Simbolo degli apostoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Credo o Simbolo degli apostoli (Symbolum apostolorum o Symbolum apostolicum) è un'antichissima formula di fede della religione cristiana. Fino al XV secolo venne attribuito agli stessi apostoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La parola Symbolum a sé stante comparve in un testo cristiano nel III secolo d.C., nell'epistolario di San Cipriano:[1] Cipriano chiamò questa preghiera il "Simbolo della Trinità" e la riconobbe quale parte integrante del rito del battesimo.[2]

Il titolo di Symbolum Apostolicum (Simbolo degli Apostoli) compare in una lettera[3] del 390 ca, inviata dai partecipanti del concilio di Milano a Papa Siricio e firmata tra gli altri da Sant'Ambrogio, nella quale si legge: "Si presti credito al Credo degli Apostoli, che la Chiesa Romana ha costantemente conservato e tramandato nella sua [originale] purezza".[4] Nella lettera è già presente la tradizione, riferita da Rufino[5] ma a lui precedente,[6] secondo la quale ciascuno dei dodici apostoli scrisse uno dei dodici articoli di fede del Symbolum,[7] ispirati dallo Spirito Santo[8] il giorno di Pentecoste.[2] La memoria di questo fatto era viva nei primi secoli del Cristianesimo[4] e perdurò in tutto il Medioevo,[2] rafforzando l'autorità della formula ormai diventata sacra.[9]

Si sa inoltre che anche nella Chiesa antica i battezzandi pronunciavano una formula di professione di fede, ma non ne abbiamo traccia scritta. Dato che non abbiamo ragione di credere che un nuovo Credo abbia sostituito quello apostolico prima del Concilio di Nicea, si può ritenere che la formula usata fosse quella riportata in questa versione.

Secondo alcuni autori, la frase "creatore del cielo e della terra" fu aggiunta nel VII secolo[10], pur essendo presente nel Credo niceno-costantinopolitano nel 325.

Scritti dei secoli V e VI indicano che questa preghiera, nei primi secoli della Chiesa, era considerata talmente sacra da non poter essere neppure scritta, ma soltanto memorizzata; questo spiegherebbe la mancanza di fonti scritte dirette antiche in favore di semplici allusioni o rimandi e di una tradizione orale[senza fonte]

Se una mancata formalizzazione scritta avrebbe potuto favorire l'esistenza di modifiche o integrazioni della preghiera apostolica, tuttavia ciò non si verificò per le altre preghiere cristiane, che erano anche un modo per fissare nel tempo le principali verità della fede, e per insegnarle ai fedeli illetterati.

I Dodici mentre scrivono il Credo Apostolico, direttamente ispirati dallo Spirito Santo Dio (manoscritto del XIII secolo).

Il più antico testo era ispirato al Vangelo secondo Matteo 28,29, quale parte del mandato apostolico (Mt 28,16-20), e si è ipotizzato a riguardo che esistesse in forma scritta già a partire dal II secolo, nota anche come "forma romana"[4][11][12].

Se singoli articoli di fede del Credo Apostolico attuale sono presenti in autori quali Ireneo, Tertulliano, Novaziano, Marcello, Sant'Ambrogio, Agostino, Rufino, Niceta ed Eusebio Gallo[13], il testo completo di ciò che noi conosciamo come Credo Apostolico appare per la prima volta nell'opera De singulis libris canonicis scarapsus ("Estratti dai libri canonici") di Pirmino di Murbach,[14] composta tra il 710 e il 714 d.C.[15]

Carlo Magno, re dei Franchi dal 768, impose il Credo Apostolico in tutti suoi domini, finché il papato non accettò di sostituirla all'antico simbolo Romano, in uso da secoli[4].

Fra i critici, il tedesco Adolf von Harnack, lo storico del Cristianesimo e teologo protestante, ipotizzò una datazione del Symbolum molto più tarda dell'età apostolica, risalente al V secolo[2][16].

Sebbene il testo latino e greco si riferisse specificamente alla resurrezione della carne (σαρκὸς ἀνάστασιν, carnis resurrectionem), le versioni adottate dalla Chiesa Cattolica, Chiesa d'Inghilterra, Chiesa Luterana e Metodista parlano più genericamente di resurrezione del corpo”.[17]

Il riferimento alla Comunione dei Santi non è presente nel Credo Niceno e nell'Antico Simbolo Romano.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

È composto di 12 articoli:

«Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra
e in Gesù Cristo, Suo unico Figlio, nostro Signore,
il quale fu concepito da Spirito Santo, nacque da Maria Vergine,
patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto;
discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte;
salì al cielo, siede alla destra di Dio, Padre onnipotente:
di là verrà a giudicare i vivi e i morti.
Credo nello Spirito Santo,
la santa Chiesa cattolica, la Comunione dei Santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne,
la vita eterna. Amen.»

In latino:

«1. Credo in Deum Patrem omnipotentem, Creatorem caeli et terrae,
2. et in Iesum Christum, Filium Eius unicum, Dominum nostrum,
3. qui conceptus est de Spiritu Sancto, natus ex Maria Virgine,
4. passus sub Pontio Pilato, crucifixus, mortuus, et sepultus;
5. descendit ad inferos, tertia die resurrexit a mortuis;
6. ascendit ad caelos, sedet ad dexteram Dei Patris omnipotentis:
7. inde venturus est iudicare vivos et mortuos.
8. Credo in Spiritum Sanctum,
9. sanctam Ecclesiam Catholicam, sanctorum communionem,
10. remissionem peccatorum,
11. carnis resurrectionem,
12. vitam aeternam. Amen.»

Uso liturgico[modifica | modifica wikitesto]

Nella Chiesa cattolica[modifica | modifica wikitesto]

È tuttora in uso nella liturgia della Messa, in cui si alterna al "Simbolo niceno-costantinopolitano"; in particolare, può essere adottato durante la Quaresima ed il tempo di Pasqua, nonché in tutte le occasioni nelle quali la liturgia richiama il battesimo.[18] Nell'editio typica tertia del Missale Romanum (2002), il primo verso è stato cambiato in Credo in unum Deum. Il testo riportato in tale messale è il seguente:

Credo in unum Deum
Patrem omnipoténtem, Creatórem cæli et terræ,
et in Iesum Christum, Fílium eius únicum,
Dóminum nostrum,
qui concéptus est de Spíritu Sancto,
natus ex María Vírgine,
passus sub Póntio Piláto,
crucifíxus, mórtuus, et sepúltus,
descéndit ad ínferos,
tértia die resurréxit a mórtuis,
ascéndit ad cælos,
sedet ad déxteram Dei Patris omnipoténtis,
inde ventúrus est iudicáre vivos et mórtuos.
Credo in Spíritum Sanctum,
sanctam Ecclésiam cathólicam,
sanctórum communiónem,
remissiónem peccatórum,
carnis resurrectiónem,
vitam ætérnam. Amen.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cipriano, Epistole 69, 7; 75, 10-11 (CSEL 3/2). Cfr. Carpenter.
  2. ^ a b c d CE. Il riferimento a 'St. Firmilia' nella voce è un errore di stampa: si tratta di 'St. Firmilian'.
  3. ^ Ambrogio da Milano, Lettera 42, 5, su Tertullian.org. URL consultato il 19 maggio 2011.
  4. ^ a b c d ODCC.
  5. ^ Spiegazione del Simbolo, 2.
  6. ^ Kelly, p. 2.
  7. ^ Pseudo-Agostino, Sermo 240, PL 39, 2189-2190.
  8. ^ Arthur Cushman McGiffert, The Apostles' Creed: Its Origin, Its Purpose, and Its Historical Interpretation, 2008, p. 42, ISBN 0-559-85199-5..
  9. ^ Kelly, p. 4.
  10. ^ Day Gardiner Mumford, The Apostles' Creed: an interpretation for today, Scribner, 1963, p. 33..
  11. ^ Documents of the Christian Church, 2nd, Londra, Henry Bettenson, 1963, p. 23..
  12. ^ Joseph Lynch, The Medieval Church, Londra, New York, Longman, 1992, p. 7..
  13. ^ Creeds of Christendom, with a History and Critical notes, II. The History of Creeds, Christian Classics Ethereal Library, 13 luglio 2005. URL consultato il 30 settembre 2018.
  14. ^ PL 89, 1029 segg.
  15. ^ Kelly, pp. 398–434.
  16. ^ Adolf von Harnack, Das apostolische Glaubensbekenntniss, 1892, p. 3
  17. ^ Outi Lehtipuu, Debates over the Resurrection of the Dead: Constructing Early Christian Identity. Oxford: Oxford University Press 2015, pp. 109-110.
  18. ^ Missale Romanum, editio typica tertia, 2002, p. 513: "Loco symboli nicæno-constantinopolitani, præsertim tempore Quadragesimæ et tempore paschali, adhiberi potest symbolum baptismale Ecclesiæ Romanæ sic dictum Apostolorum".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Herbert Thurston, Apostles' Creed, su Catholic Encyclopedia (year 1913), Vol.1, New York, Robert Appleton Company.
  • (EN) H.J. Carpenter, Symbolum as a Title of the Creed, in The Journal of Theological Studies, vol. 43, 169-170, pp. 1–11.
  • (EN) J.N.D. Kelly, Early Christian Creeds, 3ª ed., Continuum, 1972.
  • (EN) F. L. Cross e E. A. Livingstone (a cura di), Apostles' Creed, in The Oxford Dictionary of the Christian Church, Oxford University Press, 2005, p. 90, ISBN 978-0-19-280290-3.
  • (EN) Piotr Ashwin-Siejkowski, The Apostles' Creed and Its Early Christian Context, New York, T&T Clark International, 2009.
  • (EN) Lieuwe H. Westra, The Apostles' Creed. Origin, History and some early Commentaries, Turnhout, Brepols, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN184281517 · LCCN (ENn80075844 · GND (DE4002465-9 · BNF (FRcb16714018f (data)
Cristianesimo Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cristianesimo