Gianluigi Cavallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianluigi Cavallo
LitfibaCavallo.jpg
Gianluigi Cavallo al Palermo Festival il 25 giugno 2003
NazionalitàItalia Italia
GenereRock
Periodo di attività musicale1994 – 2006
2014 – in attività
GruppiVooDooClan, Litfiba, IlNero
Album pubblicati5
Studio3
Live1
Raccolte1
Opere audiovisive1
Sito ufficiale

Gianluigi Cavallo, detto Cabo (Parma, 9 agosto 1968), è un cantante, chitarrista e compositore italiano, conosciuto principalmente per aver militato nel gruppo dei Litfiba tra il 1999 e il 2006. Il gruppo, durante questo periodo, ha venduto più di 200.000 album e ottenuto quattro dischi d'oro.[1]

Il soprannome "Cabo" deriva dalla contrazione di "caballo", traduzione in spagnolo del cognome[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Parma, frequenta il liceo artistico Gentileschi di Carrara e comincia a lavorare come programmatore, mentre la passione per la musica lo porta a esibirsi come disc jockey presso alcune radio della provincia. L'esordio discografico è del 1994 con il mix 12" Brooklyn contenente, in tre versioni differenti, il brano Cavalcamix, un medley in stile elettrodance di classici rock anni 1950[3]. Pochi mesi dopo esce un altro mix 12" con la sigla Indyana con il pezzo A Say Baby, pezzo dance contenente la rivisitazione di un riff dei Ram Jam nel brano Black Betty[4].

Litfiba[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 entra in contatto con il management dei Litfiba che decide di produrgli il disco d'esordio solista. Questo disco non vedrà però la luce perché nel 1999 Cavallo diventa il cantante e frontman dei Litfiba[5]. Anziché scegliere un cantante già noto, Ghigo Renzulli decide di optare su un cantante che era fino a quel momento sconosciuto al grande pubblico. Durante la militanza nei Litfiba, Cavallo scrive i testi e una parte delle musiche degli album Elettromacumba (2000), Insidia (2001) ed Essere o sembrare (2005).

Negli anni della sua permanenza nel gruppo, partecipa a vari tour e a due album dal vivo. Il primo, dal nome Live on Line (LoL), è distribuito gratuitamente e pioneristicamente su internet tramite il portale Lycos già nel 2001.[6]. Di LoL esiste anche un'edizione a tiratura limitata promozionale a cofanetto contenente sette cd singoli.

Annuncia pubblicamente la sua uscita dai Litfiba nel novembre 2006, inviando un'email ai fan.[7]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1998 e il 2002 è autore e conduttore radiofonico di tre programmi trasmessi da alcune radio della Toscana e dell'Emilia Romagna e poi da radio di altre regioni: Time to Rock, nel quale sono proposti classici rock[8], L'avvocato del diavolo, raccontando storie e vicende legate al mondo del rock'n'roll[9] e L'Eretico, definito come un "viaggio attraverso la storia, tra i segreti, i miti e le leggende"[10]. Dal 2014 parte di queste registrazioni radiofoniche è disponibile in streaming tramite la piattaforma Mixcloud.[11]

Dopo i Litfiba[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua militanza nei Litfiba, Cavallo produce con Carlo Barducci l'album d'esordio della band folk Scaramouche[12] (della quale era batterista Pino Fidanza, poi batterista dei Litfiba dal 2007 al 2012) e dei Morpin[13]. Dopo l'uscita dai Litfiba torna al lavoro di informatico con una propria impresa[14][15].

L'8 gennaio 2014, dopo sette anni di assenza, torna sulle scene musicali pubblicando un videoclip in cui interpreta il brano Heroes di David Bowie[1][16].

Il 7 dicembre 2014 si esibisce a sorpresa e sotto falso nome in un concerto dove esegue solo brani inediti[17].

IlNero[modifica | modifica wikitesto]

L'8 gennaio 2015, ad un anno esatto dalla pubblicazione di Heroes, viene annunciata la nuova band di Cabo dal nome IlNero in cui, oltre a Cavallo, suona suo figlio e altri quattro musicisti provenienti dalla scena emergente.

L'uscita dell'album di esordio, prevista inizialmente per settembre 2015[18], è poi stata fissata al 16 ottobre 2015 [19]. Il titolo dell'album, E=MC² - Essenza di macchina cuore cervello è anche quello di un libro autobiografico dello stesso Cabo, pubblicato in concomitanza con il disco[20].

