Andrea Battistini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea Battistini (Bologna, 9 maggio 1947Bologna, 30 agosto 2020[1]) è stato un critico letterario e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Ezio Raimondi, dopo essere stato professore ordinario di letteratura italiana presso l'Alma mater studiorum - Università di Bologna[2] dal 1984 al 2017 fu nominato professore emerito dalla stessa Università. Durante il suo periodo in servizio fu anche direttore del Dipartimento di Italianistica dal 1993 al 1996 e del Collegio superiore dalla sua fondazione (1998) fino al 2001. Dal 2012 al 2015 fu uno dei consiglieri d'amministrazione della sua Università.

I suoi lavori (oltre 850 titoli pubblicati, alcuni dei quali tradotti in inglese, giapponese, tedesco, spagnolo, francese, ungherese e portoghese), hanno abbracciato soprattutto il Seicento e il Settecento, principalmente le figure di Galileo Galilei e di Giambattista Vico, due autori di cui egli curò diverse edizioni delle opere. Battistini si occupò inoltre del genere autobiografico, del Barocco, della retorica, di Dante Alighieri.

Fu direttore della rivista "Intersezioni". Fece inoltre parte dei comitati scientifici delle riviste "Critica letteraria", "Annali d'Italianistica", "Quaderni d'Italianistica", "Galilaeana", "Esperienze Letterarie", “Rinascimento”, “Seicento & Settecento” e altre. Fu membro del Centro di studi muratoriani dal 1984; socio residente della Commissione per i testi di lingua dal 1988; membro dell'Accademia degli Agiati dal 2003; socio dell'Accademia d'Arcadia dal 2004; dell'Accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna dal 2005; membro dell'Accademia Ambrosiana-Classe di Studi Borromaici dal 2006; membro della Società Torricelliana di Faenza dal 2009; membro dell'Associazione culturale «Il Mulino». Fu nel 1996 uno dei fondatori dell'ADI (Associazione degli Italianisti), del cui Consiglio direttivo fece parte fino al 2012. Fu presidente dell'Accademia Pascoliana di San Mauro Pascoli dal 2007 al 2017 e membro dei comitati per le edizioni nazionali delle Opere di Giovanni Pascoli dal 2010 al 2018.

Fu cittadino onorario del Comune di Alberona (Foggia) e di San Mauro Pascoli (Forlì-Cesena).

Nel 2011 gli venne assegnato il Premio Letterario «Città di Leonforte» per la saggistica. Nel 2015 gli fu conferito dall'Accademia Nazionale dei Lincei il Premio «Maria Teresa Messori Roncaglia ed Eugenio Mari» destinato a un letterato. Nel 2019 ottenne il Premio di storia letteraria «Natalino Sapegno».

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La degnità della retorica. Studi su G.B. Vico, Pisa, Pacini, 1975.
  • Letteratura e scienza, Bologna, Zanichelli, 1977.
  • Le parole in guerra. Lingua e ideologia dell'«Agnese va a morire», Ferrara, Bovolenta, 1982.
  • Nuovo contributo alla bibliografia vichiana (1971-1980), Napoli, Guida, 1983.
  • B. Barilli, Capricci di vegliardo e taccuini inediti, a cura di A. B. e A. Cristiani, Torino, Einaudi, 1989.
  • Le figure della retorica. Una storia letteraria italiana (con Ezio Raimondi), Torino, Einaudi, 1990.
  • Lo specchio di Dedalo. Autobiografia e biografia, Bologna, Il Mulino, 1990.
  • G. B. Vico, Opere, a cura di A. B., Milano, Meridiani Mondadori, 1990.
  • G. Galilei, Sidereus Nuncius, a cura di A. B., Venezia, Marsilio, 1993.
  • D. Alighieri, La «Vita nuova» e le Rime, a cura di A. B., Roma, Salerno Editrice, 1995.
  • La sapienza retorica di Giambattista Vico, Milano, Guerini e associati, 1995. [ISBN] 88-7802-584-4
  • Il Barocco. Cultura, miti, immagini, Roma, Editrice Salerno, 2000. [ISBN] 88-8402-316-5
  • Galileo e i Gesuiti. Miti letterari e retorica della scienza, Milano, Vita e pensiero, 2000. [ISBN] 88-343-0514-0
  • Sondaggi sul Novecento, Cesena, Società Editrice «Il Ponte Vecchio», 2003. [ISBN] 88-8312-304-2
  • Vico tra antichi e moderni, Bologna, Il Mulino, 2004. [ISBN] 88-15-10196-9
  • Galileo, Bologna, Il Mulino, 2011. [ISBN] 88-15-23239-7
  • G. Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, a cura di A. Battistini, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2012.
  • «La Critica», in La letteratura della nuova Italia, Croce e Gentile. La cultura italiana e l’Europa, sotto la direzione di M. Ciliberto, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2016, p. 91-99. [ISBN] 88-12-00577-2
  • La retorica della salvezza. Studi danteschi, Bologna, Il Mulino, 2016. [ISBN] 88-15-26428-2
  • Francesco Lana de Terzi, Prodromo all’Arte Maestra, a cura di A.B., Brescia, Morcelliana, 2016, pp. 389.
  • Svelare e rigenerare. Studi sulla cultura del Settecento, a cura di F. Ferretti e A. Cristiani, Bologna, BUP, 2019, pp. 390 [ISBN] 88-6923-404-0.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore del collegio superiore Successore
- 1998-2001 Dario Braga
Controllo di autoritàVIAF (EN27060581 · ISNI (EN0000 0001 2095 7844 · SBN IT\ICCU\CFIV\021268 · LCCN (ENn79089173 · GND (DE133981193 · BNF (FRcb11890560s (data) · BNE (ESXX1200048 (data) · BAV (EN495/287779 · WorldCat Identities (ENlccn-n79089173