Luigi Negri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Luigi Negri (disambigua).
Luigi Negri
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Luigi Negri.svg
Tu fortitudo mea
Titolo Ferrara-Comacchio
Incarichi attuali Arcivescovo emerito di Ferrara-Comacchio
Incarichi ricoperti Vescovo di San Marino-Montefeltro
Arcivescovo di Ferrara-Comacchio
Abate di Pomposa
Nato 26 novembre 1941 (75 anni) a Milano
Ordinato presbitero 28 giugno 1972 dal cardinale Giovanni Colombo
Nominato vescovo 17 marzo 2005 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 7 maggio 2005 dal cardinale Dionigi Tettamanzi
Elevato arcivescovo 1º dicembre 2012 da papa Benedetto XVI

Luigi Negri (Milano, 26 novembre 1941) è un arcivescovo cattolico italiano, dal 15 febbraio 2017 arcivescovo emerito di Ferrara-Comacchio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Milano, città metropolitana e sede arcivescovile, il 26 novembre 1941.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta il liceo Berchet di Milano, dove ha tra i suoi docenti don Luigi Giussani; conosce allora il movimento ecclesiale Gioventù Studentesca, cui rimane legato per il resto della sua attività pastorale. Dal 1965 al 1967 è il primo presidente diocesano del movimento.

Laureatosi in filosofia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 1965, entra in seminario due anni più tardi.

Il 28 giugno 1972 è ordinato presbitero dal cardinale Giovanni Colombo. Nello stesso anno consegue la licenza in teologia.

Nei primi anni settanta è tra i protagonisti della rinascita del movimento di don Giussani, che assume l'attuale nome di Comunione e Liberazione. Guida la presenza del movimento nell'ambiente scolastico: è sua gran parte dell'organizzazione dei primi due grandi convegni nazionali di CL nel 1975 e nel 1976; a tutt'oggi è membro del Consiglio internazionale di Comunione e Liberazione.

In seguito diventa professore di Introduzione alla Teologia e Storia della Filosofia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore. È docente di introduzione alla teologia e di storia della filosofia all'Università cattolica del Sacro Cuore di Milano. Filosofo, teologo, saggista, si dedica allo studio e alla diffusione del magistero pontificio, in particolare di papa Giovanni Paolo II. Sono numerosi i suoi articoli e le sue opere in materia, tra le quali "Cristo redentore dell'uomo e L'uomo e la cultura nel magistero di Giovanni Paolo II".

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 marzo 2005 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di San Marino-Montefeltro[1]; succede a Paolo Rabitti, precedentemente nominato arcivescovo di Ferrara-Comacchio. Riceve l'ordinazione episcopale il 7 maggio successivo, nella cattedrale di Milano, dal cardinale Dionigi Tettamanzi, coconsacranti gli arcivescovi Carlo Caffarra e Paolo Romeo (poi entrambi cardinali). Il 22 maggio prende possesso canonico della diocesi, nella cattedrale di Pennabilli.

Il 18 luglio 2005, su sua iniziativa, sorge a San Marino la "Fondazione internazionale «Giovanni Paolo II» per il Magistero Sociale della Chiesa"[2], con lo scopo di favorire lo studio sistematico dell'opera e del pensiero di Karol Wojtyła.

Il 19 giugno 2011 accoglie papa Benedetto XVI in visita pastorale nella diocesi di San Marino-Montefeltro.

Il 18 settembre 2012 è nominato padre sinodale della XIII Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi.

Il 1º dicembre 2012 papa Benedetto XVI lo nomina arcivescovo di Ferrara-Comacchio[3]; succede a Paolo Rabitti, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 3 marzo 2013 prende possesso canonico dell'arcidiocesi, nella cattedrale di San Giorgio.

Il 4 luglio 2013 Il Resto del Carlino pubblica un'intervista in cui dichiara: "Ho visto scene di sesso tra due ragazzi e un gruppo, evidentemente ubriaco, coinvolto in atteggiamenti orgiastici. Io non ho mai visto un postribolo. Ma l'idea era quella"[4], riferendosi a un gruppo di giovani ferraresi che usualmente si incontrano la sera sul sagrato della cattedrale. La presa di posizione dell'arcivescovo, che minaccia anche di recintare il sagrato della cattedrale, genera critiche da parte del sindaco della città e di alcuni giovani cittadini. A metà ottobre dello stesso anno fanno discutere le sue dichiarazioni sul caso di Erik Zattoni[5].

Il 23 maggio 2015 invita l'arcieparca di Mossul dei Caldei, in esilio, ad una veglia per i morti per l'occupazione dell'ISIS; il successivo 15 agosto è l'unico ordinario italiano ad aver dato l'ordine di far suonare le campane alle 12:00, a morto, per ricordare i martiri di Mossul da parte dell'ISIS.

