Lagonda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'autovettura omonima della Aston Martin, vedi Aston Martin Lagonda.
Lagonda
Logo
Stato Regno Unito Regno Unito
Fondazione 1906 a Staines
Fondata da Wilbur Gunn
Gruppo David Brown Ltd. dal 1948 al 1972
Persone chiave David Brown
Settore meccanica
Prodotti automobili
Lagonda 2-Litre Tourer 1931

Lagonda è stata una casa britannica costruttrice di automobili.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1906 a Staines, nel Surrey dallo statunitense di origini scozzesi Wilbur Gunn (1859-1920)[1] di professione cantante d'opera.[2] Divenne cittadino britannico nel 1891, lavorando come tecnico di motociclette e barche da competizione. Chiamò la ditta dal nome del luogo di fondazione della città natale Springfield (Ohio).[3][4] La sede di un fiume nato dall'erosione dell'era glaciale. Il luogo ha importanza storica come parte del Trattato di Easton tra le tribù Shawnee e i britannici durante la Guerra franco-indiana.[5]

Costruì motociclette nel giardino di casa sua a Staines[1] con vincite a Gran Premi come quella del 1905 London–Edinburgh. Nel 1907 costruì la prima macchina 20 hp, 6-cilindri Torpedo, vincendo la Mosca–St. Petersburg del 1910.[1] Nel 1913 Lagonda introdusse un piccola autovettura, la 11.1 con motore 4 cilindri da 1099 cc, che dal 1914 presentava una barra Panhard e una scocca rivettata oltre che un freno a mano fly-off, come sulle auto da competizione dell'epoca per le partenze veloci da semaforo. Durante la prima guerra mondiale Lagonda produsse bombe per artiglieria.[1]

Automobili David Brown[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: David Brown Ltd., Aston Martin e Tickford.

La società fu acquistata nel 1948 da David Brown dell'omonima azienda di famiglia David Brown Ltd., integrata successivamente nella Aston Martin già acquistata da Brown 1947. Nel 1947, Brown vide un annuncio sul The Times, dove offrivano la vendita di un business in ambito motoristico di lusso. Brown acquistò la Aston Martin per 20.500 sterline e l'anno successivo la Lagonda per 52.500, seguite dalla Tickford nel 1955.[6] Tickford era la carrozzeria maggiormente usata da Aston Martin-Lagonda. La Aston Martin venne trasferita presso la carrozzeria Tickford di Newport Pagnell. Il sito produttivo era in Tickford Street (sede che rimase tale fino all'arrivo, decenni dopo, della proprietà Ford che spostò la produzione della DB7 a Bloxham e poi a Gaydon per la DB9 e DBS). In quel periodo venne creata la serie DB dalle iniziali di David Brown.

L'ultimo modello col marchio Lagonda fu la Lagonda Rapide, prodotta dal 1961 fino al 1964. La Aston Martin e la Lagonda vennero successivamente acquistate nel 1972 dalla Company Developments Limited, per 100 sterline, a causa dell'insolvenza della Aston Martin. Il nome della carrozzeria Tickford scomparve tra la fine degli anni '50 e il 1981. Tra il 1976 e il 1989, la Aston Martin rispolverò il nome Lagonda realizzando, sotto il marchio Aston Martin, il modello chiamato Aston Martin Lagonda, una berlina di lusso con carrozzeria in alluminio lunga più di 5 metri con motore V8 di 5340 cm³. da 320 cv.

Nel settembre 2008 è stata comunicata l'intenzione di riattivare il marchio Lagonda, che sarà indipendente rispetto a quello Aston Martin e si occuperà di settori di mercato differenti. L'auto che dovrebbe segnare questo ritorno, un Suv di lusso, verrà probabilmente presentata successivamente al marzo 2010.[7].

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Tipo Motore Produzione
1906-1913 20 3052cm³ valvole laterali 4 cilindri
1911-1913 30 4578cm³ valvole laterali 4 cilindri
1913-1921 11 1099cm³ 4 cilindri 6000 (incluse 11.9 e 12)[8]
1920-1923 11.9 1421cm³ 4 cilindri
1923-1926 12 e 12/24 1421cm³ 4 cilindri
1925-1933 14/60 e 2 litre Speed 1954cm³ OHV 4 cilindri 1440[8]
1926-1930 16/65 2389 (in seguito 2692)cm³ OHV 6 cilindri 250[8]
1928-1934 3 litre 2931cm³ OHV 6 cilindri 570[8]
1926-1930 16/80 1991cm³ OHV 6 cilindri Crossley 260[9]
1933-1938 Rapier 1087cm³ bialbero 4 cilindri 470 + circa 45 dalla Rapier Cars[9]
1926-1930 M45 4467cm³ OHV 6 cilindri Meadows 410 + 53 M45R Rapide[9]
1935 3.5 litre 3619cm³ OHV 6 cilindri 65[9]
1936-1937 LG45 4467cm³ OHV 6 cilindri Meadows 278 + 25 Rapides[9]
1938-1940 LG6 4467cm³ OHV 6 cilindri Meadows 85[9]
1938-1940 V12 4480cm³ SOHC V12 189[9]
1948-1953 2.6-Litre 2580cm³ bialbero 6 cilindri 510[10]
1953-1958 3-Litre 2922cm³ bialbero 6 cilindri 270[10]
1961-1965 Rapide 3995cm³ bialbero 6 cilindri 55[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d N. G.N. Georgano, Beaulieu Encyclopedia of the Automobile, HMSO, 2000, ISBN 1-57958-293-1.
  2. ^ Nachtschicht im Schloss: A report on a concours d'elegance at Schloss Bensberg in Auto Motor u. Sport, Heft 25 2010, 18 novembre 2010, p. 45.
  3. ^ My kind of car: Lagonda 16/80 1932 in Drive (Magazine of the British Automobile Association), vol. 115, febbraio 1985, p. 66.
  4. ^ British Tradition from an American in The World of Automobiles, vol. 10, Columbia House, 1974, p. 1129.
  5. ^ http://www.thecanadianencyclopedia.ca/en/article/easton-treaty/
  6. ^ (EN) The David Brown Corporation Limited. The Times, Thursday, 19 April 1956; pg. 18; Issue 53509
  7. ^ La Repubblica, 8 giugno 2009
  8. ^ a b c d N. Baldwin, A-Z of Cars of the 1920s, Devon, UK, Bay View Books, 1994, ISBN 1-870979-53-2.
  9. ^ a b c d e f g M. Sedgwick, A-Z of Cars of the 1930s, Devon, UK, Bay View Books, 1989, ISBN 1-870979-38-9.
  10. ^ a b c M. Sedgwick, A-Z of Cars 1945-1970, Devon, UK, Bay View Books, 1986, ISBN 1-870979-39-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]