Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sesostri IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sesostri IV Seneferibra
Senusret IV.png
Statua colossale di Sesostri IV. Cairo, Museo Egizio (CG 42026)[1].
Re dell'Alto e Basso Egitto
In carica Secondo periodo intermedio
Incoronazione tra il 1760 a.C. ed il 1740 a.C. (± 50 anni)
Dinastia XIII dinastia egizia

Sesostri IV Seneferibra (... – ...) è stato un faraone della XIII dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'esistenza di questo sovrano, che non compare nel Canone Reale, è attestata, oltre nella Sala degli Antenati di Karnak anche da iscrizioni provenienti da Tani, Nag el-Madamud ed Elefantina che riportano la sequenza dei quattro successori di Renseneb di cui l'ultimo è appunto Seneferibra. Una statua colossale che lo rappresenta è stata ritrovata da Georges Legrain a Karnak nel 1901[1].

Liste Reali[modifica | modifica wikitesto]

Nome Horo Canone Reale Anni di regno Sala degli antenati di Karnak
Uehemankh
Hiero Ca1.png
non citato
Hiero Ca2.svg
Seneferibra

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
F25S34
Srxtail.jpg
Wḥm ˁnḫ Uehemankh
G16
nbty (nebti) Le due Signore
sS34N19
s ˁnḫ tawy Sankhtawy Coloro che rendono prospere le Due Terre
G8
ḥr nbw Horo d'oro
nfrN28
Z2
nfr ḫˁw Neferkhau
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5sn
f
r
ib
Hiero Ca2.svg
s n =f r ib rˁ Seneferibra Perfetto è il cuore di Ra[1]
G39N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
F12S29D21
X1
O34
N35
Hiero Ca2.svg
sn wsr t Senuseret Uomo della dea Uosret

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Georges Legrain, Statues et statuettes de rois et de particuliers, in Catalogue général des antiquités égyptiennes du Musée du Caire, Cairo 1906, p. 18; 109.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Bompiani, Milano, 2003, ISBN 88-452-5531-X
  • Alan Gardiner, La civiltà egizia, Einaudi, Torino 1997, ISBN 88-06-13913-4
  • W.C. Hayes, "L'Egitto dalla morte di Ammenemes III a Seqenenre II", in Storia antica - Il Medio Oriente e l'Area Egea 1800 - 1380 a.C. circa, vol. II-1, Il Saggiatore, Milano 1975
  • John A. Wilson, Egitto, Arnoldo Mondadori, Milano 1967

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
n.d. tra il 1760 ed il 1740 a.C. (± 50 anni) n.d.

Dinastie contemporanee
XIV dinastia egizia
Controllo di autoritàVIAF: (EN310690454 · GND: (DE1058506811