Fran Drescher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fran Drescher nel 2018

Fran Drescher, all'anagrafe Francine Joy Drescher (New York, 30 settembre 1957), è un'attrice e doppiatrice statunitense.

Negli anni novanta è diventata nota per il ruolo di Fran Fine (Francesca Cacace nell'adattamento italiano), nella sitcom La tata.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel Queens (New York) in una famiglia ebraica, da sempre intenzionata a diventare attrice, studia presso la Hillcrest High School e contemporaneamente frequenta un corso di recitazione, dove conosce Peter Marc Jacobson, futuro produttore, che nel 1978 diventa suo marito (i due divorzieranno nel 1999). Dopo altri lavori, come la parrucchiera e l'estetista in un salone di bellezza di sua proprietà, fa il suo debutto cinematografico a diciannove anni, nel 1977, con un piccolo ruolo nel film La febbre del sabato sera con John Travolta.

Nel 1981 prende parte al film Ragtime, per la regia di Miloš Forman e per tutti gli anni ottanta recita in numerose commedie per lo più inedite in Italia del filone goliardico collegiale, tra cui This Is Spinal Tap, per la regia di Rob Reiner (1984) e Il grande regista (1989), dove recita al fianco di Kevin Bacon.

Nello stesso periodo appare in molte serie e sitcom di successo come Saranno famosi, Dalle 9 alle 5, orario continuato, Il mio amico Ricky, Casalingo Superpiù, Giudice di notte e Disneyland.

Negli anni novanta appare anche nelle serie ALF, Linea diretta e Dream On, continuando a recitare in film per la tv e per il cinema.

Ma è nel 1993 interpretando la spigliata e provocante Fran Fine (Francesca Cacace nell'adattamento italiano) nella sitcom La tata, di cui è produttrice insieme al marito, che raggiunge la popolarità planetaria. Qui interpreta una venditrice di cosmetici porta a porta che viene assunta da un affascinante milionario per badare ai suoi tre figli. Grazie a questa serie, Fran Drescher mette in luce la propria travolgente forza comica, e ottiene uno straordinario successo. La tata, che le ha permesso di lavorare anche come autrice, produttrice e regista di alcuni episodi, chiude i battenti nel 1999 dopo sei fortunate stagioni.

Per il cinema recita ancora in film come Cadillac Man (1990) di Roger Donaldson, e Jack (1996) di Francis Ford Coppola, entrambi con Robin Williams, L'amore è un trucco (1997) di Ken Kwapis, di cui è protagonista e produttrice, e Ho solo fatto a pezzi mia moglie (2000) di Alfonso Arau, con Woody Allen.

Nel 2005 è di nuovo protagonista in TV nella sitcom A casa di Fran, di cui è anche produttrice, e interpreta Fran Reeves, madre divorziata che vive una relazione con un giovane ragazzo. I bassi ascolti costringeranno a chiudere la serie dopo la seconda stagione.

Nel 2011 l'attrice torna in televisione con Happily Divorced, una sitcom in cui racconta la sua personale esperienza di divorzio da Peter Marc Jacobson (che insieme a lei produce questa serie) dopo che quest'ultimo si dichiarò bisessuale. Fran e Peter sono rimasti comunque degli ottimi amici. Anche questa sitcom chiude dopo la seconda stagione. Nel 2014 Fran Drescher fa il suo debutto a Broadway interpretando la matrigna di Cenerentola nel musical Cinderella di Rodgers e Hammerstein.

Nel 2017 è stata una delle sette donne di successo omaggiate da Yvonne Sciò, che aveva recitato in due episodi de La tata, nel suo documentario Seven Women.

Si è dedicata spesso anche al doppiaggio di serie animate e nel 2020 ha recitato nella sitcom Indebted della NBC, cancellata però dopo una sola stagione.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 1985, è protagonista di un drammatico fatto di cronaca: due malviventi armati irrompono nell'appartamento di Los Angeles della Drescher e di Jacobson. Mentre uno di questi svaligia la casa, l'attrice e una sua amica vengono violentate dall'altro rapinatore sotto la minaccia di una pistola. Inoltre Jacobson viene brutalmente picchiato, legato, e costretto ad assistere alle violenze. Occorrono svariati anni perché la Drescher si riprenda dal trauma, ed altri ancora prima che si senta pronta a parlare dello stupro con la stampa. Nel corso di un'intervista concessa a Larry King, l'attrice ha dichiarato che sebbene la violenza sessuale sia stata un'esperienza traumatica, ha trovato la forza di trasformarla in qualcosa di positivo. Nel suo libro Cancer Schmancer, l'attrice scrive: «La mia vita intera è stata incentrata sul tramutare cose negative in positive». Il suo assalitore, in libertà vigilata all'epoca del crimine, tornato in seguito in prigione, fu condannato a due ergastoli[1].

Nel 2000 scopre di soffrire di un cancro all'utero, dopo due anni di visite mediche e ripetuti consulti. L'attrice combatte con successo la malattia e in seguito si impegna, creando una specifica fondazione chiamata Cancer Schmancer, a sostenere le donne che si scoprono malate di cancro, come il suo libro autobiografico che tratta appunto della malattia.

Dopo aver divorziato dal primo marito Peter Marc Jacobson, nel 2014 l'attrice è convolata a nozze con il controverso scienziato indiano del complottismo Shiva Ayyadurai[2], nel 2016 la coppia si è separata.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ LARRY KING LIVE Interview with Fran Drescher, CNN, 6 maggio 2002. URL consultato il 23 luglio 2009.
  2. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/04/16/coronavirus-il-dottor-shiva-ayyadurai-parla-di-complotto-dei-potenti-per-il-vaccino-ma-e-una-bufala-ecco-chi-e-il-sedicente-scienziato-ideatore-di-diverse-fake-news/5772248/
  3. ^ In un flashback dell'episodio 6.11, Fran Drescher interpreta anche zia Assunta da giovane: per l'occasione l'attrice è doppiata da Mirella Pace che in quella serie è appunto la voce di zia Assunta, a differenza di quanto accadeva nell'episodio 4.19 dove la Drescher/giovane Assunta era sempre doppiata da Lorenza Biella. Un altro cambio di voce si registra nell'episodio 4.04 dove Fran Drescher si presenta anche nelle vesti di Bubble Sophie (in originale Bubby Sophie): i dialoghi del fantasma sono doppiati da Lorenza Biella, ma il canto è a cura di un'altra doppiatrice

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59293685 · ISNI (EN0000 0000 7245 6243 · LCCN (ENno96008826 · GND (DE119474700 · BNF (FRcb14173195v (data) · BNE (ESXX1416358 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no96008826