Pontefice massimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pontefice massimo (storia romana))
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il Sommo pontefice, vedi papa.
Augusto nelle vesti di pontefice massimo[1]
(Augusto di via Labicana)

Il pontefice massimo (in latino pontifex maximus) era una figura della religione romana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di questa carica sacerdotale si fanno risalire all'epoca più antica di Roma, ed erano legate alla costruzione del Pons Sublicius, il più antico ponte di Roma costruito sul Tevere, poco più a valle dell'isola Tiberina. Per le popolazioni arcaiche era così importante, questo ponte e la sua manutenzione, che in relazione ad esso nacque il più antico e potente sacerdozio romano: il Pontifex. La carica di pontefice massimo, anche se di carattere più che altro rappresentativo, era il massimo grado religioso al quale un romano poteva aspirare, secondo la tradizione istituita da Numa Pompilio[2].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'accesso a questa carica inizialmente rimase riservato ai Patrizi; nel 300 a.C. la Lex Ogulnia ne permise l'accesso anche ai Plebei e nel 254 a.C. la carica fu per la prima volta assunta da un plebeo, Tiberio Coruncanio.[3]

Risiedeva nella Domus Publica, che si trovava nel Foro Romano, accanto all'antica Porta Mugonia, vicino al Tempio di Vesta e alla Casa delle Vestali dopo la cessione da parte dell'imperatore Augusto.

Funzioni e poteri[modifica | modifica wikitesto]

Era il capo del collegio dei pontefici (di cui facevano parte anche il rex sacrorum, le Vestali e i Flamini), che presiedeva alla sorveglianza e al controllo di tutto il culto religioso della società romana (sia nell'aspetto pubblico che in quello privato). L'elezione del pontefice massimo avveniva per cooptazione all'interno del collegio dei pontefici; nel 104 a.C. una lex Domitia stabilì però che l'elezione doveva essere fatta da 17 tribù estratte a sorte tra le 35 tribute; Silla abrogò quest'ultima legge, la quale fu tuttavia rimessa in vigore pochi anni dopo, nel 63 a.C., da Labieno su impulso di Cesare. Il pontefice massimo, ricoprendo nel sacerdozio una posizione analoga a quella dei consoli nella magistratura (con la differenza però che la sua carica era a vita e non condivisa con un collega), aveva il diritto di sedere sulla sella curule ed era scortato da 30 littori curiati, uno speciale tipo di littore che non portava i "fasces" ed aveva compiti religiosi, quando questi lo accompagnavano con il compito di scortare gli animali agli altari in occasione dei sacrifici; inoltre esercitava la sua carica nella regia. Il pontefice massimo nominava le vestali, i flamini e il rex sacrorum; tuttavia nelle cerimonie ufficiali non aveva il primo posto, essendogli anteposti il rex sacrorum e i tre Flamini maggiori. Inoltre, malgrado la grande autorità, era sottoposto al controllo dei censori e dei tribuni della plebe. Era anche responsabile della consecratio, ossia la consacrazione del tempio alla divinità cui era dedicato. Disciplinava inoltre i fasti e compilava annualmente la tabula dealbata e gli annales pontificum oltre ad avere il compito di interpretare i mores e collaborava, in età monarchica, all'emanazione della lex regia insieme al rex.

Fino a quando non fu introdotto il Calendario giuliano, al Pontefice era affidato il compito di inserire il mese intercalare, al fine di mantenere l'anno del calendario allineato all'anno tropico.

Lista dei pontefici massimi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b SvetonioAugustus, 31.
  2. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, II, 73,1.
  3. ^ Titus Livius Ex Libro XVIII Periochae, da livius.org
  4. ^ Livio, XXII, 10 ss. e XXV, 2.1.
  5. ^ Livio, XXV, 2.2.
  6. ^ Livio, XXV, 5.3-4.
  7. ^ I Pontefici nell'Impero romano da romanoimpero.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4229302-9