Premio Bancarella della Cucina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Premio Bancarella della Cucina
Premio assegnato al miglior saggio o manuale di argomento gastronomico
StatoItalia Italia
Anno inizio2006
Sito webwww.premiobancarella.it

ll premio Bancarella della cucina è un premio letterario nato nel 2006, consegnato nella città di Pontremoli dalla Fondazione Città del Libro ogni anno al miglior saggio o manuale di argomento gastronomico, di autore italiano e straniero. La giuria, composta dal Presidente, da 4 rappresentanti della Fondazione Città del Libro, tra cui il Segretario del premio, da 5 rappresentanti delle testate giornalistiche di gastronomia e da operatori del settore enogastronomico, seleziona i 6 vincitori del Premio Selezione che partecipano poi alla finale in cui 80 votanti (60 librai indipendenti composti da 30 dell’Unione librai pontremolesi, 30 dell’Unione librai delle bancarelle e 20 esperti del settore enogastronomico) decretano il vincitore assoluto[1].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Edizione 2006

Nella prima edizione del Premio Bancarella della cucina la giuria è stata presieduta da Giuseppe dell’Osso, presidente dell’Accademia Italiana della Cucina e da Giuseppe Benelli, presidente della Fondazione Città del Libro di Pontremoli. I 5 libri finalisti, vincitori del Premio Selezione sono stati: La piadina romagnola tradizionale di Graziano Pozzetto per l’editore Panozzo; Gola. Mater amatissima di Ida Li Vigni e Paolo Aldo Rossi per De Ferrari; L'amore goloso di Roberta Schira e Alfonso Signorini per Ponte alle Grazie; Muscoli, storie e ricette di cozze di Salvatore Marchese per la Rers e, infine, Teatro e maccheroni di Elio Palombi per Grimaldi. Sono state inoltre segnalate tre altre opere: Il giro del mondo in 80 piatti di Giorgio Parola e Grazia Schenone per Gribaudo, Avanzi di galera, pubblicato da Guido Tommasi e realizzato dai detenuti di San Vittore e Crudo di Lyndsaye e Patrick Mikanowski per Fabbri[2]. Il 22 ottobre è stato decretato a Pontremoli il vincitore assoluto, Gola. Mater amatissima[3].

Edizione 2007

Nella seconda edizione la giuria ha assegnato il Premio Selezione a cinque libri: Sinfonia Gastronomica - musica, eros e cucina di Roberto Iovino e Ileana Mattion (Viennepierre Edizioni), Il Profumo delle Tavole di Ulderico Bernardi (Editrice Santi Quaranta), Non è vero che tutto fa brodo di La Ditta (Editore Guido Tommasi), La pasta è servita di Leila Mancuso Sorrentino (Edizioni Intra Moenia) e Perché agli italiani piace parlare di cibo di Elena Kostioukovitch (Sperling & Kupfer)[4]. Quest’ultimo testo della saggista russa è risultato il vincitore della finalissima, tenutasi con lo spoglio dei voti al Teatro della Rosa il 7 ottobre. Sono stati consegnati anche il premio alla memoria di Angelo Paracucchi a Conoscere il Cioccolato (Ed. Ponte Alle Grazie) e il Premio Baldassarre Molossi alla carriera a Nico Orengo[5].

Edizione 2008

La Commissione giudicatrice, presieduta da Giovanni Ballarini (presidente dell'Accademia Italiana della Cucina) e da Giuseppe Benelli (presidente della Fondazione Città del Libro di Pontremoli), riunita a Milano nella sede nazionale dell'AdC, ha assegnato il "Premio Selezione 2008 Bancarella della Cucina" ai seguenti libri finalisti: Lapilli di Petronio Petrone (Guida Editore), Tartufomania di Cetta Berardo (Il Leone Verde), Acciuga Regina di Salvatore Marchese (Edizioni ReS), Il cuoco segreto dei papi di June Di Schino e Furio Luccichenti (Gangemi editore), La storia del piatto Trentino Alto Adige di Francesca Negri (Curcu & Genovese). Il premio speciale “Angelo Paracucchi” è andato a Raccolta di diversi potachi, zuppe, intingoli, paste- la cucina dei Benedettini di Anonimo del Settecento a Parma a cura di Lorena Carrara (MUP Editore). Segnalazione per Il grande ricettario di casa di Gribaudo Edizioni[6]. Nella serata finale a Pontremoli, il 5 ottobre, è risultato vincitore assoluto Il cuoco segreto dei papi.

