Fortezza Santa Barbara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fortezza Santa Barbara
Fortezza San Barnaba
Mura di Pistoia
Entrata fortezza santa barbara - pistoia.JPG
Ingresso
Ubicazione
Stato Italia Italia
Città Pistoia
Coordinate 43°55′44.94″N 10°55′21.36″E / 43.92915°N 10.9226°E43.92915; 10.9226Coordinate: 43°55′44.94″N 10°55′21.36″E / 43.92915°N 10.9226°E43.92915; 10.9226
Informazioni generali
Altezza circa 11 metri
Inizio costruzione 1539
Costruttore Giovan Battista Bellucci e Nanni Unghero
Materiale Mattoni
Proprietario attuale Stato italiano
Visitabile
Sito web Fortezza Santa Barbara, Sito web ufficiale
Informazioni militari
Utilizzatore Granducato di Toscana
Funzione strategica Difensiva
Termine funzione strategica 1774
Armamento Armi da fuoco
Azioni di guerra Assedio della città 1643
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La fortezza Santa Barbara è un'antica fortificazione della città di Pistoia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sorta su un preesistente fortilizio medievale eretto dai fiorentini nel 1331 nei pressi di una cappella dedicata a San Barnaba e distrutto dai pistoiesi per rappresaglia nel 1343, conserva la grande torre e tracce modeste di quelle antiche strutture.

Venne realizzata per volere di Cosimo I de' Medici, che ne affidò il progetto a Nanni Unghero; i lavori, che iniziarono nel 1539, erano diretti da Giovan Battista Bellucci. L'intento era di porre fine alle velleità guerresche dei pistoiesi piuttosto che alle minacce esterne. Il nucleo centrale venne ampliato da Bernardo Buontalenti che la collegò con un nuovo baluardo alle mura cittadine.

Venne disarmata dal Granduca Pietro Leopoldo nel 1774, dopo aver sostenuto in tutta la sua storia un solo assedio, quello del 1643, quando le truppe dei Barberini attaccarono la città e furono respinte. Fu utilizzata successivamente come caserma, carcere militare, distretto[1]. Al suo interno i tedeschi nel 1944 fucilarono quattro giovani pistoiesi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Collocata all'angolo sud-est delle mura cittadine, ha pianta quadrilatera bastionata con possenti mura a scarpata realizzate in mattoni. L'ingresso è al centro della cortina, i parapetti sono inclinati, le cannoniere si trovano nei fianchi rettilinei e il tratto verticale della cortina è notevolmente sviluppato in altezza. Risponde ai criteri costruttivi di un'architettura grossa o soldatesca che non prevede soluzioni formali o decorative come era tipico dell'architettura militare di Cosimo I.

Fase medievale[modifica | modifica wikitesto]

Fino al XV secolo, le cinte murarie risultano squadrate, poligonali con cortine a piombo da cui si ergono torri di avvistamento, che erano utili a sopprimere gli invasori dal fianco, camminamenti, caditoie, fossati e cortine in pietra. Della struttura di epoca medievale, rimangono resti di torri e il mastio, rimasto abbastanza integro. La transizione dalla fortezza di San Barnaba di età medievale alla fortezza di Santa Barbara di stampo rinascimentale è dovuta ai differenti metodi di approccio propri degli assedianti che ora dispongono delle nuove armi da fuoco al posto di balestre e catapulte, pertanto si eliminano le cime delle torri e gli angoli vivi e si costruisce il fronte bastionato[2].

Scale che conducono ad un'entrata laterale nel lato nord-est

Fase rinascimentale[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del XVI secolo gli interventi del Bellucci e del Buontalenti sono finalizzati a rimuovere i beccatelli della torre rimasta, che viene espansa e risparmiata dalla cimatura, a differenza del campanile di San Paolo e San Pier Maggiore che impedivano la vista e il controllo sulla città. L'edificio resta quasi invariato fino ai giorni nostri, eccezion fatta per qualche lavoro di restauro e adattamento alle varie funzioni che la fortezza ha svolto nel tempo.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Gurrieri, La fortezza rinascimentale di Santa Barbara a Pistoia, Firenze, Nardini Editore, 1980.
  2. ^ Francesco Gurrieri
  3. ^ Francesco Gurrieri, La fortezza rinascimentale di Santa Barbara a Pistoia, Firenze, Nardini Editore, 1980.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Gurrieri, La fortezza rinascimentale di Santa Barbara a Pistoia, Firenze, Nardini Editore, 1980.
  • Gianluca Iori, La fortezza di San Barnaba, Firenze, Diple Edizioni, 2001, ISBN 88-88082-02-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana