Dobrova-Polhov Gradec

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dobrova-Polhov Gradec
comune
Dobrova-Polhov Gradec – Stemma
Dobrova-Polhov Gradec – Veduta
Localizzazione
StatoSlovenia Slovenia
Regione statisticaSlovenia Centrale
Amministrazione
SindacoLovro Mrak
Territorio
Coordinate46°03′N 14°18′E / 46.05°N 14.3°E46.05; 14.3 (Dobrova-Polhov Gradec)Coordinate: 46°03′N 14°18′E / 46.05°N 14.3°E46.05; 14.3 (Dobrova-Polhov Gradec)
Superficie117,5 km²
Abitanti7 195 (2008)
Densità61,23 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale1355, 1356
Prefisso(+386) 01
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2SI-021
TargaLJ
Provincia storicaAlta Carniola
Cartografia
Mappa di localizzazione: Slovenia
Dobrova-Polhov Gradec
Dobrova-Polhov Gradec
Dobrova-Polhov Gradec – Mappa
Sito istituzionale

Dobrova-Polhov Gradec è un comune di 7.195 abitanti della Slovenia centro-occidentale, i cui centri principali sono i villaggi di Dobrova (in italiano Dobrava, in tedesco Dobrawa, Dobrau) e Polhov Gradec (in italiano Billigradez, in tedesco Billichgrätz). Polhov Gradec è una cittadina di villeggiatura, ai piedi delle Polhograjsko hribovje, le basse montagne chiamate Dolomiti di Polhov Gradec.

Il vecchio castello, che domina il paese, fu costruito nel 1330 su un'altura del Monte Calvario e dal 1384 appartenne ai conti di Celje. Venne distrutto dal terremoto del 1511 e quindi abbandonato. Nelle vicinanze, più a valle, fu subito costruito un altro castello, ben fortificato per resistere agli attacchi dei turchi. Dal 2008 nel maniero ha sede il Museo delle Poste e delle Telecomunicazioni, sezione staccata del Museo Tecnico della Slovenia.[1][2]

Dal 1941 al 1943 ha fatto parte della Provincia Italiana di Lubiana, articolato nei Comuni di Dobrava / Dobrova, Billigradez / Polhov Gradec e S. Josto / Št Jošt.

Vi nacque il cardinale di Toronto Alojzij Ambrožič.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

% Ripartizione linguistica (gruppi principali)
0,04% madrelingua italiana
95,5% madrelingua slovena

[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Museo tecnico della Slovenia – Museo delle poste e delle telecomunicazioni, su visitljubljana.com. URL consultato il 17 marzo 2016.
  2. ^ Slovenia Magazine, TV Koper Capodistria, 16 marzo 2016, a 0 h 0 min 50 s. URL consultato il 17 marzo 2016.
  3. ^ (EN) Popis 2002 - Population by mother tongue, municipalities, su stat.si, 2002.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Slovenia Portale Slovenia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Slovenia