Gianni Romoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Romoli, più noto come Gianni Romoli (Roma, 18 luglio 1949), è uno sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza" nel 1973 con una tesi sull'"Avanguardia e sperimentazione cinematografica a Roma dal 1961 al 1968". Dopo la laurea parte per gli Stati Uniti dove trascorre quasi un anno. Tornato a Roma, entra qualche anno dopo come programmista responsabile nell'organizzazione del cineclub romano "L'occhio, l'orecchio e la bocca", una piccola sala cinematografica presa in gestione da amici a Trastevere, dove si proiettavano film e si proponevano spettacoli di teatro sperimentale. Qui Gianni Romoli può applicare le idee e le esperienze derivate dal suo soggiorno negli USA: parte l'idea di "maratona", la proiezione anche di otto film consecutivi nello stesso giorno, anche amatoriali e in super8, che fonde, in una sorta di Blob, generi, autori, temi affrontati e tecniche. Nel 1977 partecipa a "Massenzio", una rassegna promossa dal Comune di Roma. In tandem con Flavio Merkel, scrive "1000 quiz sul cinema", pubblicato nel 1981.

Alla fine degli anni 70, Romoli incontra Giancarlo Giannini, che gli commissiona una sceneggiatura di un breve racconto horror Il piccolo assassino (Giannini cerca uno sceneggiatore alle prime armi che non costi molto). Romoli scrive diverse sceneggiature per Giannini. Giannini cambia poi genere e gli propone una commedia con la regia di Sergio Corbucci, Bello mio, bellezza mia del 1983. Inizia un lungo periodo di progetti che non vanno in porto ma che gli serviranno da apprendistato sotto la guida di Sergio Corbucci. Anche Sono un fenomeno paranormale (1985), un film con Alberto Sordi, non ha il successo sperato.

Dopo una breve collaborazione artistica, tra la cantautrice palermitana Giuni Russo ed il produttore Flavio Merkel, viene chiesto l'aiuto di Gianni Romoli, per la realizzazione della nuova sigla della rubrica televisiva e cinematografica Effetto Cinema di Flavio Merkel e Claudio Masenza, in onda su Rai Uno, tra il 1987 e il 1988. Per la nuova sigla, verrà scelto un brano inedito di Giuni, Diva divina, scritto da lei stessa, con l'ausilio di Romoli e di Maria Antonietta Sisini, per il quale verrà realizzato anche un videoclip musicale.

Vittorio Cecchi Gori gli chiede di scrivere un film che avrebbe dovuto produrre Dario Argento per Luca Verdone. Quando la regia de La setta passa da Luca Verdone a Michele Soavi inizia la collaborazione con Dario Argento. Il film uscirà poi nel 1991 e l'anno successivo Argento richiama Romoli a scrivere con lui la prima stesura di Trauma. È nello stesso periodo che Lamberto Bava chiede allo sceneggiatore di scrivere una fiction favolistica per Mediaset: Fantaghirò.

Nel 1994 Romoli apre una società di produzione con Tilde Corsi e Michele Soavi, la "Audi film", che produce Dellamorte Dellamore. Negli anni successivi continua a scrivere sceneggiature finché decide di non scrivere più per altri produttori, ma di dedicarsi come sceneggiatore solo a film che lui stesso produrrà. Con la sua casa produrrà anche film scritti da altri.

Nel 1999 con una nuova società, la R&C Produzioni, produce con Tilde Corsi e scrive con Ferzan Özpetek (un amico che aveva debuttato l'anno prima con Il bagno turco) il film Harem Suare. L'anno successivo esce Kippur di Amos Gitai e nel 2001 Le fate ignoranti, scritto e prodotto da Romoli sempre per Ozpetek. Il film vince cinque Nastri d'Argento di cui due vanno a Romoli, per Miglior Soggetto e per Miglior Produttore dell'anno.

Nel febbraio del 2003 scrive e produce un altro film di Ozpetek, La finestra di fronte.

Del 2005, scrive e produce sempre con Ozpetek il film Cuore Sacro.

Nel 2007 è la volta dell'ultimo film con la collaborazione di Ozpetek, Saturno Contro.

Con la R&C Produce e supervisiona la realizzazione dei film di Vincenzo Marra Vento di Terra e di Il passato è una terra straniera di Daniele Vicari.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Soggettista e sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90993364 · ISNI: (EN0000 0001 0923 8443 · LCCN: (ENnr97030897 · GND: (DE138736561 · BNF: (FRcb141331057 (data)