Il primo singolo estratto da E=MC2 è Cuore, il cui video è stato pubblicato il 5 ottobre 2015. Cuore è stato poi reso disponibile in download gratuito sul sito de IlNero in un EP digitale contenente anche l'inedito Soli ed unici (brano già eseguito live dalla band e contenuto nel demotape da solista del 1995) e la cover di Heroes di David Bowie[21]. Il 19 aprile 2016 viene pubblicato il video del secondo singolo, L'Ultimo Stupido[22].

Discografia solista[modifica | modifica wikitesto]

Singoli ed EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 1994 - Brooklyn (12" a nome "DJ Cavallo")
  • 1994 - A Say Baby (12" a nome "Indyana")
  • 2012 - Brooklin (EP digitale a nome "Cavallo")[23]

Demotape[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995 - Il Patto (a nome "Cabo")

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni a Compilation[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 - Dance Blitz '96 (Brooklyn)
  • 1996 - Maxi Dance vol.2 ∙ Eurodance (Brooklyn)
  • 1996 - Keep On Dancin vol.2 ∙ Cool Club Tracks (Brooklyn)
  • 2007 - Euro Club Hits vol.4 (Brooklyn)

Discografia con i Litfiba[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Litfiba.

Discografia con IlNero[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli ed EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 - Cuore (EP digitale contenente anche Soli ed unici ed Heroes)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 - Soli ed unici (live)
  • 2015 - Cuore
  • 2016 - L'Ultimo Stupido

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b "Cabo" Cavallo rompe il silenzio: ecco i suoi "Heroes" - Libero Quotidiano
  2. ^ Som Reloaded: 9 agosto, un salto nel tempo: Juri Camisasca, Paul Samson, Pete Thomas, Gigi Restagno e altri. - Paperblog
  3. ^ The Cabo Archives: 1994 - Brooklyn Archiviato il 12 maggio 2014 in Internet Archive.
  4. ^ (EN) Indyana – A Say Baby, su Discogs, Zink Media.
  5. ^ Guglielmi, pp. 126-128
  6. ^ Locandine; banner promozionale
  7. ^ √ Litfiba: Cabo lascia la band. E i 'rumors' dei fan dicono che... - Rockol
  8. ^ Copia archiviata, su the-cabo-archives.blogspot.it. URL consultato il 9 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2014).
  9. ^ The Cabo Archives: L'Avvocato Del Diavolo Archiviato il 12 maggio 2014 in Internet Archive.
  10. ^ The Cabo Archives: L'Eretico Archiviato il 12 maggio 2014 in Internet Archive.
  11. ^ http://www.mixcloud.com/gianluigicavallo1/
  12. ^ Note di Copertina del disco d'esordio degli Scaramouche
  13. ^ MOR (Stefano Mordenti) al lavoro sul nuovo album: uscirà nel 2014 Archiviato il 27 dicembre 2013 in Internet Archive.
  14. ^ L'ex chitarrista rock che ha inventato lo “sfoglio” sull'iPad
  15. ^ Miles 33 acquisisce l'azienda leader Virtualcom
  16. ^ Articolo del quotidiano Il Tempo sul ritorno di Cabo
  17. ^ Il ritorno di cabo, questa volta LIVE!!! - Litfibopolis
  18. ^ Annuncio della nascita del progetto Ilnero
  19. ^ Confermata l'uscita dell'album
  20. ^ libro Essenza di Macchina Cuore Cervello (E=MC2) (ilnero.it)
  21. ^ Anteprima del singolo CUORE (ilnero.it)[collegamento interrotto]
  22. ^ IlNero: guarda il video L'Ultimo Stupido (Virgin Radio)
  23. ^ si tratta di una riedizione del disco del 1994 ma il titolo della canzone è modificato da Brooklyn a Brooklin e il nome dell'artista da DJ Cavallo diventa Cavallo. Inoltre, rispetto al disco del 1994 l'ordine delle tracce 1 e 2 è invertito.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Guglielmi, A denti stretti. La vera storia dei Litfiba, Firenze, Giunti Editore, 2000, ISBN 978-88-09-01729-0.
  • Federico Guglielmi, Fuori dal coro. La vera storia dei Litfiba, Roma, Arcana editore, 2012, ISBN 978-88-6231-229-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN80128357