Liebe ist für alle da

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Liebe ist für alle da
ArtistaRammstein
Tipo albumStudio
Pubblicazione16 ottobre 2009
Durata46:04
Dischi1
Tracce11
GenereAlternative metal
Industrial metal
EtichettaPilgrim Management, Universal
ProduttoreJacob Hellner, Rammstein
Registrazioneaprile 2009, Sonoma Mountain Studio Estate, San Rafael California
Batteria: Henson Studio B, Los Angeles (California)Registrazione aggiuntiva: Studio Engine 55, Berlino (Germania) e The Big Island Sound, Stoccolma (Svezia)Orchestra e coro: Scoring Stage Babelsberg, Potsdam-Babelsberg (Germania)
FormatiCD, 2 CD, 2 LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 60 000+)
Dischi di platinoGermania Germania (2)[2]
(vendite: 400 000+)
Rammstein - cronologia
Album precedente
(2005)
Logo
Logo del disco Liebe ist für alle da
Singoli
  1. Pussy
    Pubblicato: 22 settembre 2009
  2. Ich tu dir weh
    Pubblicato: 9 febbraio 2010
  3. Haifisch
    Pubblicato: 28 maggio 2010
  4. Waidmanns Heil/Liebe ist für alle da
    Pubblicato: 16 aprile 2011

Liebe ist für alle da è il sesto album in studio del gruppo musicale tedesco Rammstein, pubblicato il 16 ottobre 2009 dalla Pilgrim Management e Universal Music Group.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le tematiche affrontate nell'album si concentrano in via di mezzo tra quelli di Reise, Reise e i primi Herzeleid e Sehnsucht, con ritmi e musiche del tutto nuovi per il gruppo, che si noteranno in modo particolare nei brani B******** (Bückstabü, gioco di parole coniato dalla band stessa) e Waidmanns Heil. Inoltre, la sesta traccia dell'album, Frühling in Paris, presenta parti in lingua francese tratte da Non, je ne regrette rien di Édith Piaf.

A causa della connotazione violenta e trasgressiva dei contenuti e dei testi, espressa chiaramente nei singoli Pussy e Ich tu dir weh, in molti paesi d'Europa la vendita dell'album è stata vietata ai minori di diciotto anni. La band ha in seguito espresso il proprio disappunto sulla censura, ritenendo che il nuovo album non avesse alcuna connotazione eccessiva o scabrosa rispetto ai predecessori (in particolar modo Sehnsucht ed Herzeleid), che non furono mai censurati.

Nonostante ciò, l'album ha riscosso un grande successo di vendite ed è stato certificato doppio disco di platino in madrepatria.[2] L'album ha ottenuto dei buoni riscossi in Francia, dove ha raggiunto il primo posto nelle classifiche, e divenendo l'album più venduto del gruppo tedesco. È salito al primo posto anche nelle classifiche in Scandinavia, in buona parte della penisola Balcanica e nel centro-Europa, grazie a brani come Ich tu dir weh.

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Il primo singolo tratto dall'album è Pussy, uscito il 22 settembre 2009 e contenente anche la canzone Rammlied.[3] Il 16 settembre alle ore 22:00 ora italiana è uscito il relativo videoclip in anteprima sul sito Visit-X, community tedesca di amatori delle webcam.

Il singolo successivo è stato Ich tu dir weh, il cui regista è Jonas Åkerlund, confermato in un'intervista a RadioEins da Paul e Christian, uscito su YouTube il 15 gennaio 2010.

Il terzo ed ultimo singolo è stato Haifisch, uscito il 23 aprile 2010.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche dei Rammstein.

  1. Rammlied – 5:19
  2. Ich tu dir weh – 5:02
  3. Waidmanns Heil – 3:33
  4. Haifisch – 3:45
  5. B******** – 4:15
  6. Frühling in Paris – 4:45
  7. Wiener Blut – 3:53
  8. Pussy – 4:00
  9. Liebe ist für alle da – 3:26
  10. Mehr – 4:09
  11. Roter Sand – 3:59
CD bonus nell'edizione speciale
  1. Führe mich – 4:34
  2. Donaukinder – 5:18
  3. Halt – 4:21
  4. Roter Sand (Orchester Version) – 4:06
  5. Liese – 3:56

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Sven Helbig – arrangiamento orchestra, ottoni e coro (tracce 1, 3, 4, 5 e 11)
  • Filmorchester Babelsberg – orchestra e ottoni (tracce 1, 3, 4, 5 e 11)
  • Jörg Iwer – conduzione orchestra e ottoni (tracce 1, 3, 4, 5 e 11)
  • Konzerterchor Dresden – coro (tracce 1, 3, 4, 5 e 11)
  • Jörg Glenslein – conduzione coro (tracce 1, 3, 4, 5 e 11)
  • Jenny Rosemeyer – fischio (traccia 11)
Produzione
  • Jacob Hellner – produzione
  • Rammstein – produzione
  • Ulf Kruckenberg – ingegneria del suono
  • Florian Ammon – ingegneria del suono
  • Stefan Glaumann – missaggio
  • Tom van Heesch – assistenza tecnica
  • Erik Broheden – mastering
  • Henrik Jonsson – mastering
  • Michael Scully – assistenza alla registrazione
  • Scott Church – assistenza alla registrazione
  • Nico Essig – assistenza tecnica agli Henson Studio B
  • Michael Schubert – registrazione orchestra e coro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rammstein, Liebe Ist Fur Alle Da, British Phonographic Industry. URL consultato il 29 aprile 2019.
  2. ^ a b (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 20 agosto 2019.
  3. ^ (EN) RAMMSTEIN - New Single 'Pussy' Available Via iTunes September 22nd, European Tour Schedule Updated, su bravewords.com, 2 settembre 2009. URL consultato il 20 agosto 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal