Aeracura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mappa che mostra la posizione delle iscrizioni a questa dea, sotto varie ortografie.
Statuetta risalente al II o III secolo d.C. trovata a Stoccarda, in Germania

Erecura o Aerecura /rɛɪkjʊərə/ (talvolta chiamata anche Herecura, Eracura, Aericura o Aerecura)[1] era una dea venerata nell'antichità. Plausibilmente di origine celtica, è presente nella mitologia romana come parte del gruppo dei Di indigetes. Era per lo più rappresentata con gli attributi di Proserpina e associata al dio sotterraneo romano Dis Pater, come si vede su un altare di Sulzbach.[2] Appare con Dis Pater in una statua trovata a Oberseebach, in Svizzera, e in diversi testi magici dell'Austria, una volta in compagnia di Cerbero e una volta probabilmente con Ogmios.[3] Un'ulteriore iscrizione per lei è stata trovata vicino a Stoccarda, in Germania. Oltre ai suoi simboli ctonici, è spesso raffigurata con attributi di fertilità come la cornucopia e i cestini di mele.[4] Si ritiene che sia simile alla divinità greca Ecate, poiché e due dee condividono nomi simili.[5] È raffigurata spesso seduta, con indosso una veste e portando vassoi o cesti di frutta, come dimostrano gli esempi di statue di Cannstatt[6] e Sulzbach. Miranda Green chiama Aericura una "Ecuba gallica"[7], mentre Noémie Beck la caratterizza come una "dea-terra", condivide gli aspetti del sotterraneo e della fertilità con Dis Pater.[8]

Le rappresentazioni di Erecura si trovano più comunemente nell'area danubiana della Germania meridionale e della Slovenia, ma troviamo esempi anche in Italia, Gran Bretagna e Francia. Le sue iscrizioni sono concentrate a Stoccarda e lungo il Reno. Numerosi monumenti in onore di Erecura si trovano in cimiteri o in altri contesti funebri. Jona Lendering nota la somiglianza tra la sua iconografia e quella di Nehalennia, che è stata venerata in Germania inferiore,[4] mentre Beck non vede alcuna differenza significativa tra i suoi attributi e quelli di Matres e Matronae.[6] Geograficamente, le aree in cui Erecura e Dis Pater erano venerate sembrano essere in distribuzione complementare con quelle in cui è attestato il culto di Sucellus e Nantosuelta, e Beck suggerisce che questi culti erano funzionalmente simili sebbene distinti iconograficamente.[8]

Su una pietra d'altare a Northumberland, in Inghilterra, troviamo un'iscrizione che riguarda una divinità maschile chiamata Arecurius o Aericurus,[9] anche se Beck avverte che "questa iscrizione è piuttosto incerta, e potrebbe essere una lettura errata di Mercurio".[6]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il teonimo ha origini poco chiare. È stato collegato con ae latine, "rame, bronzo, denaro, ricchezza", era "padrona" e il nome della dea greca Era.[10] Si presentano molte forme latinizzate del nome di questa dea: Aeraecura a Perugia; Aerecura a Magonza, Xanten, Aquileia e Roşia Montană; Aericura a Sulzbach, Malsch, Eracura a Mautern, Austria, Ercura a Fliehburg, Erecura a Cannstatt, Tongeren e Belley in Aube; Heracura a Stockstadt am Rhein, Herecura a Cannstatt, Freinsheim e Rottenburg am Neckar, dove si trova anche la forma Herequra.[11]

L'alternanza tra l'iniziale H e A potrebbe essere dovuta alla forma simile delle lettere nelle capitali latine classiche normalmente utilizzate nelle iscrizioni epigrafiche nell'Impero romano,[12] in particolare da quando i membri meno letterati della comunità dell'Impero Romano a volte hanno frainteso il valore fonematico di una data lettera.[13] Un nome del modulo */aireˈkura/ o */(h)eːreˈkura/ sembra essere alla base delle alternanze Aeraecura ~ Aerecura ~ Aericura ~ Eracura ~ Ercura ~ Erecura ~ Heracura ~ Herecura ~ Herequra.

Sebbene la stessa dea possa essere celtica, rimane aperta l'ipotesi che il nome sia di origine celtica o addirittura indo-europea. Lendering considera il suo culto di origine illirica, diffondendosi da Aquileia e raggiungendo le regioni di confine danubiana e renana solo attraverso le truppe romane schierate lì.[4] Beck considera il nome di origine germanica.[6]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Lavori citati[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nicole Jufer & Thierry Luginbühl. Les dieux gaulois: répertoire des noms de divinités celtiques connus par l'épigraphie, les textes antiques et la toponymie. Paris: Editions Errance, 2001. ISBN 2-87772-200-7. pp. 18, 40, 45.
  2. ^ Beck (2009), p. 136.
  3. ^ Egger (1962-63), I.84-85; I.276-79; II.24-33.
  4. ^ a b c Jona Lendering, Livius.org, 2014, https://www.livius.org/religion/herecura/. URL consultato il 28 maggio 2015.
  5. ^ P. Monaghan The Encyclopedia of Celtic Mythology and Folklore New York: Facts On File, Inc, 2004. ISBN 0-8160-4524-0, p. 4.
  6. ^ a b c d Beck (2009), p. 135.
  7. ^ Green (2004), p. 124.
  8. ^ a b Beck (2009), p. 137.
  9. ^ R.G. Collingwood and R.P. Wright. The Roman Inscriptions of Britain (RIB), Vol. 1: The Inscriptions on Stone. RIB 1123. See also the relevant page of roman-britain.org Archiviato il August 20, 2006 Data nell'URL non combaciante: 20 agosto 2006 in Internet Archive..
  10. ^ Egger (1962), I.84-85.
  11. ^ Lajoye, Patrice; Inventaire des divinités celtiques de l’Antiquité, Caen: Société de Mythologie Française. Available at L’Arbre Celtique.
  12. ^ Green (2004), pp. 120–121.
  13. ^ This is also apparent in the inscriptions to Belatucadrus. Green (2004), p. 102.

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Beck, Noémie (2009). Dee nella religione celtica: culto e mitologia: uno studio comparato di antica Irlanda, Gran Bretagna e Gallia (tesi di dottorato). Université Lumière Lyon 2, University College of Dublin.
  • Ellis, Peter Berresford, Dictionary of Celtic Mythology (Oxford Paperback Reference), Oxford University Press, (1994): ISBN 0-19-508961-8
  • Egger, Rudolf. Römische Antike und frühes Christentum: Ausgewählte Schriften von Rudolf Egger; Zur Vollendung sciabiche 80. Lebensjahres , ed. Artur Betz e Gotbert Moro. 2 voll. Klagenfurt: Verlag des Geschichtsvereines für Kärnten, 1962–63. ( Numero di chiamata LOC DB29. E29. )
  • Green, Miranda (2004). Gli dei dei Celti. Sparkford, Regno Unito: Sutton Publishing.
  • MacKillop, James. Dizionario di mitologia celtica . Oxford: Oxford University Press, 1998. ISBN 0-19-280120-1 ISBN 0-19-280120-1 .
  • Wood, Juliette, The Celts: Life, Myth, and Art, Thorsons Publishers (2002): ISBN 0-00-764059-5

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]