Sobekhotep V

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sobekhotep V
Statua inginocchiata di Sobekhotep V, conservata all'Altes Museum, Berlino
Re dell'Alto e Basso Egitto
Incoronazionetra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[1]
PredecessoreSobekhotep IV
SuccessoreWahibra
Mortetra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[1]
DinastiaXIII dinastia egizia

Sobekhotep V (... – ...; fl. XVIII-XVII secolo a.C.) è stato un sovrano egizio inserito nella XIII dinastia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'esistenza di questo sovrano è attestata, oltre che dal Canone Reale, anche dal lista della Sala degli Antenati di Karnak, da una statua conservata a Berlino, da una stele proveniente dallo uadi Hammamat, da un'incisione sull'isola di Sehel e da alcuni scarabei.

A detta di alcuni studiosi potrebbe trattarsi di un figlio di Sobekhotep IV.

Supponendo che abbia regnato tra il 1720 a.C. ed il 1715 a.C., il suo regno fu caratterizzato dal definitivo distacco della regione intorno ad Avaris, dove, genti di stirpe semita, provenienti dalla penisola del Sinai e dalla Palestina, infiltratesi a partire dalla fine della XII dinastia, si sentirono ormai abbastanza potenti da dare vita ad uno, o più regni, governati da quelli che verranno chiamati in seguito hyksos minori, i cui sovrani sono raggrappati nella XVI dinastia.

Liste reali[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Liste reali egizie.
Nome Horo Sala degli antenati di Karnak Canone Reale Anni di regno
sconosciuto 46
N5N28R4
t p

ḫˁ htp rˁ - Khahotepra

7.1
N5N28
D36
Y1R4
t
p

ḫˁi htp rˁ - Khaihotepra

4 anni, 8 mesi, 29 giorni

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Titolatura reale dell'antico Egitto.
Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
G16
nbty (nebti) Le due Signore
G8
ḥr nbw Horo d'oro
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
N5N28R4
ḫˁ htp rˁ Khahotepra Ra, pacifico nell'apparizione
G39N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
I4R4
t p
sbk htp Sobekhotep Sobek è in pace

Datazioni alternative[modifica | modifica wikitesto]

Autore Anni di regno
Redford 1725 a.C. - 1721 a.C.[senza fonte]
Malek 1720 a.C. - 1716 a.C.[2]
Grimal 1720 a.C. - 1715 a.C.[3]
Ryholt 1717 a.C. - 1712 a.C.[4]
Schneider 1685 a.C. - 1680 a.C.[senza fonte]
Franke 1685 a.C. - 1680 a.C.[5]
Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore
Sobekhotep IV Secondo periodo intermedio Wahibra

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cimmino Franco, Dizionario delle dinastie faraoniche, p. 470
  2. ^ (con John Baines), Atlante dell'antico Egitto, ed. italiana a cura di Alessandro Roccati, Istituto geografico De Agostini, 1980 (ed. orig.: Atlas of Ancient Egypt, Facts on File, 1980)
  3. ^ op.cit.
  4. ^ K.S.B. Ryholt, The Political Situation in Egypt during the Second Intermediate Period, c.1800–1550 BC, Carsten Niebuhr Institute Publications, vol. 20. Copenaghen: Museum Tusculanum Press, 1997
  5. ^ Personendaten aus dem Mittleren Reich, Éd. Otto Harrassowitz, Wiesbaden, 1984, (ISBN 3447024844)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Martin - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Hayes, W.C. - L'Egitto dalla morte di Ammenemes III a Seqenenre II - Il Medio Oriente e l'Area Egea 1800 - 1380 a.C. circa II,1 - Cambridge University 1973 (Il Saggiatore, Milano 1975)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I -Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)
  • Nicolas Grimal, Storia dell'antico Egitto, Laterza, 1990 (1988), ISBN 88-420-3601-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]