Edizione 2009

I 5 libri finalisti sono stati: Le donne e la cucina del Ventennio di Luisella Ceretta, Nella dispensa di Don Camillo di Enrico Sisti, Andrea e Giorgio Grignaffini, Oro giallo di Francesca Negri, La vedova, il Santo e il segreto del pacchero estremo di Gaetano Cappelli e Rane e Ranocchi di Graziano Pozzetto[7]. Il 27 settembre a Pontremoli ha vinto Le donne e la cucina del Ventennio (Susa Libri).

Edizione 2010

I cinque libri vincitori del Premio Selezione sono stati: La Mia Cucina Pop di Davide Oldani (Rizzoli); Buon appetito America di Laurel Evans (Guido Tommasi Editore); Le ricette del designer di Autori Vari (Editrice Compositori); La gola di Marino Marini (Food Editore); I 10 comandamenti per non fare peccato in cucina di Fabio Picchi (Mondadori). La Commissione presieduta da Gianni Tarantola ha inoltre assegnato il premio “Angelo Paracucchi” alla collana Il lettore goloso diretta da Allan Bay è edita da Ponte alle Grazie ed ha segnalato, con una menzione di merito, il volume di Gigi Padovani, Niko Romito e Clara Padovani La semplicità del reale, edito da Giunti, mentre il Premio “Baldassare Molossi” è stato assegnato allo scrittore e giornalista lunigianese Salvatore Marchese. Il vincitore finale premiato dai 40 esperti e 40 librai è stato Marino Marini con La gola[8].

Edizione 2011

La giuria ha scelto la seguente cinquina: Roberta Deiana, Piccolo ricettario per cuochi perdigiorno, Bietti; Allan Bay, Nella mia cucina, Mondadori; Ito Ogawa, Il ristorante dell’amore ritrovato, Neri Pozza; Sergio Rossi, La cucina dei Tabarchini, Sagep Editori; Elisabetta Illy, L’aroma del mondo, Hoepli. Moreno Cedroni ha ricevuto il Premio Angelo Paracucchi’ mentre al saggista Graziano Pozzetto è andato il Premio Baldassarre Molossi’. Vincitore assoluto è stato il libro Il ristorante dell’amore ritrovato[9].

Edizione 2012

La settima edizione ha visto nuovamente cinque libri finalisti giudicati da un Collegio degli Elettori formato da 30 operatori del settore enogastronomico e da 50 Librai del Bancarella, designati dalla Fondazione Città del Libro. A tavola nel Risorgimento di Adriano Ravera ed Elma Schena (editore Priuli & Verlucca) è stato il vincitore assoluto. Il volume ripercorre il cammino verso l’unità d’Italia attraverso le tavole imbandite in occasioni particolari come la firma di trattati storici o come le nozze di reali, descrivendo anche i gusti di personaggi importanti e registrando i cambiamenti nel tempo delle abitudini culinarie della gente comune con tanto di ricette dell’epoca. I quattro vincitori del premio Selezione sono stati invece: Cucinare le erbe selvatiche di Davide Ciccarese (Editore Ponte alle Grazie), Habemus pappam (Vittoria Iguazu Editore), Pakistan Express (Editore Lindau) di Anna Mahjar-Barducci e Spiriti bollenti (Guido Tommasi Editore) di Raethia Corsini. Il premio “Angelo Paracucchi” è stato assegnato al libro di Marco Bolasco e Marco Trabucco Cronache golose (Slow Food editore).[10]

