Rosenrot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosenrot
ArtistaRammstein
Tipo albumStudio
Pubblicazione28 ottobre 2005
Durata48:15
Dischi1
Tracce11
GenereIndustrial metal
Gothic metal
EtichettaUniversal Music
ProduttoreJacob Hellner e Rammstein
Registrazioneall'El Cortijo Studio di Malaga, al Teldex Studio di Berlino e allo Studios 301 di Stoccolma
Certificazioni
Dischi d'oro1
Dischi di platino2
Rammstein - cronologia
Album precedente
(2004)
Album successivo
(2009)

Rosenrot è il quinto album pubblicato dai Rammstein. Questo album è stato reso disponibile in Standard edition e in Limited edition.

Il nome deriva dalla rosella (nome scientifico "rhodiola rosea"), ed è ispirato al poema di Goethe Heidenröslein (Rosellina della landa) e alla favola dei fratelli Grimm Schneeweisschen und Rosenrot (Biancaneve e Rosarossa).[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Till Lindemann, musiche di Rammstein, tuttavia di seguito sono indicati gli effettivi autori di ogni pezzo.

  1. Benzin – 3:46 (musica: Kruspe)
  2. Mann gegen Mann – 3:51 (musica: Riedel, Kruspe, Lorenz, Lindemann)
  3. Rosenrot – 3:55 (musica: Lindemann, Kruspe, Lorenz)
  4. Spring – 5:25 (musica: Lorenz)
  5. Wo bist du? – 3:56 (musica: Lorenz, Kruspe)
  6. Stirb nicht vor mir (Don't Die Before I Do) – 4:06 (musica: Lorenz, Kruspe)
  7. Zerstören – 5:29 (musica: Kruspe, Lorenz)
  8. Hilf mir – 4:44 (musica: Kruspe, Lorenz)
  9. Te quiero puta! – 3:56 (musica: Kruspe, Lorenz)
  10. Feuer und Wasser – 5:13 (musica: Kruspe)
  11. Ein Lied – 3:44 (musica: Lorenz, Kruspe)

Durata totale: 48:05

Limited edition[modifica | modifica wikitesto]

Questa edizione contiene, oltre al CD con le precedenti tracce, un DVD di circa 15 minuti contenente i seguenti brani in concerto:

  1. Reise, Reise (Arenes de Nimes, Nîmes/Francia, luglio 2005)
  2. Mein Teil (Club Città, Kawasaki/Giappone, giugno 2005)
  3. Sonne (Brixton Academy, Londra/Regno Unito, febbraio 2005)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Altri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rammstein: Rosenrot (2005), metalgermania.it. URL consultato il 1º novembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal