Il Molière

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Molière
Commedia in cinque atti
Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII (page 18 crop).jpg
AutoreCarlo Goldoni
Lingua originaleVeneto
Composto nel1751
Prima assoluta28 agosto 1751
Teatro Carignano di Torino
Personaggi
  • Molière, autore di commedie e comico francese
  • La Bèjart, comica che abita in casa di Molière
  • Isabella, figlia della Béjart, comica nella medesima casa
  • Valerio, comico ed amico di Molière
  • Il signor Pirlone, ipocrita
  • Leandro, cittadino, amico di Molière
  • Il conte Lasca
  • Foresta, servente di Molière
  • Lesbino, servitor di Molière
 

Il Molière è un'opera teatrale in cinque atti in versi martelliani di Carlo Goldoni scritta nel 1751 e rappresentata per la prima volta nell'estate di quell'anno al Teatro Carignano di Torino[1], dove fu ben accolta. Realizzata dopo la fatica delle 16 commedie scritte in un solo anno per il capocomico Girolamo Medebach, è la prima commedia composta dal commediografo veneziano in versi martelliani. Si legge nella prefazione all'edizione a stampa: Benché sia la prima che io ho composta in tal metro, è forse di tutte la più tollerabile, e la meno sagrificata alla schiavitù della rima[2]. È questa anche la prima delle tre commedie scritte da Goldoni per celebrare la vita di uno commediografo del passato. Seguiranno Terenzio nel 1754 e Torquato Tasso nel 1755.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Parigi, casa di Molière. L'infido Pirlone si introduce nella casa del grande commediografo francese e rivela all'attrice Béjard che Molière è innamorato della figlia di lei, e la convince a lasciare il suo compagno e direttore. Fa lo stesso con Isabella, e le fa vedere lo stato di commediante come strada della perdizione. Tenta dunque di sedurre la domestica Foresta, che però, più sveglia del padrone, riuscirà a smascherare l'impostore.

Poetica[modifica | modifica wikitesto]

La commedia si ispira alla vita di Molière e alla sua commedia Il Tartuffo. Precisò Goldoni nei suoi Mémoires: Conoscevo benissimo Molière, e rispettavo questo maestro dell’arte al pari dei Piemontesi; per questo appunto mi venne voglia di dar loro sopra di ciò una prova convincentissima. Composi subito una commedia in cinque atti e in versi, a scena fissa e senza maschere, il cui titolo e soggetto principale era Molière medesimo. Due aneddoti della sua vita privata me ne porsero argomento. Il primo è il suo matrimonio ideato con Isabella, figlia della Béjard, e l’altro la proibizione del Tartufo[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tutte le opere di C. Goldoni, a cura di G. Ortolani, III, Milano, Mondadori, 1940
  2. ^ Carlo Goldoni, prefazione a Il Molière
  3. ^ Carlo Goldoni, Mémoires