Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sehetepkara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sehetepkara Antef
Hotepkare cylinder Petrie.png
Cilindro di Sehetepkara[1].
Re dell'Alto e Basso Egitto
Incoronazione tra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[2]
Predecessore Semenkhkara
Successore ...ib-Seth
Morte tra il 1790 a.C. ed il 1630 a.C.[2]
Dinastia XIII dinastia egizia

Sehetepkara Antef (IV) (... – ...) è stato un faraone della XIII dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diciottesimo sovrano della dinastia secondo il Canone Reale, è citato anche sulla lista reale di Karnak, su di un basamento di statua proveniente da Medinet Madi ed ora al museo del Cairo e su di un cilindro[1], dove compare nella forma:

Hiero Ca1.svg
N5 R4 D28
Hiero Ca2.svg

s- htp k3 - Hetepkara

Liste Reali[modifica | modifica wikitesto]

Nome Horo Sala degli antenati di Karnak Canone Reale Anni di regno
sconosciuto 23
Hiero Ca1.png
W25 n&t&f
Hiero Ca2.svg

i n t=f- Initef

6.22
Hiero Ca1.png
HASH W25 n&t&f HASH
Hiero Ca2.svg

i n t=f - Initef

persi

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
Srxtail.jpg
G16
nbty (nebti) Le due Signore
G8
ḥr nbw Horo d'oro
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 s R4
t p
D28
Hiero Ca2.svg
s htp k3 r՚[3] Sehetepkara Colui che rende felice il Ka di Ra
G39 N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
W25 n&t&f
Hiero Ca2.svg
int =f Antef

Datazioni alternative[modifica | modifica wikitesto]

Autore Anni di regno
Franke intorno 1710 a.C.[4]
Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Semenkhkara Secondo periodo intermedio ...ib-Seth

Dinastie contemporanee
XIV dinastia egizia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Flinders Petrie, Scarabs and cylinders with names (1917), pl. XVIII, n. 13.DE.
  2. ^ a b Cimmino Franco, Dizionario delle dinastie faraoniche, p. 470
  3. ^ Sergio Donadoni, Nuovi testi di Medinet Madi, 1952, Seite 6
  4. ^ Personendaten aus dem Mittleren Reich, Éd. Otto Harrassowitz, Wiesbaden, 1984, (ISBN 3447024844)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Alan - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Hayes, W.C. - L'Egitto dalla morte di Ammenemes III a Seqenenre II - Il Medio Oriente e l'Area Egea 1800 - 1380 a.C. circa II,1 - Cambridge University 1973 (Il Saggiatore, Milano 1975)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I - Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)
  • NIcolas Grimal, Storia dell'antico Egitto, Laterza, 1990 (1988), ISBN 88-420-3601-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]