Roberto Terzani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Terzani
NazionalitàItalia Italia
GenereRock
Strumentobasso, chitarra, voce
Sito ufficiale

Roberto Terzani (Bologna, 10 ottobre 1957) è un musicista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia piccolissimo (a sei anni) a suonare il pianoforte, componendo la sua prima canzone all'età di otto anni. Un paio di anni dopo la morte del fratello Marco lo scuote particolarmente e si rifugia nella musica.

Qualche anno dopo forma la sua prima band, i Windopen, lascia la scuola e comincia a lavorare in un'officina. Con il primo stipendio decide di comprarsi un basso e di dedicarsi a tempo pieno alla musica. Il gruppo riesce a firmare un contratto per la Cramps, incidendo un singolo e riuscendo ad attirare le attenzioni di case discografiche multinazionali dalle quali rifiuteranno ogni offerta. Sua è la sigla del TG1 dal 1986 al 1992.

Dopo lo scioglimento dei Windopen, si trasferisce a Firenze ed entra a far parte degli Hypnodance dove conosce il batterista Daniele Trambusti.

Grazie alle informazioni fornite da quest'ultimo, Roberto nel 1989 scopre che la più importante rockband italiana di quel momento cerca un bassista in sostituzione di Gianni Maroccolo, fuoriuscito dalla band nell'estate di quell'anno. Viene subito scelto e diventa membro dei Litfiba. Rimarrà in tale gruppo durante tutto il periodo d'oro, dal 1990 al 1999, anno della divisione tra Piero Pelù e Ghigo Renzulli. I suoi ruoli nei Litfiba sono molteplici: dapprima entra a far parte della band come bassista (1990-1993), successivamente, dopo un brevissimo allontanamento durante le registrazioni dell'album Spirito, rientra come secondo chitarrista e, dal '96, aggiungerà a questo ruolo la mansione di tastierista. Dal 1990 al 1994 ha suonato il basso nella sigla di Italia 1 film, ciclo di film in onda su Italia 1 e dal 1996 al 1998 ha suonato la tastiera sempre nella stessa sigla.

Nel gennaio del 1995 diventerà padre di Alice.

Nel 1999, avvertendo forti frastuoni nell'ambiente Litfiba, fonda assieme agli altri componenti (esclusi, ovviamente, Pelù e Renzulli) un progetto alternativo chiamato Blitz. Il ruolo di cantante era affidato allo stesso Terzani e alla chitarra vi era Giacomo Castellano, successivamente sostituito da Cristiano Maramotti.

Il progetto Blitz non ebbe lunga durata perché dopo l'allontanamento di Pelù dai Litfiba, Terzani e gli altri componenti dei Blitz decidono di collaborare alla carriera solista di Piero Pelù entrando nel Supercombo. Terzani resterà fino al 2003, partecipando ai primi due dischi del rocker fiorentino: Né buoni né cattivi e U.D.S. - L'uomo della strada e ai relativi tour.

Nel 2003 decide di allontanarsi da Pelù ed incide nel 2005 il suo primo album da solista, RobertoTerzani.hits, trainato dal singolo Dai!.

Nel 2007 rientra nei rinnovati Litfiba con Filippo Margheri alla voce ricoprendo nuovamente il ruolo di bassista anche se partecipa attivamente anche alla composizioni dei brani. Partecipa quindi alla registrazione del Five on Line, un EP registrato in presa diretta in sala prove e pubblicato solo online. Visto il disinteresse delle case discografiche, nel novembre del 2009, naufraga il progetto. Pochi giorni dopo, viene annunciata la reunion dei Litfiba, con il ritorno di Piero Pelù alla voce, e la contemporanea cacciata di Terzani.

Il 28 dicembre 2009 lo stesso pubblica il seguente messaggio sulla bacheca della propria pagina ufficiale su Facebook: "IO NON CI SARO' (CON TUTTO IL MIO ENTUSIASMO) È incredibile come certa gente possa covare tanto rancore per questioni di cui sanno solo loro. E chissà da quanto tempo coltivano astio a tua insaputa senza per altro avere almeno il coraggio di dirtelo in faccia. Ma quale rock'n'roll? Certa gente non mi dà niente perché è vuota, angosciata e presuntuosa! Parlando invece di altri, voglio augurare un grosso in bocca al lupo a Ghigo e ad Alberto per la "nuova" avventura che si apprestano ad affrontare. ROB3"[1]

Nel maggio del 2010 esce il suo nuovo singolo intitolato "XXI Secolo".

Nel 2012 partecipa al disco di Mauro Patelli, storico chitarrista di Luca Carboni al suo esordio solista, dal titolo Di bene in meglio, uscito nel mese di maggio.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Windopen[modifica | modifica wikitesto]

  • 1978 - Windopen Rock
  • 1981 - Commands
  • 1982 - Nessun controllo

Con Freak Antoni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1981 - L'incontenibile Freak Antoni

Con Massimo Altomare[modifica | modifica wikitesto]

  • 1988 - Il grande ritmo dei treni neri
  • 1990 - Un'ora di libertà

Con gli Hypnodance[modifica | modifica wikitesto]

Con i Litfiba[modifica | modifica wikitesto]

Con Piero Pelù[modifica | modifica wikitesto]

Con Mauro Patelli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 - Di bene in meglio

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]