Edizione 2013

I libri selezionati sono stati: Un anno in cucina con Marco Bianchi. Le buone ricette della sana alimentazione di Marco Bianchi (Ponte alle Grazie) che si è aggiudicato anche la vittoria finale decretata da ottanta giurati; Ars culinaria di Antonietta Dosi e Giuseppina Pisani Sartorio (Donzelli Editore); India in cucina a cura di Pushpesh Pant (Electra); Luigi Veronelli. La vita è troppo corta per bere vini cattivi di Gian Artuto Rota, Nichi Stefi (Giunti – Slow Food edizioni); A pranzo con Giulia di Michele Marziani (Guido Tommasi edizioni).[11]

Edizione 2014

Al Teatro della Rosa di Pontremoli è stato assegnato il 9º Premio Bancarella della Cucina. Gli autori vincitori del Premio Selezione sono stati presentati da Letizia Leviti: David Gentilcore con Italiani mangiapatate, il Mulino; Roberto Perrone con La cucina degli amori impossibili, Mondadori; Roberta Corradini con La repubblica del maiale, Chiarelettere; Luciano Bertocchi con Gli assassini del bigoncio, Il Fiorino; Ada Parellada, La piccola cucina dei sapori segreti, Sperling & Kupfer. Il Premio “Baldassare Molossi” è stato assegnato a Giovanni Ballarini, Presidente dell’Accademia Italiana della Cucina. Allo spoglio dei voti pervenuti al Notaio, è risultato vincitore assoluto Roberto Perrone.[12]

Edizione 2015

Questa edizione è caratterizzata dal passaggio alla formula classica dei Premi Bancarella (finale composta da una sestina). Giuseppino, l’autobiografia di Joe Bastianich scritta per Utet da Sara Porro ha vinto la decima edizione del premio Bancarella della Cucina. Gli altri 5 finalisti, vincitori del Premio Selezione, sono stati: Paolo Marchi (XXL, 50 piatti che hanno allargato la mia vita, Mondadori), Alberto Capatti (Storia della cucina italiana, Guido Tommasi), Roberta Schira (Mangiato bene, Salani), Chef Rubio (Unti e bisunti, Sperling & Kupfer), Alessandro Marzo Magno (Il genio del gusto, Garzanti).[13]

Edizione 2016

I vincitori del Premio Selezione che hanno composto la sestina finalista sono stati: Philippe Léveillé, La mia vita al burro, Giunti; Camilla Baresani, Gli sbafatori, Mondadori; Andrea Grignaffini, Il cuoco universale. La cultura nel piatto, foto di Bob Noto, Marsilio; Lorena Carrara ed Elisabetta Salvini, Partigiani a tavola. Storie di cibo resistente e ricette di libertà, Fausto Lupetti editore; Massimo Montanari, Mangiare da cristiani. Diete, digiuni, banchetti. Storia di una cultura, Rizzoli; Andrea Sinigaglia e Marino Marini, Cucine del territorio. La cucina piacentina. Storia e ricette, Tarka editore. La giuria – composta da settanta librai dell’Unione Librai Pontremolesi e dell’Unione Librai delle Bancarelle, oltre che da dieci «esperti dell’ambiente enogastronomico» – ha espresso il proprio voto, con scheda segreta. Lo spoglio delle schede, tenutasi il 23 ottobre presso il Teatro della Rosa di Pontremoli, ha decretato la vittoria di Mangiare da cristiani.[14]

Edizione 2017

Questa edizione è stata caratterizzata da un ex aequo sul primo gradino del podio. A condividerlo sono stati il libro di Leonardo Lucarelli Carne Trita, edito da Garzanti, e il libro di Francesco Antinucci Il potere della cucina, edito da Laterza. I vincitori sono stati premiati domenica 15 ottobre presso il Teatro della Rosa di Pontremoli nel corso della cerimonia di chiusura della dodicesima Edizione dopo lo spoglio effettuato dal notaio Sara Rivieri. Gli altri quattro libri vincitori del Premio Selezione: Il Respiro del Vino di Luigi Moio edito da Mondadori; Pasta Revolution di Eleonora Cozzella, edito da Giunti; Il Grande Racconto della Birra di Matteo Zamorani Alzetta edito da Vallardi; Sesso, Droghe e Macarons di Roberta Deiana edito da Sperling & Kupfer.[15]

Edizione 2018

Marcello Ticca si è aggiudicato l’edizione 2018 del Premio Bancarella della Cucina. La conduttrice Catena Fiorello ha presentato i sei finalisti vincitori del 13º Premio Selezione. Poi lo spoglio, al termine del quale, per un solo voto, Miraggi alimentari, Laterza, con 43 preferenze ha superato A tavola coi re di Francesca Sgorbati Bosi, edito da Sellerio. Gli altri autori della sestina: Valter Longo con Alla tavola della longevità, Vallardi Editore; Laura Lazzaroni con Altri grani, altri pani, Guido Tommasi; Luigi Biasetto con Senza dolce non è vita, Piemme Editore e Roberto Alborghetti con A tavola con Papa Francesco, Mondadori. Tutti i finalisti hanno ricevuto la prestigiosa statuina del libraio con la gerla, destinata ai Vincitori del Premio Selezione. Un riconoscimento particolare, il premio “Spilucco”, è andato al volume Altri Grani, altri pani per il gradimento dei lettori alla veste editoriale.[16]

Edizione 2019

La premiazione dell’edizione 2019 si è svolta nello storico Palazzo Dosi Magnavacca di Pontremoli. La sestina dei vincitori del Premio Selezione assegnato dalla commissione presieduta da Gianni Tarantola era formata da: Luca Farinotti con #mondoristorante, Edizioni Clandestine; Stefano Erzegovesi con Il digiuno per tutti, Vallardi; Davide Oldani con Le D'Onne lo sanno, La Nave di Teseo; Orazio Olivieri con L'età delle spezie, Donzelli Editore; Silvano Faggioni con La salsiccia Abarth, Reverdito Editore e M. Cosentino, A. Gigli e L. Piretta con Almanacco Alimentare 2019, Cairo Editore. Lo spoglio delle schede degli 80 votanti (librai ed esperti del settore) si è tenuto il 20 ottobre decretando Il digiuno per tutti vincitore finale.[17]

Edizione 2020

La Commissione, dopo un'analisi della produzione letteraria pubblicata nel 2019, in tema di cucina, ha decretato i vincitori del Premio Selezione Bancarella della Cucina 2020: In vino veritas di Alessandro Torcoli (Longanesi); Paul Bocuse. Lo chef, il mito di Robert Belleret (Giunti); Rugiada a colazione di Clelia D'Onogrio (Sperling & Kupfer); Enciclopedia della nocciola. Storia, curiosità, territori e ricette di Clara e Gigi Padovani con Irma Brizi (Mondadori Electa); La pentola di Leonardo di Carlo G. Valli (Cierre Edizioni),Suite per un castagno di Raethia Corsini (Guido Tommasi Editore). Il vincitore finale, Alessandro Torcoli, è stato eletto da una giuria di 80 votanti, scelti tra i librai soci dell'Unione Librai Pontremolesi, dell'Unione Librai delle Bancarelle e rappresentanti del panorama enogastronomico.[18]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Anno Vincitore Autore Editore
2006 Gola. Mater amatissima Ida Li Vigni e Paolo Aldo Rossi De Ferrari
2007 Perché agli italiani piace parlare del cibo. Un itinerario tra storia, cultura e costume Elena Kostioukovitch Sperling & Kupfer
2008 Il cuoco segreto dei papi June Di Schino e Furio Luccichenti Gangemi Editore
2009 Le donne e la cucina nel Ventennio Luisa Ceretta Susa libri
2010 La gola Marino Marini Food Editore
2011 Il ristorante dell'amore ritrovato Ito Ogawa Neri Pozza
2012 A tavola nel Risorgimento Adriano Ravera e Elma Schena Priuli & Verlucca
2013 Un anno in cucina con Marco Bianchi Marco Bianchi Ponte alle Grazie
2014 La cucina degli amori impossibili Roberto Perrone Mondadori
2015 Giuseppino. Da New York all'italia Joe Bastianich e Sara Porro UTET
2016 Mangiare da cristiani Massimo Montanari Rizzoli
2017 Il potere della cucina Francesco Antinucci Laterza
Carne trita Leonardo Lucarelli Garzanti
2018 Miraggi alimentari Marcello Ticca Laterza
2019 Il digiuno per tutti Stefano Erzegovesi Vallardi
2020 In vino veritas[19] Alessandro Torcoli Longanesi

Altre manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Connessi al premio Bancarella della cucina, a Pontremoli, Città del Libro, si assegnano anche il Premio Bancarella (luglio), Premio Bancarellino (maggio) e il Premio Bancarella Sport (luglio).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vincitore Premio Bancarella della Cucina 2020, su Premio Bancarella - Pontremoli - Lunigiana, 22 ottobre 2020. URL consultato il 16 marzo 2021.
  2. ^ I CINQUE FINALISTI DEL “BANCARELLA DELLA CUCINA”: IL 22 OTTOBRE IL VINCITORE, su WineNews. URL consultato il 16 marzo 2021.
  3. ^ Redazione, L’amatissima Gola trionfa al «Bancarella», su ilGiornale.it, 1º dicembre 2006. URL consultato il 16 marzo 2021.
  4. ^ Premio Bancarella della cucina 2007, su Italia a Tavola. URL consultato il 16 marzo 2021.
  5. ^ PONTREMOLI. ELENA KOSTIOUKOVICH VINCE II BANCARELLA DELLA CUCINA, su Toscana Oggi. URL consultato il 16 marzo 2021.
  6. ^ Premio Bancarella della cucina 2008: tornano i sapori della tradizione, su Italia a Tavola. URL consultato il 20 marzo 2021.
  7. ^ Domenica il premio "Bancarella Cucina", su Primocanale.it. URL consultato il 20 marzo 2021.
  8. ^ La Nazione, Lo chef e storico Marino Marini vince il 'Bancarella della cucina', su La Nazione. URL consultato il 21 marzo 2021.
  9. ^ Bancarella della Cucina 2011, su Identità Golose Web: magazine italiano di cucina internazionale. URL consultato il 22 marzo 2021.
  10. ^ Cinque libri in, su Gazzetta di Parma. URL consultato il 23 marzo 2021.
  11. ^ Ecco i finalisti del Premio Bancarella della Cucina | Gli Amanti dei Libri, su gliamantideilibri.it. URL consultato il 24 marzo 2021.
  12. ^ Programma 9º Premio Bancarella della Cucina, su Premio Bancarella - Pontremoli - Lunigiana, 1º ottobre 2014. URL consultato il 25 marzo 2021.
  13. ^ Bancarella della cucina 2015: vince Giuseppino | Dissapore, su dissapore.com, 19 ottobre 2015. URL consultato il 25 marzo 2021.
  14. ^ Premio Bancarella della Cucina 2016 | Vince Massimo Montanari, su GraphoMania, 27 novembre 2016. URL consultato il 26 marzo 2021.
  15. ^ Pontremoli: Leonardo Lucarelli e Francesco Antinucci sul podio del Premio Bancarella Cucina - Eco della Lunigiana, su ecodellalunigiana.it. URL consultato il 26 marzo 2021.
  16. ^ “Miraggi alimentari” vince il tredicesimo Premio Bancarella della Cucina, su Premio Bancarella - Pontremoli - Lunigiana, 22 ottobre 2018. URL consultato il 27 marzo 2021.
  17. ^ La Nazione, Bancarella della Cucina 2019, grande attesa per il Premio, su La Nazione. URL consultato il 28 marzo 2021.
  18. ^ Premio Bancarella Cucina, scelti i titoli finalisti - Terra & Gusto, su ANSA.it, 30 giugno 2020. URL consultato il 28 marzo 2021.
  19. ^ Il Premio Bancarella della Cucina 2020 a “In vino veritas”, il libro di Alessandro Torcoli, su winenews.it, 20 ottobre 2020. URL consultato il 31 ottobre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]