Emilia Cauzzi Gonzaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emilia Cauzzi Gonzaga
Portrait of Emilia Cauzzi Gonzaga.jpg
Signora consorte di Gazzuolo
In carica ? –
1555
Predecessore Emilia Bentivoglio
Successore Francesca Guerrieri
Altri titoli Signora consorte di San Martino dall'Argine, Isola Dovarese, Dosolo, Correggioverde e Commessaggio
Nascita Mantova, 1524
Morte Cremona, 3 aprile 1573
Luogo di sepoltura Chiesa dei Santi Fabiano e Sebastiano, San Martino dall'Argine
Padre Federico II Gonzaga
(Francesco Cauzzi Gonzaga)
Madre Isabella Boschetti
Consorte di Carlo Gonzaga
Figli Pirro
Scipione
Francesco
Alfonso
Ferrante
Giulio Cesare
Religione Cattolicesimo

Emilia Cauzzi Gonzaga (Mantova, 1524Cremona, 3 aprile 1573) è stata una nobildonna italiana.

Marchesato di Mantova
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg

Gianfrancesco
Figli
Ludovico III
Federico I
Francesco II
Federico II
Figli
Modifica

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Emilia era la figlia naturale di Federico II Gonzaga, V marchese di Mantova e della sua amante Isabella Boschetti.[1][2]

Alcuni studiosi attribuiscono la sua paternità a Francesco Cauzzi Gonzaga[3], marito di Isabella.[4]

Morì a Cremona nel 1573 e venne sepolta nella chiesa dei Santi Fabiano e Sebastiano di San Martino dall'Argine.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Andò in sposa a Carlo Gonzaga; dal matrimonio nacquero:

I figli maschi furono affidati dal padre morente alla tutela della madre Emilia, del cardinale Ercole Gonzaga e di Vespasiano, signore di Sabbioneta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genealogia Gonzaga di Bozzolo, su genealogy.euweb.cz.
  2. ^ (EN) Geneanet.org. Emilia Cauzzi de Gonzague.
  3. ^ Roberto Brunelli, I Gonzaga con la tonaca, Ciliverghe, 2005.
  4. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Torino, 1835.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Amadei e Ercolano Marani (a cura di), I ritratti gonzagheschi della collezione di Ambras, Mantova, 1980, ISBN non esistente.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]