Reverdito Editore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reverdito Editore
Stato Italia Italia
Tipo Società a responsabilità limitata
Fondazione 1970 a Trento
Sede principale Trento, Via Adamello 1/A
Persone chiave
  • Luigi Reverdito, fondatore
  • Raniero Reverdito Bove, vicedirettore editoriale
Settore Casa Editrice
Prodotti libri
Slogan «'''»

La Reverdito Editore è una casa editrice italiana con sede a Trento, fondata nel marzo 1970.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata da Luigi Reverdito nel marzo 1970 a Trento[1], la casa editrice negli anni ha sviluppato, come campi principali di interesse, collane che sfociano nel romanzo storico, fantasy, fantastico, e mainstream, dando ampio spazio anche alla manualistica, alla saggistica, alle biografie e a volumi di storia dell'arte.

Dopo aver fatto parte nel corso degli anni di vari gruppi editoriali, ultimo dei quali Giunti[2], la Reverdito editore ha rifondato la sua organizzazione editoriale, dedicandosi alla narrativa (romanzo storico, fantastico, mainstream), alla manualistica e alla saggistica.

Fra gli autori e i personaggi noti che hanno pubblicato con la Reverdito si ricordano: Wolfgang Hohlbein, Matteo Collura, Egisto Malfatti, Pippo Baudo, Vittorio Sgarbi, Giorgio Tosatti, Miria di San Servolo (nome d'arte di Myriam Petacci), François Brune, Biancamaria Frabotta, Arthur Machen, Francesco Falconi, Pierdomenico Baccalario, Luca Azzolini, e molti altri ancora.

Fra i saggi, si è distinto il volume biografico San Francesco d'Assisi, del giornalista Giuseppe Crescimbeni, che ha vinto il premio speciale Cesare Pavese 2009[3]. Fra i romanzi, il volume storico-fantasy Il cavaliere dell'Anno Mille di Gianni Sembianti, vincitore del premio speciale Cesare Pavese 2010[4].

Nel 2013 il romanzo Gola di Pietra di Luigi Lambertini entra nella rosa delle opere presentate al Premio Strega 2013.[5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]