Herzeleid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Herzeleid
album in studio
ArtistaRammstein
Pubblicazione25 settembre 1995
Durata49:24
Dischi1
Tracce11
GenereIndustrial metal
Alternative metal
Neue Deutsche Härte
EtichettaMotor Music
ProduttoreJacob Hellner, Carl-Michael Herlöffson
Registrazione1995, Polar Studios, Stoccolma
FormatiCD, MC, 2 LP, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 60 000+)
Dischi di platinoGermania Germania[2]
(vendite: 500 000+)
Rammstein - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1997)
Singoli
  1. Du riechst so gut
    Pubblicato: 24 agosto 1995
  2. Seemann
    Pubblicato: 8 gennaio 1996

Herzeleid è il primo album in studio del gruppo musicale tedesco Rammstein, pubblicato il 25 settembre 1995 dalla Motor Music.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il disco si compone di undici brani, tra cui i singoli Du riechst so gut e Seemann. Dal punto di vista musicale, le influenze principali risiedono in svariati gruppi, tra cui Kraftwerk, Ministry, Depeche Mode, Marilyn Manson e Nine Inch Nails, unendo il tutto attraverso un genere melodico particolare definito dal tastierista Christian Lorenz «tanz metall».[3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Rammstein.

  1. Wollt ihr das Bett in Flammen sehen? – 5:17
  2. Der Meister – 4:10
  3. Weißes Fleisch – 3:35
  4. Asche zu Asche – 3:51
  5. Seemann – 4:48
  6. Du riechst so gut – 4:49
  7. Das alte Leid – 5:44
  8. Heirate mich – 4:44
  9. Herzeleid – 3:41
  10. Laichzeit – 4:20
  11. Rammstein – 4:25

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1995-2022) Posizione
massima
Austria[4] 7
Belgio (Fiandre)[4] 30
Belgio (Vallonia)[4] 28
Finlandia[4] 26
Francia[4] 85
Germania[4] 2
Grecia[5] 59
Paesi Bassi[4] 50
Svezia[4] 52
Svizzera[4] 4
Ungheria[6] 38

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Herzeleid, su British Phonographic Industry. URL consultato il 4 giugno 2021.
  2. ^ (DE) Rammstein - Herzeleid – Gold-/Platin-Datenbank, su Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 9 maggio 2022.
  3. ^ Rammstein - Herzeleid, su metallized.it. URL consultato il 6 febbraio 2013.
  4. ^ a b c d e f g h i (NL) Rammstein – Herzeleid, su Ultratop. URL consultato il 9 maggio 2022.
  5. ^ (EN) Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales Chart (Combined) - Week: 41/2021, su IFPI Greece. URL consultato il 25 ottobre 2021 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2021).
  6. ^ (HU) Album Top 40 slágerlista - 2020. 50. hét - 2020. 12. 04. - 2020. 12. 10., su Hivatalos Magyar Slágerlisták. URL consultato il 18 dicembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal