premio Alassio Centolibri - Un editore per l'Europa[4].

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Jaka Book pubblica circa 4000 titoli e 2.500 autori fra i quali si trovano filosofi come Jacques Derrida (tradotto per la prima volta in italiano nel 1968), Emmanuel Lévinas, Paul Ricoeur, Carlo Sini; teologi come don Giussani, il vescovo Luigi Negri, il cardinale John Henry Newman e papa Benedetto XVI, Henri de Lubac, Hans Urs von Balthasar, Inos Biffi; antropologi delle religioni come Mircea Eliade e il cardinale Julien Ries, Paleoantropologi come Yves Coppens e Fiorenzo Facchini, storici come Hubert Jedin, Jacques Heers, Giovanni Sale e pensatori come Raimon Panikkar o Pierre Teilhard de Chardin. E ancora, lo scrittore nigeriano Wole Soyinka, gli scrittori inglesi C.S. Lewis e Robert Hugh Benson, lo scrittore scozzese Bruce Marshall.

Pubblica inoltre la versione in lingua italiana della rivista internazionale di teologia cattolica Communio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ JACA BOOK - Libri on-line - Saggistica, Art books, Educational, Letteratura
  2. ^ Jaca Book - Recensioni di QLibri
  3. ^ Giampaolo Romanato, Franco Molinari, Cultura cattolica in Italia. Ieri e oggi, Torino, Marietti, 1980 (scheda dedicata alla casa editrice).
  4. ^ Il sito turistico del Comune di Alassio - Arte, Cultura e Storia - Premi Letterari, comune.alassio.sv.it. URL consultato il 26 giugno 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]