Guido de' Medici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guido de' Medici
arcivescovo della Chiesa cattolica
ArchbishopPallium PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Venosa
Arcivescovo di Chieti
Deceduto 1537

Guido de' Medici (... – Roma, 1537) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Antonio di Giuliano de' Medici, del ramo dei marchesi della Castellina, e di Selvaggia di Felice del Beccuto, fu avviato alla carriera ecclesiastica ottenendo numerosi benefici: fu priore di Sant'Apollinare, preposito di Ognissanti a Firenze, pievano di Sant'Ippolito a Castelfiorentino e, nel 1506, sostituì il defunto fratello Averardo come canonico del capitolo metropolitano di Firenze; rinunciò al canonicato nel 1532.

I pontificati dei suoi parenti Leone X (1513-1521) e Clemente VII (1523-1534) rappresentarono per lui l'occasione di essere ammesso alla corte papale: fu famigliare, protonotario apostolico e cameriere segreto di papa Leone e prelato domestico di papa Clemente, che lo nominò castellano di Castel Sant'Angelo e ambasciatore presso Alessandro de' Medici. Fu eletto vescovo di Venosa nel 1527 e poi arcivescovo metropolita di Chieti il 2 gennaio 1528: non risiedette mai in questa città a causa dei suoi incarichi presso la Curia Romana e inviò, come suo suffraganeo, il vescovo di Lavello.

Morì tra il 13 e il 23 giugno del 1537.

Alla città abruzzese donò il prezioso Messale Borgia, tuttora conservato presso gli archivi della curia arcivescovile di Chieti, uno degli ultimi capolavori dell'arte della miniatura, fatto realizzare dal cardinale de Borgia e poi passato al Medici che lo utilizzò come messale personale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Venosa Successore Bishopcoa.png
Tommaso da San Cipriano, O.P.
1519 - ?
12 giugno 1527 - 3 gennaio 1528 Fernando de Gerona, O.S.A.
1528 - 1542
Predecessore Arcivescovo di Chieti Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Felice Trofino 1528 - 1537 Gian Pietro Carafa
Controllo di autorità VIAF: (EN37998485 · GND: (DE129444251