Il 25 novembre 2015 il Fatto Quotidiano pubblica un articolo in cui emerge una sua pesante dichiarazione in merito alla decisione di papa Francesco di assegnare le arcidiocesi di Bologna e Palermo, per anni in mano a Comunione e liberazione, a Matteo Zuppi e Corrado Lorefice, due preti di strada. In particolare Negri affermerebbe: "Speriamo che con Bergoglio la Madonna faccia il miracolo come aveva fatto con l'altro"[6][7]. Dopo il clamore mediatico ha solo chiesto udienza al papa[8][9].

Il 15 febbraio 2017 papa Francesco accoglie la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi di Ferrara-Comacchio per raggiunti limiti di età; gli succede Gian Carlo Perego.

Attualmente è membro della commissione episcopale per la dottrina della fede, l'annuncio e la catechesi e membro del Pontificio consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti. È inoltre membro del comitato scientifico-tecnico per la scuola cattolica della Conferenza Episcopale Italiana ed è stato membro della Pontificia accademia dell'Immacolata. Dal 2000 collabora con la rivista Il Timone e dall'8 dicembre 2010 con il quotidiano online La Nuova Bussola Quotidiana.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Negri è autore di circa 30 volumi e 40 saggi.

Ha pubblicato le seguenti opere:

  • Persona e Stato nel pensiero di Hobbes, Jaca Book, 1988
  • L'uomo e la cultura nel magistero di Giovanni Paolo II, Jaca Book, 1988
  • L'antropologia di Romano Guardini, Jaca Book, 1989
  • Fede e Ragione in Tommaso Campanella, Massimo, 1990
  • Il Magistero sociale della Chiesa, Jaca Book, 1994
  • False accuse alla Chiesa, Piemme, 1997
  • Cristo destino dell'uomo, Piemme, 1998
  • Essere prete oggi, Piemme, 1999
  • Controstoria. Una rilettura di mille anni di vita della Chiesa, San Paolo, 2000
  • Nell'anno della Trinità, Piemme, 2000
  • Il Mistero si fa Presenza. Meditazioni sui tempi liturgici, Ancora, 2000
  • Cristianesimo e Senso Religioso, Massimo, 2001
  • Ripensare la modernità, Cantagalli, 2003
  • Vivere il Cristianesimo, Gribaudi, 2004
  • L'insegnamento di Giovanni Paolo II, Jaca Book, 2005
  • Pio IX. Attualità & Profezia, Ares, 2006
  • Vivere il Matrimonio, Ares, 2006
  • Per un umanesimo del terzo millennio. Il magistero sociale della Chiesa, Ares, 2007
  • Lo stupore di una vita che si rinnova. Spunti di riflessione sull'esperienza cristiana, Cantagalli, 2008
  • Emergenza educativa. Che fare?, Fede & Cultura, 2008
  • Con Galileo oltre Galileo, Sugarco (con Franco Tornaghi), 2009
  • Perché la Chiesa ha ragione. Su vita, famiglia, educazione, Aids, demografia, sviluppo, Lindau (con Riccardo Cascioli), 2010
  • Parole di fede ai giovani, Fede & Cultura, 2010
  • Fede e cultura. Scritti scelti, Jaca Book, 2011
  • Risorgimento e identità italiana: una questione ancora aperta, Cantagalli, 2011
  • Vivere il matrimonio. Percorso di verifica per fidanzati & sposi, Ares, 2012
  • I Promessi Sposi nostri contemporanei, Mimep-Docete, 2014
  • Il cammino della Chiesa. Fondamenti, storia & problemi, Ares, 2015
  • False accuse alla Chiesa (nuova Edizione), Gribaudi, 2016

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore con placca dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore con placca dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
— 20 settembre 2006
Cappellano Conventuale ad Honorem del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Cappellano Conventuale ad Honorem del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
— 26 ottobre 2006
Grande Ufficiale dell'Ordine della Stella d'Italia (già Stella della solidarietà italiana) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine della Stella d'Italia (già Stella della solidarietà italiana)
— 2 settembre 2008[10]
Commendatore di Grazie Ecclesiastico dell'Ordine costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Grazie Ecclesiastico dell'Ordine costantiniano di San Giorgio
— 29 giugno 2009
Cavaliere Grand'Ufficiale dell'Ordine equestre di Sant'Agata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Grand'Ufficiale dell'Ordine equestre di Sant'Agata
— 30 gennaio 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di San Marino-Montefeltro Successore BishopCoA PioM.svg
Paolo Rabitti 17 marzo 2005 - 1º dicembre 2012 Andrea Turazzi
Predecessore Arcivescovo di Ferrara-Comacchio Successore Archbishop CoA PioM.svg
Paolo Rabitti 1º dicembre 2012 - 15 febbraio 2017 Gian Carlo Perego
Predecessore Abate di Pomposa Successore ProvostOrAbbotCoA PioM.svg
Paolo Rabitti 1º dicembre 2012 - 15 febbraio 2017 Gian Carlo Perego
Controllo di autorità VIAF: (EN27117978 · LCCN: (ENn88201805 · ISNI: (EN0000 0001 0856 1388 · BNF: (FRcb122267357 (data)