La putta onorata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

« Bettina: Tanti se marida per quela poca de dota, i la magna in quatro zorni, e la mugier, in vece de pan, tonfi maledeti. »

La putta onorata
Commedia in tre atti
La putta onorata.jpg
La putta onorata
AutoreCarlo Goldoni
Lingua originaleDialetto veneziano
Composto nel1748
Prima assoluta1749
Teatro Sant'Angelo di Venezia
Personaggi
  • Ottavio, marchese di Ripaverde
  • Beatrice, sua moglie
  • Pantalone de' Bisognosi, mercante veneziano creduto padre di Lelio
  • Bettina, fanciulla veneziana protetta da Pantalone
  • Catte, lavandaia moglie di Arlecchino e sorella di Bettina
  • Messer Menego Cainello, barcaiolo del marchese e creduto padre di Pasqualino
  • Lelio, creduto figlio di Pantalone, poi scoperto figlio di Menego
  • Pasqualino, creduto figlio di Menego poi scoperto figlio di Pantalone
  • Donna Pasqua da Pelestrina, moglie di Menego
  • Brighella, servitore del marchese
  • Arlecchino, marito di Catte
  • Nane e Tita, barcaioli
  • Scanna, usuraio
  • Un giovane caffettiere, un venditore di biglietti, un capitano di sbirri con i suoi uomini
 

La putta onorata è un'opera teatrale in tre atti di Carlo Goldoni in dialetto veneziano scritta nel 1748, l'anno della riforma goldoniana. Fu rappresentata per la prima volta dalla compagnia Medebach al Teatro Sant'Angelo per il Carnevale del 1749. Le intenzioni riformatrici sono evidenti nella sostanza psicologica tutta nuova dei caratteri.

La commedia ebbe una continuazione ne La buona moglie, del 1751[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella città di Venezia la bella Bettina s'innamora di Pasqualino, un giovane ritenuto dalla ragazza il figlio di un gondoliere, Messer Menego. Anche il giovane crede di esserlo, ma non sa che da piccolo è stato adottato e che il suo vero padre è il mercante Pantalone. Anche Pantalone è inconsapevole di avere come figlio il pargolo del gondoliere: Lelio. A questo intreccio di equivoci, che verrà risolto solo alla fine della commedia, si aggiunge anche il marchese Ottavio, follemente innamorato di Bettina, il quale la fa rapire e condurre nel suo palazzo ove ci sarà la resa dei conti fra gli innamorati, i gondolieri e Pantalone.

Poetica[modifica | modifica wikitesto]

La commedia vuole rivendicare l'onore delle giovani popolane veneziane, spesso oltraggiate sulle scene[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ G. Ortolani, Tutte le opere di C. Goldoni, Mondadori Editore, Milano 1936

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro