Contea di Tenda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Contea di Tenda
Contea di Tenda – Bandiera Contea di Tenda - Stemma
(dettagli)
Dati amministrativi
Nome ufficiale Contea di Tenda
Cuntea de Tenda
Comitatus Tendensis
Lingue parlate Ligure intemelio (ventimigliese, mentonasco, roiasco, brigasco, monegasco), Latino
Capitale Tenda, Ventimiglia, Valle Roja, Valle Nervia, Triora
Politica
Forma di governo contea
Nascita 1258
Causa Guglielmo Pietro I di Ventimiglia sposa Eudossia Lascaris
Fine 1581 con l'annessione al Ducato di Savoia
Causa cessione della Contea a Casa Savoia
Territorio e popolazione
Bacino geografico alta val Roia
valle Vermenagna
alta val Tanaro
Territorio originale Tenda
Economia
Commerci con Ducato di Savoia
Contea di Nizza
Repubblica di Genova
Religione e società
Religioni preminenti chiesa cattolica
Religione di Stato cattolicesimo
Religioni minoritarie Valdesi, Catari
Evoluzione storica
Preceduto da Contea di Ventimiglia
Succeduto da Savoie flag.svg Ducato di Savoia

La Contea di Tenda (in francese: Comté de Tende in Intemelio: Cuntea de Tenda) era una contea che si estendeva in alta val Roia, valle Vermenagna, l'alta val Tanaro nel basso medioevo. Inoltre aveva due enclavi Castellaro e Prelà. Sino al XIV secolo incluse la contea di Bussana, nell'antica Marca di Albenga, sulla riviera ligure. Sino alla fine del XV secolo il suo nome ufficiale fu quello di Contea di Ventimiglia, di cui faceva parte, avendo Guglielmino conte di Ventimiglia ceduto alcuni diritti sulla città di Ventimiglia al conte di Provenza. I fratelli di Guglielmino, Guglielmo Pietro I e Pietro Balbo, spostarono la sede principale della Contea di Ventimiglia nella cittadina e rocca di Tenda, mantenendo il titolo di Conti di Ventimiglia, signori di Tenda, Briga e Castellar. Nel 1261 Guglielmo Pietro I di Ventimiglia ottiene in sposa Eudossia Lascaris, figlia dell'imperatore bizantino Teodoro II Ducas Lascaris (1221 – 1258),[1] Il paese di Tenda formerà uno stato cuscinetto, indipendente, tra i domini dei Savoia, la Repubblica di Genova e la Contea di Nizza degli Angioini. Dal 1275 fino al 1400 la contea si estenderà sempre più arrivando a comprendere:

La contea arrivava quindi a pochi chilometri dal mar Ligure e comprendeva il colle di Tenda, sull'importante tragitto tra Torino e la riviera ligure, nonché l'importantissima "Via del Sale", fra il Piemonte e Nizza. Dopo che la Contea di Nizza era passata dagli Angioini ai Savoia nel 1388 cominciò ad entrare nell'orbita dei Savoia. I Savoia quindi ottennero inizialmente diritti su Limone, Briga Marittima e Briga Alta col progetto di annettersi completamente la contea. Nel 1501 avvenne il matrimonio tra l'ultima esponente della dinastia Lascaris, Anna di Tenda e un cadetto illegittimo di Casa Savoia, Renato di Savoia (figlio di Filippo II, detto il senza terra e della di lui amante Libera Portoneri). Tra gli anni 1578 e 1581 il Duca di Savoia Emanuele Filiberto ottenne l'annessione diretta della Contea di Tenda. Il Duca Carlo Emanuele I, succeduto a Emanuele Filiberto nel 1580, come primo atto migliorò l'importantissima strada del Colle di Tenda a incominciò la costruzione del celebre traforo che si prolungò per alcuni secoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da quel momento la famiglia assunse il nome di Lascaris

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia