Giovanni Gonzaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Giovanni Gonzaga (disambigua).
Giovanni Gonzaga
Giovanni Gonzaga.PNG
Ritratto di Giovanni Gonzaga, 1530 circa.
Signore di Vescovato
Stemma
In carica 1494 –
1525
Nascita Mantova, 1474
Morte Mantova, 23 settembre 1525
Dinastia Gonzaga
Padre Federico I Gonzaga
Madre Margherita di Baviera
Consorte Laura Bentivoglio
Figli Federico, Francesco, Alessandro, Ginevra, Sigismondo I, Camilla, Eleonora, Galeazzo
Religione cattolica
Marchesato di Mantova
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg

Gianfrancesco
Figli
Ludovico III
Federico I
Francesco II
Federico II
Figli
Modifica
Giovanni Gonzaga
NascitaMantova, 1474
MorteMantova, 22 settembre 1526
Cause della mortemalattia
EtniaItaliano
ReligioneCattolicesimo
Dati militari
Paese servito
Forza armata
Esercito Del Ducato di Milano
Tercio
Esercito dello Stato della Chiesa
Esercito del Sacro Romano Impero
Esercito della Serenissimi Repubblica di Venezia
Esercito Reale Francese
ArmaCavalleria
SpecialitàCapitano di ventura
Anni di servizio14901525
Grado
Battaglie
voci di militari presenti su Wikipedia

Giovanni Gonzaga (Mantova, 1474Mantova, 23 settembre 1525) condottiero, era figlio del marchese di Mantova Federico I Gonzaga e di Margherita di Baviera. Fu capostipite della linea collaterale dei Gonzaga di Vescovato.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo fratello maggiore Francesco II Gonzaga ereditò il titolo di marchese di Mantova alla morte del padre. All'età di cinque anni ricevette dalla madre una vasta proprietà, corte del Poggio, nei pressi di Poggio Rusco.

Durante la sua carriera militare fu, tra gli altri, al servizio di Ferdinando II di Aragona, dell'imperatore Massimiliano I, che lo nominò capitano generale, e del re Luigi XII di Francia, del quale diventò consigliere e ciambellano.

Il 20 giugno 1491 si sposò a Bologna con Laura Bentivoglio, figlia di Giovanni II Bentivoglio, signore di fatto della città. Si stabilirono a Mantova nel 1494 nel palazzo di Giovanni, ora perduto.

Giovanni e Laura, signori di Vescovato, diedero vita al relativo ramo cadetto dei Gonzaga di Vescovato[1].

Ricoprì importanti incarichi diplomatici per la corte gonzaghesca e per loro fu anche consulente d'arte. Fu lui stesso collezionista d'arte e letterato.

Nel 1512 Massimiliano Sforza, in segno di ringraziamento per le sue attività militari, lo investì di numerosi feudi ai quali dovette in seguito rinunciare.

Morì a Mantova nel 1525.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni e Laura Bentivoglio (morta nel 1523) ebbero otto figli:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Gonzaga Padre:
Federico I Gonzaga
Nonno paterno:
Ludovico III Gonzaga
Bisnonno paterno:
Gianfrancesco Gonzaga
Trisnonno paterno:
Francesco I Gonzaga
Trisnonna paterna:
Margherita Malatesta
Bisnonna paterna:
Paola Malatesta
Trisnonno paterno:
Malatesta IV Malatesta
Trisnonna paterna:
Elisabetta da Varano
Nonna paterna:
Barbara di Brandeburgo
Bisnonno paterno:
Giovanni l'Alchimista
Trisnonno paterno:
Federico I di Brandeburgo
Trisnonna paterna:
Elisabetta di Baviera-Landshut
Bisnonna paterna:
Barbara di Sassonia-Wittenberg
Trisnonno paterno:
Rodolfo III di Sassonia-Wittenberg
Trisnonna paterna:
Anna di Meissen
Madre:
Margherita di Baviera
Nonno materno:
Alberto III di Baviera
Bisnonno materno:
Ernesto di Baviera-Monaco
Trisnonno materno:
Giovanni II di Baviera
Trisnonna materna:
Caterina di Gorizia
Bisnonna materna:
Elisabetta Visconti
Trisnonno materno:
Bernabò Visconti
Trisnonna materna:
Regina della Scala
Nonna materna:
Anna di Braunschweig-Grubenhagen
Bisnonno materno:
Erich I di Braunschweig-Grubenhagen
Trisnonno materno:
Alberto I di Brunswick-Grubenhagen
Trisnonna materna:
Agnese I di Brunswick-Lüneburg
Bisnonna materna:
Elisabetta di Brunswick-Göttingen
Trisnonno materno:
Ottone I di Brunswick-Göttingen
Trisnonna materna:
Margherita di Berg

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Amadei, Ercolano Marani (a cura di), I Gonzaga a Mantova, Milano, 1975. ISBN non esistente.
  • Giulio Girondi, Il palazzo di Giovanni Gonzaga, Ladispoli, 2013, ISBN 978-88-98662-02-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN169448078 · GND (DE143873539 · CERL cnp01284040 · WorldCat Identities (EN169448078