Lingue basso-tedesche occidentali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Basso tedesco occidentale
Niedersächsisch, Nedersaksisch
Parlato inGermania Germania, Paesi Bassi Paesi Bassi
Locutori
Totalecirca 4.000.000
Altre informazioni
Scritturalatina
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Lingue germaniche
  Lingue germaniche occidentali
   Lingua basso-tedesca
    Basso sassone
Codici di classificazione
ISO 639-3nds (EN)
Glottologwest2357 (EN)
Diffusione del basso sassone

Il basso sassone[1] o basso tedesco occidentale (Tedesco: Niedersächsisch, Olandese: Nedersaksisch) è un ramo del gruppo linguistico basso-tedesco. Viene parlato in alcune parti della Germania settentrionale, in parti dello Schleswig-Holstein e nelle città di Amburgo, Dortmund, Essen, Münster, Brema e Hannover, nelle province nord-orientali dei Paesi Bassi, Groninga, Drenthe, Overijssel e parte della Gheldria, più alcune zone di confine della Danimarca.

All'interno di questa famiglia è possibile distinguere la famiglie delle lingue friso-sassoni, la quale è un gruppo di lingue che hanno subito una forte influenza dalle lingue frisoni.[2][3] Il termine è stato coniato per una ricerca condotta sui dialetti delle lingue frisoni e delle lingue basso-tedesche e basso-franconi della regione storica della Frisia dal ricercatore olandese Johan Winkler e poi ripresa da altri studiosi.[4][5]

La maggior parte delle lingue friso-sassoni sono parlate in aree in cui, a partire dal tardo medioevo, le lingue frisoni sono state gradualmente sostituite dal basso sassone, permanendo come substrato. La maggior parte dei dialetti del friso-sassone, quali la lingua basso-sassone della Frisia orientale e la lingua gronings, possiedono un substrato frisone orientale, mentre eccezioni a questa regola sono la lingua stellingwarfs e il Dithmarsch, che possiedono, rispettivamente, un substrato frisone occidentale e settentrionale.

Augustin Wibbelt, scrittore originario della Vestfalia, ha pubblicato le sue opere in questa lingua.

Suddivisione[modifica | modifica wikitesto]

Qui è disponibile una suddivisione delle varianti del basso sassone. Il nome specifico di molte di queste lingue in italiano spesso non esiste, per cui vengono indicate con il nome in tedesco con una spiegazione tra parentesi in italiano.

Westfälisch (Vestfalico)[modifica | modifica wikitesto]

Il vestfalico è parlato in Vestfalia e nella regione di Osnabrück (Germania).

Le città maggiori in cui viene parlato sono Dortmund (in vestfalico Düörpm), Essen, Bochum, Bielefeld, Gelsenkirchen (in vestfalico Gelsenkiärken) e Münster (in vestfalico Mönster).

Fra i dialetti tedeschi è uno di quelli parlati dal maggior numero di persone e influenza molto anche il tedesco standard parlato in Vestfalia: a titolo di esempio si cita l'utilizzo del termine plästern per piovere e di dat come articolo neutro. Un altro elemento basso sassone è la pronuncia della g finale in modo analogo al tedesco ch, per esempio nelle parole König e Tag (in italiano rispettivamente: re e giorno).

Il vestfalico può essere distinto nelle seguenti varianti dialettali:

Ostfälisch (Ostfalico)[modifica | modifica wikitesto]

L'ostfalico è parlato in Bassa Sassonia e nella Sassonia-Anhalt (Germania).

Le più grandi città in cui viene parlato sono Hannover, Magdeburgo e Brunschweig.

L'ostfalico può essere distinto nelle seguenti varianti dialettali, tutte poco usate:

Nordniedersächsisch (Basso sassone settentrionale)[modifica | modifica wikitesto]

Il basso sassone settentrionale (Noordneddersassisch in basso sassone) è la maggiore variante del dialetto basso sassone. Viene parlato in Bassa Sassonia, a Brema, nello Schleswig-Holstein e ad Amburgo (Germania). Una sua variante è parlata nello Jylland (Danimarca).

Klaus Groth e Fritz Reuter, scrittori, hanno pubblicato i loro scritti in questo dialetto.

Il basso sassone settentrionale può essere distinto nelle seguenti varianti dialettali:

Nederlands nedersaksisch (Basso sassone olandese)[modifica | modifica wikitesto]

Il basso sassone olandese è un derivato del basso sassone parlato nei Paesi Bassi. Dal 1998 è tutelato come lingua regionale dell'Unione europea.

I comuni maggiori dove si parla sono Enschede, Zwolle, Apeldoorn ed Emmen.

Il basso sassone olandese si divide in molte varianti, ognuna delle quali parlata prevalentemente nella quasi omonima città:

Missingsch[modifica | modifica wikitesto]

Missingsch non è una variante del basso sassone. È una mescolanza di basso sassone e tedesco standard. Viene parlata a Bielefeld, Brema, Amburgo ed altri comuni tedeschi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A volte col termine, "Basso Sassone" si fa riferimento all'intero gruppo di lingue definite "Basso tedesco" di cui il Basso sassone rappresenta il ramo occidentale
  2. ^ Franz Manni, Wilbert Heeringa and John Nerbonne. (2006). To What Extent are Surnames Words? Comparing Geographic Patterns of Surname and Dialect Variation in the Netherlands.[collegamento interrotto] Literary and Linguistic Computing, Volume 21, Issue 4, p.507–527. https://doi.org/10.1093/llc/fql040
  3. ^ cf. Hoppenbrouwers, Cornelis Antonius Johannes / Hoppenbrouwers, Geer A. J. (2001): De indeling van de Nederlandse streektalen - dialecten van 156 steden en dorpen geklasseerd volgens de FFM. Assen, S. 50ff.
  4. ^ Winkler, Johan (1874): Algemeen Nederduitsch en Friesch Dialecticon. 2 Bände. 's-Gravenhage.
  5. ^ cf. Hoppenbrouwers, Cornelis Antonius Johannes / Hoppenbrouwers, Geer A. J. (2001): De indeling van de Nederlandse streektalen - dialecten van 156 steden en dorpen geklasseerd volgens de FFM. Assen, S. 50ff.
  6. ^ Noble, Cecil A. M. (1983). Modern German dialects New York [u.a.], Lang, p. 103-104

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE7621271-3