Vesta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Vesta (disambigua).
Raffigurazione della dea Vesta che regge una patera e uno scettro sul rovescio di un antoniniano

Vesta, figlia di Saturno (Crono) e di Opi, sorella di Giove, Nettuno, Plutone, Cerere, Giunone, è una figura della mitologia romana.

Caratteristiche e forme[modifica | modifica wikitesto]

Vesta, la dea del focolare domestico, era venerata privatamente in ogni casa e il suo culto pubblico consisteva principalmente nel mantenere acceso il fuoco sacro nel tempio cittadino. Le sacerdotesse legate al suo ordine, quello delle famose vestali, avevano proprio il compito di custodire il fuoco sacro alla dea, acceso all'interno del tempio a lei dedicato, facendo sì che non si spegnesse mai.
In una delle sue raffigurazioni più tipiche la dea indossa una lunga stola e tiene in mano uno scettro. Vesta è raffigurata anche seduta in trono con in mano una patera per il sacrificio e lo scettro.

Tempio dedicato a Vesta a Tivoli, di Adam Elsheimer

Il culto del fuoco viene fatto risalire ad un'antica concezione religiosa naturalista degli Indoeuropei, della quale sarebbero un'ulteriore attestazione il dio vedico Agnis[1] ed il culto del fuoco di Estia in Grecia.

Il fuoco sacro, custodito nel tempio di Vesta a Roma, venne spento nel 391 d.C. per ordine dell'imperatore Teodosio, perché considerato culto pagano.

Celebrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo marzo, giorno del capodanno romano, veniva rinnovato il fuoco sacro nel tempio a lei dedicato. La dea Vesta veniva celebrata nelle Vestalia che si svolgevano nella settimana che va dal 9 giugno al 15 giugno. Il primo giorno delle celebrazioni era dedicato all'apertura annuale del tempio per i riti sacrificali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francisco Villar, La religione, in Gli Indoeuropei e le origini dell'Europa, Bologna, Il Mulino, 2009 [1997], pp. 141-142, ISBN 978-88-15-12706-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15146824543807630456 · CERL cnp00538804 · LCCN (ENno2016065513 · GND (DE118804316 · BNF (FRcb16680583k (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n91076131
  Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia