Mutter (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mutter
ArtistaRammstein
Tipo albumStudio
Pubblicazione2 aprile 2001
Durata44:54
Dischi1
Tracce11
GenereIndustrial metal
EtichettaMotor Music, Universal
ProduttoreJacob Hellner, Rammstein
RegistrazioneStudio Miraval, Francia, 2000
FormatiCD
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[1]
(vendite: 20 000+)
Belgio Belgio[2]
(vendite: 25 000+)
Finlandia Finlandia[3]
(vendite: 15 193+)
Messico Messico[4]
(vendite: 30 000+)
Norvegia Norvegia[5]
(vendite: 25 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[6]
(vendite: 40 000+)
Regno Unito Regno Unito[7]
(vendite: 100 000+)
Svezia Svezia[8]
(vendite: 40 000+)
Dischi di platinoDanimarca Danimarca (2)[9]
(vendite: 40 000+)
Europa Europa[10]
(vendite: 1 000 000+)
Germania Germania (2)[11]
(vendite: 600 000+)
Polonia Polonia[12]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera[13]
(vendite: 40 000+)
Rammstein - cronologia
Album precedente
(1999)
Album successivo
(2004)

Mutter è il terzo album in studio del gruppo musicale tedesco Rammstein, pubblicato il 2 aprile 2001 dalla Motor Music Records e dalla Universal Music Group[14].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dall'album sono stati tratti 5 singoli: Sonne, Links 2 3 4, Ich will, Mutter e Feuer frei! (presente anche come intro nel film xXx diretto dal regista Rob Cohen).

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Till Lindemann, musiche dei Rammstein (tuttavia di seguito sono riportati gli effettivi compositori di ogni pezzo).

  1. Mein Herz brennt – 4:39 (musica: Lorenz, Kruspe)
  2. Links 2 3 4 – 3:36 (musica: Kruspe, Lorenz, Lindemann)
  3. Sonne – 4:32 (musica: Lorenz, Kruspe)
  4. Ich will – 3:37 (musica: Lorenz, Kruspe)
  5. Feuer frei! – 3:08 (musica: Kruspe, Lorenz, Lindemann)
  6. Mutter – 4:28 (musica: Kruspe, Lorenz)
  7. Spieluhr – 4:46 (musica: Lorenz, Kruspe, Lindemann)
  8. Zwitter – 4:17 (musica: Landers, Kruspe)
  9. Rein raus – 3:09 (musica: Kruspe, Lorenz)
  10. Adios – 3:48 (musica: Kruspe)
  11. Nebel – 4:54 (musica: Lorenz)
Traccia bonus dell'edizione giapponese
  1. Halleluja – 3:45

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Rammstein - Mutter – Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 30 maggio 2021.
  2. ^ (NL) GOUD EN PLATINA - albums 2002, Ultratop. URL consultato il 30 maggio 2021.
  3. ^ (FI) Ulkomaiset kulta- ja platinalevyt, Musiikkituottajat. URL consultato il 30 maggio 2021.
  4. ^ (ES) Certificaciones, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 30 maggio 2021. Digitare "Mutter" in "Título".
  5. ^ (NO) IFPI Norsk platebransje, su ifpi.no. URL consultato il 14 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2012).
  6. ^ (NL) Goud/Platina, Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers. URL consultato il 30 maggio 2021.
  7. ^ (EN) Mutter, British Phonographic Industry. URL consultato il 30 maggio 2021.
  8. ^ (SV) Rammstein – Sverigetopplistan, Sverigetopplistan. URL consultato il 30 maggio 2021.
  9. ^ (DA) Mutter, IFPI Danmark. URL consultato il 30 maggio 2021.
  10. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 2002, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 14 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).
  11. ^ (DE) Rammstein - Mutter – Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 30 maggio 2021.
  12. ^ (PL) bestsellery i wyróżnienia, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 30 maggio 2021.
  13. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 30 maggio 2021.
  14. ^ Claudia Nosel, Mutter (recensione), in Ritual, #6 anno II - Maggio/Giugno 2001.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal