Pirmino di Murbach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Pirmino
Hornbacher Sakramentar fol. 8v.jpg
Miniatura del Sacramentario di Hornbach con l'abate Adalberto che consegna il codice a san Pirmino (secolo X).
 

Monaco

 
Nascita670 circa
MorteHornbach, 3 novembre 753
Venerato daChiesa cattolica, Chiese riformate
Ricorrenza3 novembre
Patrono diPalatinato, Alsazia, isola di Reichenau, Innsbruck

San Pirmino, noto anche come Pirminius (670 circa – Hornbach, 3 novembre 753), era un monaco spagnolo fortemente influenzato dal cristianesimo celtico e dalla figura di sant'Amando. È venerato come santo dalla Chiesa cattolica ed è il patrono del Palatinato, dell'Alsazia, dell'isola di Reichenau e della città di Innsbruck.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pirmino appartenne alla generazione di missionari continentali che, dopo Colombano e i suoi discepoli, hanno lavorato per la conversione o la riconversione della cristianità occidentale. Originario dell'Aquitania (o della Spagna), Pirmino passò per l'antica Neustria e di lì nella valle del Reno. Parecchi monasteri perpetuarono il suo ricordo, come l'Abbazia di Reichenau e quella di Murbach, entrambe da lui fondate. Tentò di rendere le sue fondazioni monastiche indipendenti dall'ordinario del luogo e dai patroni laici secondo la regola mista di San Colombano e san Benedetto, fino alla riforma generale benedettina di Benedetto d'Aniane.

Morì a Hornbach, presso l'abbazia dove tuttora sono custodite le sue spoglie.

Il monaco è autore dello Scarapsus (=Excarpsus) de singulis libris canonicalis, noto anche come i Detti di Pirmino, scritto tra il 710-724, che costituisce una specie di libretto di catechismo morale, molto semplice, ad uso dei missionari e dei sacerdoti di parrocchie.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La memoria liturgica ricorre il 3 novembre.

Dal Martirologio Romano: "Nel monastero di Hornbach presso Strasburgo in Burgundia, deposizione di san Pirmino, vescovo e abate di Reichenau, che evangelizzò gli Alamanni e i Bavari, fondò molti monasteri e scrisse un libro per i suoi discepoli sulla catechesi degli incolti".

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

San Pirmino, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Controllo di autoritàVIAF (EN267693396 · ISNI (EN0000 0000 8155 3483 · LCCN (ENno2003053031 · GND (DE11879230X · BNF (FRcb10411080s (data) · CERL cnp00400450