Matteo Mauri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matteo Mauri
Matteo Mauri daticamera 2013.jpg

Viceministro dell'interno
Durata mandato 14 agosto 2020 –
12 febbraio 2021
Vice di Luciana Lamorgese
Cotitolare Vito Crimi
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Filippo Bubbico

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Interno
Durata mandato 13 settembre 2019 –
14 agosto 2020
Presidente Giuseppe Conte

Coordinatore del Partito Democratico
Durata mandato 14 luglio 2018 –
17 novembre 2018
Predecessore Lorenzo Guerini
Successore Andrea Martella

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Coalizione Italia. Bene Comune (XVII)
Centro-sinistra (XVIII)
Circoscrizione Lombardia 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
DS (fino al 2007)
Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche
Professione Funzionario di Partito

Matteo Mauri (Milano, 24 maggio 1970) è un politico italiano, deputato per il Partito Democratico dal 2013.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera politica come organizzatore e coordinatore della segreteria dei Democratici di Sinistra (DS), successivamente del Partito Democratico (PD) della Lombardia.[1]

Alle elezioni amministrative del 2004 viene eletto consigliere provinciale di Milano con i DS, diventando anche assessore nella giunta provinciale di Filippo Penati[2] fino al 2009, anno in cui viene rieletto alla successiva tornata elettorale e ricoprendo la carica di capogruppo in Provincia di Milano.[1]

Il 24 novembre 2009 viene nominato da Bersani, neo-eletto segretario del PD, Responsabile nazionale Infrastrutture e Trasporti nella Segreteria nazionale del Partito Democratico.[1]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione III Lombardia per il Partito Democratico.[3] Durante il mandato ricopre il ruolo di Tesoriere del PD alla Camera.

Successivamente viene nominato vicecapogruppo vicario, subentrando ad Ettore Rosato divenuto capogruppo PD alla Camera. Diventa tra i fondatori della corrente Sinistra è Cambiamento, guidata dal Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, Cesare Damiano e Paola De Micheli; il gruppo decide di votare la fiducia al Governo sull'Italicum, rompendo con la minoranza del PD di Area Riformista contraria e aprendo al dialogo con la maggioranza renziana.

Nel 2018 entra nella segreteria nazione del Partito Democratico[4] e in occasione delle elezioni politiche viene rieletto deputato alla Camera[1] dove dal 14 agosto 2020 ricopre la carica di viceministro dell'interno nel governo Conte II.[5][6] Cessa la carica il 12 febbraio 2021, quando esce dal Governo.[7]

Oggi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2021 viene nominato commissario della provincia di Latina, a seguito delle dimissioni di Claudio Moscardelli.[8][9]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Matteo Mauri - chi sono, su www.matteomauri.it. URL consultato il 22 settembre 2021.
  2. ^ Rimpasto in Provincia/ Matteo Mauri (Pd) è il nuovo assessore al Piano strategico. Prende il posto della Gasparini che… - Affaritaliani.it, su www.affaritaliani.it. URL consultato il 22 settembre 2021.
  3. ^ Consiglio provinciale, si dimettono i tre neo-deputati del Pd, su MilanoToday. URL consultato il 22 settembre 2021.
  4. ^ La nuova segreteria del Partito Democratico, su Il Post, 14 luglio 2018. URL consultato il 22 settembre 2021.
  5. ^ Bergamo nel nuovo governo Conte Misiani viceministro per l’Economia, su www.ecodibergamo.it. URL consultato il 22 settembre 2021.
  6. ^ Cessato dall'incarico - Matteo Mauri, su Ministero dell‘Interno. URL consultato il 22 settembre 2021.
  7. ^ I sottosegretari lombardi di Draghi: fuori il grillino Buffagni e i dem Mauri e Misiani. Il leghista Morelli viceministro, su la Repubblica, 24 febbraio 2021. URL consultato il 22 settembre 2021.
  8. ^ Saverio Forte, Il Commissario convoca il Pd: ora il congresso, su AlessioPorcu.it, 14 luglio 2021. URL consultato il 22 settembre 2021.
  9. ^ Giuliano Armeno, Moscardelli ai domiciliari, si dimette da Segretario Pd, su AlessioPorcu.it, 1º luglio 2021. URL consultato il 22 settembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vice ministro dell'interno Successore Emblem of Italy.svg
Filippo Bubbico 14 agosto 2020 - 12 febbraio 2021 -