Davide Oldani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Davide Oldani di fronte al suo ristorante, il D'O

Davide Oldani (Milano, 1º ottobre 1967) è un cuoco italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia di Davide Oldani è originaria di Cornaredo, in provincia di Milano. Proprio a Cornaredo nella frazione San Pietro all'Olmo, Oldani, nel 2003, ha aperto il suo ristorante, il D'O, che ha ricevuto una stella Michelin (la seconda stella Michelin è arrivata nel 2020).

Ha inventato la cosiddetta "cucina pop", basata sulla semplicità e su materie prime umili.[1][2]

Premi e onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Cuoco andata e ritorno. Viaggi, sogni, ricette di un uomo che voleva cucinare, Touring Editore, 2007. ISBN 88-365-4327-8
  • La mia cucina pop. L'arte di caramellare i sogni, Rizzoli, 2009. ISBN 88-17-02927-0
  • Pop. La nuova grande cucina italiana. D'O, ricette e gioco di squadra, Rizzoli, 2010. ISBN 88-17-04055-X
  • Panettone a due voci. Carlo Cracco, Davide Oldani e il lievito delle feste. Storia, tradizioni, cucina d'autore, Giunti Editore, 2010. ISBN 88-09-75561-8
  • Il giusto e il gusto. L'arte della cucina pop, Feltrinelli, 2012. ISBN 88-07-49130-3
  • Chefacile, Mondadori, 2013.
  • Accomod'o, sedia realizzata interamente in legno massello per Riva 1920, 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia di Oldani, il primo chef che ha inventato la cucina pop, su linkiesta.it, 28 ottobre 2013. URL consultato il 30 luglio 2019.
  2. ^ «Io, chef con le radici in periferia Così ho inventato la cucina pop», su milano.corriere.it, 15 marzo 2015. URL consultato il 30 luglio 2019.
  3. ^ D'O, su viamichelin.it (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2015).
  4. ^ Mangia come parli, su radio24.ilsole24ore.com. URL consultato il 23 agosto 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232924656 · SBN IT\ICCU\LO1V\326507 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016080852