Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sahathor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Menuadjra Sahathor
Turiner2.png
Frammento del Canone Reale in cui compare il cartiglio di Sahathor (seconda riga dal basso)
Re dell'Alto e Basso Egitto
Incoronazione tra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[1]
Predecessore Neferhotep I
Successore Sobekhotep IV
Morte tra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[1]
Dinastia XIII dinastia egizia

Menuadjra Sahator (... – ...) è stato un sovrano egizio inserito nella XIII dinastia.

Secondo il Canone Reale si tratterebbe del ventiduesimo sovrano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente fratello di Neferhotep I. Del suo regno, durato forse 3 anni, non sappiamo praticamente nulla. Il nome compare in alcuni elenchi di membri della famiglia reale.

È probabile che abbia regnato su tutto l'Egitto tranne che sul 6º distretto dell'Basso Egitto dove, a Xois, si era ormai insediato un sovrano della XIV dinastia e sulla zona intorno ad Avaris, sempre nella regione del delta del Nilo, dove si sta ormai concentrando il potere delle genti di stirpe asiatica migrate in Egitto nei decenni precedenti.

Il regno di Sahathor è documentato a livello archeologico da alcuni rilievi rupestri sull'isola di Sehel e nello Uadi Hammamat e da due statue del tempio di Hekaib ad Elefantina.

Si ritiene che il glifo

N5

che precede il nome sia un errore di trascrizione dello scriba ramesside che ha compilato il papiro (Canone Reale), errore generato dalla circostanza che la maggior parte dei prenomen di questa parte della lista iniziano appunto con tale glifo.

Liste reali[modifica | modifica wikitesto]

Nome Horo Canone Reale Anni di regno
6.26
Hiero Ca1.png
N5 O6 t
pr
D2 Z1 G7 G39 Z1 G7
Hiero Ca2.svg

s3 ḥw.t hr [rˁ] - (Ra) Sahathor

3

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
Srxtail.jpg
G16
nbty (nebti) Le due Signore
G8
ḥr nbw Horo d'oro
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 mn M13
Hiero Ca2.svg
mn w3ḏ rˁ Menuadjra
G39 N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
N5 O6 t
pr
D2 Z1 G7 G39 Z1 G7
Hiero Ca2.svg
s3 ḥw.t hr [rˁ] sa hathor figlio di Hathor

Datazioni alternative[modifica | modifica wikitesto]

Autore Anni di regno
Ryholt 1733 a.C.[2]
Malek 1727 a.C.[3]
Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Neferhotep I Secondo periodo intermedio Sobekhotep IV

Dinastie contemporanee
XIV dinastia egizia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cimmino Franco, Dizionario delle dinastie faraoniche, p. 470
  2. ^ K.S.B. Ryholt, The Political Situation in Egypt during the Second Intermediate Period, c.1800–1550 BC, Carsten Niebuhr Institute Publications, vol. 20. Copenaghen: Museum Tusculanum Press, 1997
  3. ^ (con John Baines), Atlante dell'antico Egitto, ed. italiana a cura di Alessandro Roccati, Istituto geografico De Agostini, 1980 (ed. orig.: Atlas of Ancient Egypt, Facts on File, 1980)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Martin - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Hayes, W.C. - L'Egitto dalla morte di Ammenemes III a Seqenenre II - Il Medio Oriente e l'Area Egea 1800 - 1380 a.C. circa II,1 - Cambridge University 1973 (Il Saggiatore, Milano 1975)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I - Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)
  • Nicolas Grimal, Storia dell'antico Egitto, Laterza, 1990 (1988), ISBN 88-420-3601-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]