Matteo Mauri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matteo Mauri
Matteo Mauri daticamera 2013.jpg

Viceministro dell'interno
Durata mandato 14 agosto 2020 –
12 febbraio 2021
Vice di Luciana Lamorgese
Cotitolare Vito Crimi
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Filippo Bubbico

Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Interno
Durata mandato 13 settembre 2019 –
14 agosto 2020
Presidente Giuseppe Conte

Coordinatore del Partito Democratico
Durata mandato 14 luglio 2018 –
17 novembre 2018
Predecessore Lorenzo Guerini
Successore Andrea Martella

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Coalizione Italia. Bene Comune (XVII)
Centro-sinistra (XVIII)
Circoscrizione Lombardia 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
DS (fino al 2007)
Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche
Professione Funzionario di Partito

Matteo Mauri (Milano, 24 maggio 1970) è un politico italiano, deputato per il Partito Democratico dal 2013.

È stato coordinatore del Partito Democratico dal 14 luglio al 17 novembre 2018, sottosegretario di Stato e viceministro dell'Interno nel secondo governo Conte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1970 a Milano, dove da sempre vive, si è laureato in scienze politiche all'Università degli Studi di Milano.[1][2]

Iniziato a seguire la politica fin da ragazzo negli anni del liceo, ne entra tra le file della Sinistra giovanile, l'organizzazione giovanile del Partito Democratico della Sinistra prima e dei Democratici di Sinistra (DS) dopo, dove è stato prima segretario regionale in Lombardia e poi organizzatore nazionale.[1][2]

Impegnato nella politica in Lombardia, nel 2002 diventa organizzatore e coordinatore della segreteria dei DS lombardi, che successivamente diventa il Partito Democratico (PD) Lombardia.[1][2]

Alle elezioni amministrative del 2004 viene eletto consigliere provinciale di Milano con i DS, diventando anche assessore nella giunta provinciale di Filippo Penati[3] fino al 2009, anno in cui viene rieletto alla successiva tornata elettorale e ricoprendo la carica di capogruppo PD nella Provincia di Milano.[1]

Il 24 novembre 2009 viene nominato da Pier Luigi Bersani, neo-eletto segretario del PD, Responsabile nazionale Infrastrutture e Trasporti nella Segreteria nazionale del Partito Democratico.[1][2][4]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2013 viene candidato alla Camera dei deputati, dove viene eletto deputato tra le liste del PD nella circoscrizione Lombardia 1, dimettendosi da consigliere provinciale per sua decisione di non tenere un "doppio incarico"[5]. Durante la XVII legislatura della Repubblica è componente della 9ª Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni e della 1ª Commissione Affari Costituzionali, mentre all'interno del gruppo parlamentare del PD alla Camera è, dal 15 aprile 2013 al 21 luglio 2015, Tesoriere e, dal 21 luglio 2015 al 22 marzo 2018, Delegato d'aula.[1][6]

Il 19 giugno 2015 è uno dei promotori della nascita della nuova corrente all'interno del PD "Sinistra è cambiamento", formata principalmente da esponenti non renziani del governo Renzi (come Cesare Damiano, Luciano Pizzetti e Paola De Micheli) posizionati però più a sinistra di loro, che si richiamano a Maurizio Martina, Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, puntando alla sopravvivenza del governo stesso[2][7]. Successivamente Mauri assieme a Sinistra è cambiamento votano a favore della nuova legge elettorale proposta dal PD e il suo segretario Matteo Renzi: l'Italicum, posta con il voto di fiducia e rompendo con la "minoranza Dem", contraria a tale scelta.

Con l'elezione di Ettore Rosato, vice-capogruppo vicario in area Franceschiniana-Renziana[8], a capogruppo del PD alla Camera, il 21 luglio subentra ad egli come vice-capogruppo vicario.[2]

Coordinatore del PD e governo Conte II[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 viene rieletto deputato alla Camera[1]. Nello stesso anno a luglio entra nella Segreteria nazionale del Partito Democratico di Maurizio Martina come coordinatore del partito.[1][9]

Alle elezioni primarie del PD nel 2019 sostiene la mozione del segretario uscente Maurizio Martina come candidato alla segreteria, che risulterà perdente arrivando secondo col 22% dei voti[1]. Successivamente aderisce alla corrente d'ispirazione socialista liberale "Fianco a Fianco" capitanata da Martina e Graziano Delrio, capogruppo PD alla Camera in passato vicino a Matteo Renzi.[1][10]

In seguito alla nascita del governo Conte II tra PD, Movimento 5 Stelle e LeU, il 13 settembre 2019 viene nominato dal Consiglio dei Ministri Sottosegretario di Stato al Ministero dell'interno, affiancando il ministro Luciana Lamorgese, divenendo successivamente dal 14 agosto 2020 viceministro dell'interno assieme a Vito Crimi[2][11]. Con la nascita del nuovo governo guidato da Mario Draghi il 13 febbraio 2021, termina l'incarico.[12][13]

Commissario del PD di Latina[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2021 viene nominato, dal segretario del PD Enrico Letta, commissario della provincia di Latina, a seguito delle dimissioni di Claudio Moscardelli per gli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta dei concorsi alla Asl[14][15][16]. Mentre il 27 novembre viene nominato sempre dal segretario del PD Letta coordinatore del congresso regionale del PD Marche che celebrerà entro il 15 febbraio 2022.[17]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha due figlie: Viola e Anna; è appassionato di archeologia, rugby e basket.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Matteo Mauri - chi sono, su matteomauri.it. URL consultato il 22 settembre 2021.
  2. ^ a b c d e f g h Mauri, viceministro Interno con amore per il rugby - Politica, su Agenzia ANSA, 13 settembre 2019. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  3. ^ Rimpasto in Provincia/ Matteo Mauri (Pd) è il nuovo assessore al Piano strategico. Prende il posto della Gasparini che… - Affaritaliani.it, su affaritaliani.it. URL consultato il 22 settembre 2021.
  4. ^ Bersani presenta la sua squadra: i soliti nomi, su ilGiornale.it, 24 novembre 2009. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  5. ^ Consiglio provinciale, si dimettono i tre neo-deputati del Pd, su MilanoToday. URL consultato il 22 settembre 2021.
  6. ^ XVII Legislatura - XVII Legislatura - Deputati e Organi - Scheda deputato - MAURI Matteo, su camera.it. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  7. ^ Pd, 'Sinistra è cambiamento': stampella 'interna' per Renzi. "Aiuteremo con proposte concrete", su Il Fatto Quotidiano, 19 giugno 2015. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  8. ^ Pd, Renzi "congelato" scongela le correnti: area-rete-sinistra "dem", Giovani Turchi, popolari e outsider. Eccole - Page 3 of 10, su Il Fatto Quotidiano, 6 dicembre 2016. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  9. ^ La nuova segreteria del Partito Democratico, su Il Post, 14 luglio 2018. URL consultato il 22 settembre 2021.
  10. ^ Quante e quali sono le correnti del Pd. Dai progressisti di Zingaretti a Base riformista e ai franceschiniani, ecco chi ne fa parte, su Il Fatto Quotidiano, 5 marzo 2021. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  11. ^ Bergamo nel nuovo governo Conte Misiani viceministro per l’Economia, su ecodibergamo.it. URL consultato il 22 settembre 2021.
  12. ^ Cessato dall'incarico - Matteo Mauri, su Ministero dell‘Interno. URL consultato il 22 settembre 2021.
  13. ^ I sottosegretari lombardi di Draghi: fuori il grillino Buffagni e i dem Mauri e Misiani. Il leghista Morelli viceministro, su la Repubblica, 24 febbraio 2021. URL consultato il 22 settembre 2021.
  14. ^ Arresto di Moscardelli, Letta nomina immediatamente Matteo Mauri commissario per Latina. Ecco chi è, su ilmessaggero.it, 1º luglio 2021. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  15. ^ Saverio Forte, Il Commissario convoca il Pd: ora il congresso, su AlessioPorcu.it, 14 luglio 2021. URL consultato il 22 settembre 2021.
  16. ^ Giuliano Armeno, Moscardelli ai domiciliari, si dimette da Segretario Pd, su AlessioPorcu.it, 1º luglio 2021. URL consultato il 22 settembre 2021.
  17. ^ Pd: Marche; Mauri coordinatore congresso regionale - Marche, su Agenzia ANSA, 27 novembre 2021. URL consultato il 16 gennaio 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vice ministro dell'interno Successore Emblem of Italy.svg
Filippo Bubbico 14 agosto 2020 - 12 febbraio 2021 -