Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Hor II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hor II
Re dell'Alto e Basso Egitto
In carica Secondo periodo intermedio
Incoronazione tra 1670 a.C. e 1660 (± 50 anni)
Predecessore Neferhotep II
Successore Sobekhotep VII
Nome completo Suadjkara Hor II
Dinastia XIII dinastia egizia

Hor II (... – ...) è stato un sovrano dell'antico Egitto inserito nella XIII dinastia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcuni storici contemporaneo di Neferhotep II, di cui potrebbe essere stato tributario, regnò su una piccola parte dell'Alto Egitto.

Noto solamente per il Canone Reale e per un blocco iscritto proveniente da Tod riportante il prenomen Sewadjkara.

Benché il Canone Reale gli attribuisca 5 anni di regno alcuni storici, in accordo con Alan Gardiner, gli assegnano un regno di un solo anno.

Liste Reali[modifica | modifica wikitesto]

Nome Horo Canone Reale Anni di regno
sconosciuto 7.7
Hiero Ca1.png
N5sM13D28Z1G7G5M17
Hiero Ca2.svg

s w3ḏ k3 rˁ hr i -Suadjkara Hor
Colui che fa fiorire il Ka di Ra

5

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Dinastia periodo di regno
Secondo periodo intermedio XIII tra il 1670 a.C. ed il 1660 a.C. (± 50 anni)
Autore Anni di regno
Redford 1691 a.C.
Ryholt 1669 a.C. - 1664 a.C.
Franke 1647 a.C.
predecessore:
Neferhotep II
Signore del Basso e dell'Alto Egitto successore:
Sobekhotep VII
Dinastie contemporanee Capitale
XIV Xois/Avaris
XV dinastia Avaris
XVI Avaris/varie

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Martin - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Hayes, W.C. - L'Egitto dalla morte di Ammenemes III a Seqenenre II - Il Medio Oriente e l'Area Egea 1800 - 1380 a.C. circa II,1 - Cambridge University 1973 (Il Saggiatore, Milano 1975)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I -Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Approfondimenti e letture consigliate[modifica | modifica wikitesto]