El diablo (album Litfiba)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
El diablo
ArtistaLitfiba
Tipo albumStudio
Pubblicazione19 novembre 1990
Durata36:30
Dischi1
Tracce8
GenereRock latino[1]
Hard rock[1]
EtichettaCGD
ProduttoreAlberto Pirelli
Registrazioneallo studio Al Capone di Arezzo da Fabrizio Simoncioni
FormatiLP, MC, CD
Certificazioni
Dischi di platinoItalia Italia (2)[2]
(vendite: 400 000+)
Litfiba - cronologia
Album precedente
(1989)
Album successivo
(1992)
Singoli
  1. Il volo
    Pubblicato: 1990 (solo per il mercato estero)
  2. El diablo
    Pubblicato: 30 ottobre 1990
  3. Gioconda
    Pubblicato: 1991
  4. Proibito
    Pubblicato: 1991

El diablo è il quarto album in studio del gruppo musicale italiano Litfiba, pubblicato il 19 novembre 1990 dalla CGD.

È il disco che fa raggiungere ai Litfiba il grande pubblico, raggiungendo circa 400.000 copie vendute in circa un anno e mezzo.[2]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

È il primo album in studio dei Litfiba che non sia suonato dalla formazione originaria; la band rimane capitanata dal duo Piero Pelù/Ghigo Renzulli, che si avvale della collaborazione del tastierista Antonio Aiazzi. Il disco getta le basi per la costruzione della cosiddetta "tetralogia degli elementi" che prenderà corpo negli anni successivi, e che rappresenterà i quattro elementi naturali; questo disco è dedicato al fuoco.

Il disco è caratterizzato da pezzi di denuncia, come la title track, che ironizza sul presunto satanismo nel rock, Woda-Woda, sulla penuria di acqua sul pianeta Terra e la celebre Proibito, che descrive un mondo limitato in tutto, dove niente è più effettivamente libero. Ci sono pezzi molto più intimi e introspettivi come Ragazzo e Il volo, che ricorda la triste scomparsa del loro batterista Ringo De Palma, morto per un'overdose di eroina, e a cui è dedicato il disco.

Con questo album la band si sposta su un rock più diretto e meno underground proseguendo sull'onda del cambiamento iniziato con Litfiba 3 e Pirata e avendo ormai abbandonato la vecchia formazione in cui le sonorità erano decisamente più vicine alla new wave/dark e più genericamente al rock alternativo. Questo disco è inoltre caratterizzato da un suono ricco di influenze latine.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Piero Pelù/Ghigo Renzulli.

  1. El diablo – 4:26
  2. Proibito – 3:49
  3. Il volo – 4:22
  4. Siamo umani – 4:09
  5. Woda-Woda – 5:04
  6. Ragazzo – 4:42
  7. Gioconda – 5:08
  8. Resisti – 4:50

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il volo (promo)
  2. El diablo (promo, videoclip)
  3. Gioconda (promo, videoclip)
  4. Proibito (promo, videoclip)[3])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Tommaso Franci, Litfiba - Firenze wave, Onda Rock.
  2. ^ a b Federico Guglielmi, A denti stretti: la vera storia dei Litfiba, Giunti, 2000, p. 75, ISBN 88-09-01729-3.
  3. ^ il videoclip è quello della versione remix inclusa nella raccolta Sogno ribelle del 1992

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock