Aston Martin DB6

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aston Martin DB6
Aston Martin DB6 (1968) - 18320025655.jpg
Una Aston Martin DB6 del 1968
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Aston Martin
Tipo principale Coupé
Altre versioni Cabriolet
Produzione dal 1965 al 1971
Sostituisce la Aston Martin DB5
Sostituita da Aston Martin DBS
Esemplari prodotti 1.567[1]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4623 mm
Larghezza 1676 mm
Altezza 1359 mm
Passo 2578 mm
Massa 1474 kg
Altro
Altre eredi Aston Martin DB7
Auto simili Iso Rivolta 300, Lancia Flaminia GT Convertibile, Jaguar E-Type, Maserati 3500 GT
Aston Martin DB6 (1968).jpg
vista posteriore della stessa auto, si noti la coda tronca e lo spoiler posteriore

La Aston Martin DB6 è un'autovettura Gran Turismo prodotta dal 1965 al 1971 per sostituire il precedente modello DB5.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La nuova vettura fu presentata al Salone dell'Automobile di Londra 1965 come naturale evoluzione della DB5 da cui recuperava interamente la parte frontale della carrozzeria, fino alla portiera. La parte posteriore dell'abitacolo con una nuova coda, tronca e non "tonda", erano del tutto inedite.

Fu il primo modello di Aston Martin dotato del pianale rigido di acciaio scatolato utilizzato dalla marca britannica fino agli anni '90 e il primo prodotto nel nuovo stabilimento di Newport Pagnell. Con questa vettura il patron della Aston Martin, David Brown, dopo 18 anni, completò la trasformazione della casa inglese da piccola produttrice di auto sportive a realtà industriale vera e propria.

La vettura[modifica | modifica wikitesto]

La vettura era la naturale evoluzione della DB5 ma rispetto ad essa i cambiamenti furono importanti. Il passo venne allungato di diversi centimetri per poter ospitare altri 2 posti, di fortuna, e la coda venne totalmente ridisegnata. Nel febbraio del 1965 vennero svolti dei test in galleria del vento per valutare l'efficienza aerodinamica della DB5. Il retrotreno a causa della scarsa deportanza prodotta dalla forma della coda perdeva stabilità alle alte velocità. Per risolvere questi problemi venne prodotto un telaio più lungo e una carrozzeria dotata di coda Kamm e spoiler posteriore, ispirata a quella della Ferrari 250 GTO, denominato MP209. Con la nuova aerodinamica migliorata la vettura raggiungeva i 240 Km/h ed aveva una tenuta di strada complessivamente migliore.

La nuova vettura 2 più 2 posti sacrificava un po' di sportività sull'altare dell'eleganza e dell'abitabilità interna ma senza perdere il fascino e il comportamento stradale tipico di un vettura sportiva inglese. Questo modello trasformò definitivamente la serie DB da sportiva pura a Gran Turismo di classe, processo completato definitivamente dalla DBS e dalla DBS V8 negli anni a venire. Per questo motivo la casa pubblicizzava anche la comodità e la buona capacità di carico oltre alle prestazioni ragguardevoli[2].

Le differenze principali con la precedente DB5 sono: passo allungato per ospitare i passeggeri posteriori, linea del tetto sollevata di 2 pollici, finestrino posteriore di diverso disegno, parabrezza più alto ed inclinato, presa d'aria frontale dedicata al radiatore dell'olio, paraurti separati e non più in un sol pezzo e modifiche alla carrozzeria tali da abbandonare il metodo costruttivo Superleggera della Touring di Milano, con un conseguente aumento del peso di 17,7 kg.

Anche per la DB6 venne resa disponibile una versione potenziata con specifiche Vantage montando 3 carburatori Weber 45DCOE doppio corpo e aumentando il rapporto di compressione da 8,9:1 a 9,4:1; ottenendo una potenza complessiva di 325 CV a 5750 giri/min. e prestazioni complessivamente migliorate.[3]

Il posto guida di una DB6, si noti il grande volante in legno e la linea del cruscotto che riprende la calandra anteriore

Durante gli anni di produzione subì un solo aggiornamento nel 1969; in questa occasione vennero messi in comune vari particolari con la DBS che era nel frattempo entrata in produzione e che dal 1971 la sostituì nella gamma Aston Martin[4]. La nuova MkII aveva sedili posteriori risistemati, ruote e pneumatici maggiorati con passaruota svasati per accoglierli meglio e, a richiesta, sistema d'iniezione AE Brico abbinata alla testata ad alta compressione Vantage e servosterzo.

Come per la DB5 era disponibile anche la versione spider chiamata, come da tradizione, DB6 Volante[5]. Per il primo anno di produzione questa versione venne dotata sia della nuova coda che dello spoiler posteriore ma il telaio rimase quello a passo corto. Solo dopo un anno e 37 esemplari anche la versione Volante utilizzo il telaio a passo lungo. Uscì di produzione insieme alla DB6 dopo 140 esemplari, di cui 19 Vantage Volante e 38 MkII.

Sulla scia del successo della DB5 "Station Wagon" di David Brown venne realizzata la variante Shooting Brake[6] battezzata "Estate" dalle carrozzerie indipendenti Harold Radford (6 o 7 esemplari) e FNL Panelcraft (3 esemplari) a partire da DB6 standard o Vantage e sfruttando il posteriore di vetture Triumph. Di questa particolare versione vennero ricavati pochissimi esemplari uno dei quali fu di proprietà del pilota Innes Ireland.[7]

Altri proprietari celebri furono il principe Carlo d'Inghilterra, Paul McCartney, Mick Jagger, Twiggy e Peter Sellers. La DB6 era vista come un'auto molto alla moda alla fine degli anni '60.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Sul piano tecnico non cambiava quasi nulla dalla precedente DB5 a parte il passo allungato; Il motore 6 cilindri in linea 4.0 litri con tre carburatori SU progettato da Tadek Marek rimase lo stesso. Nella versione base erogava 282 CV a 5.500 giri/min; tale potenza passava a circa 325 CV (a 5750 giri/min) nella variante più sportiva Vantage con rapporto di compressione più alto.

Le sospensioni anteriori sono indipendenti, dotate di doppi bracci trasversali, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici e barra stabilizzatrice. Le sospensioni posteriori a ponte rigido Salisbury con parallelogramma di Watt, bielle longitudinali e barra stabilizzatrice adottarono defiitivamente gli ammortizzatori a leva regolabili su 2 tarature Armstrong Selectaride. L'impianto frenante rimase a 4 dischi Girling a doppio circuito servoassistito.

Gli pneumatici erano 8,15x15 montati su ruote a 72 raggi con fissaggio a gallettone centrale.

Caratteristiche tecniche - Aston Martin DB6 (1965)
Aston Martin DB5 engine.jpg
Configurazione
Carrozzeria: coupé 2 porte Posizione motore: anteriore longitudinale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4620 × 1680 × 1360 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2580 mm Carreggiate: anteriore 1380 - posteriore 1340 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 2 più 2 Bagagliaio: Serbatoio: 86
Masse a vuoto: 1475 kg
Meccanica
Tipo motore: 6 cilindri in linea raffreddato ad acqua, basamento e testate in lega leggera Cilindrata: alesaggio x corsa: 96 x 92 mm, totale 3995 cm³
Distribuzione: bialbero in testa comandato da catena, 2 valvole per cilindro Alimentazione: 3 carburatori orizzontali SU HD 8/1 (Vantage: Weber doppio corpo 45 DCOE)
Prestazioni motore Potenza: 282 CV DIN a 5500 giri/min. (Vantage: 325 CV DIN a 5750 giri/min) / Coppia: 39,8 Kgm DIN a 3850 giri/min.
Accensione: a spinterogeno, 1 candela per cilindro Impianto elettrico: 12V
Frizione: monodisco a secco Laycock con comando idraulico, molla a diaframma (solo versioni manuali) Cambio: manuale ZF a 5 marce e RM, a richiesta cambio automatico Borg-Warner a 3 rapporti
Telaio
Corpo vettura a piattaforma in acciaio
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, quadrilateri sovrapposti, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici, barra stabilizzatrice / posteriori: a ponte rigido, bielle logitudinali, parallelogramma di Watt, molle elicoidali, ammortizzatori a leva regolabili Armstrong Selectaride
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco Girling con comando idraulico e servofreno a depressione
Pneumatici 6.70-15 / Cerchi: a raggi Dunlop
Prestazioni dichiarate
Velocità: 240 km/h Accelerazione: 0-100 Km/h 8,4 s.
Consumi 20 l / 100 Km
Fonte dei dati: Ruoteclassiche n° 345 Settembre 2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Scheda su motorbase.com
  2. ^ (FR) Brochure pubblicitaria dell'epoca[collegamento interrotto]
  3. ^ Aston Martin DB6, su wikicars.org. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  4. ^ (EN) La DB6 Mk 2 su astonmartins.com
  5. ^ (EN) La DB6 Volante su astonmartins.com
  6. ^ (DE) Immagini e caratteristiche della versione station wagon Archiviato il 19 luglio 2011 in Internet Archive.
  7. ^ In vendita un'Aston Martin DB6 Shooting Brake. È una delle due rimaste!

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili